Quelle atipiche 110 polmoniti all'ospedale di Alzano tra novembre e gennaio - BergamoNews
La procura indaga

Quelle atipiche 110 polmoniti all’ospedale di Alzano tra novembre e gennaio

I dati di Ats rivelano un picco di "polmoniti atipiche e non classificabili" registrate col finire del vecchio anno all'ospedale Pesenti Fenaroli

Atipiche polmoniti all’ospedale di Alzano Lombardo già a novembre-dicembre 2019. Lo dicono i dati di Ats Bergamo e Asst Bergamo Est che parlano di un picco di “polmoniti atipiche e non classificabili” registrate col finire del vecchio anno all’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo, quello che con ogni probabilità è stato uno dei più grandi focolai di Covid-19 dal febbraio scorso.

Dai dati forniti dall’Ats agli inquirenti – che stanno lavorando all’inchiesta della procura di Bergamo che indaga sulla mancata istituzione della zona rossa proprio in Val Seriana – si evince che già a fine 2019 una quarantina di persone erano ricoverate in ospedale ad Alzano per virus sconosciuti.

Del Coronavirus si parlava ancora pochissimo e le informazioni che arrivavano dall’allora lontanissima Cina era frammentarie e spesso poco chiare. Per questo, probabilmente, questi numeri sono passati sottotraccia per così tanto tempo.

Le linee guida emanate poi da Roma prevederanno, appunto, che i “sospetti” non dovessero essere trattati come potenziali Sars Covid.

L'ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo

Che quelle polmoniti fossero casi di Coronavirus, ora, è impossibile da dire. In Val Seriana, però, i medici (soprattutto di base) un forte dubbio lo avevano. Ma anche loro erano chiaramente disorientati.

I pazienti con difficoltà respiratorie sono continuati a crescere anche a gennaio e febbraio, fino ad arrivare al 23 febbraio, giorno in cui all’ospedale di Alzano Lombardo viene ufficialmente tamponato il primo paziente affetto da Covid-19.

Ma nel periodo novembre-febbraio quanti malati con polmonite sono passati dal Pesenti Fenaroli? I dati parlano chiaro: centodieci.

Com’è proseguita la vicenda – ahinoi – lo sappiamo tutti, con oltre 6mila morti tra Bergamo città e provincia.

Il 23 febbraio il primo caso accertato di Covi-19 ad Alzano

Il caso – riportato da molti organi di stampa – ha ancora una volta acceso i riflettori sull’emergenza Covid in Bergamasca, tanto che Ats ha emenato un comunicato con alcune precisazioni, con una più ampia chiave di lettura per interpretare e capire i dati (leggi QUI).

leggi anche
  • Arrivate 12mila domande
    Fondi per sostenere il giornalismo durante il Covid: Google seleziona Bergamonews
    google news
  • Bonate sopra
    “Nei mesi più duri del Covid ogni nostro volontario ha lavorato più di 600 ore”
    Protezione civile
  • Da padova
    Inchiesta Covid a Bergamo, un altro consulente per la procura: Daniele Donato
    carabinieri procura nostra
  • Bergamo
    Ats rimuove neo direttore, forte protesta dei medici di famiglia: lasciamo i tavoli Covid
    Medico di base
  • In lombardia
    Il pacchetto sanità della Fase 3: “Esami e visite gratis per chi ha avuto il Covid”
    visite ospedale
  • Le precisazioni
    Ats: “Tante polmoniti atipiche anche negli anni precedenti al 2019: questo escluderebbe il Covid”
    Tamponi Coronavirus
  • Il consulente della procura
    Crisanti: “Polmoniti atipiche ad Alzano? In Veneto 3mila a fine anno, nessuna era Covid”
    Cristanti Alzano
  • I dati della regione
    Covid, a Bergamo altri 22 casi. “Polmoniti atipiche? fino a marzo trend nella norma”
    Tamponi Coronavirus
  • I dati
    Albino: su 2mila testati 83 positivi al tampone, ma asintomatici
    Bergamo, al via i test sierologici
  • Il documento
    Verbale segreto del Comitato scientifico del 3 marzo: “Alto rischio in Valseriana, serve zona rossa”
    nembro alzano spesa coronavirus
  • Asst bergamo est
    Inchiesta sull’ospedale di Alzano, Locati: “Certo della correttezza del mio operato”
    ospedale fenaroli di alzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it