BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Covid, a Bergamo altri 22 casi. “Polmoniti atipiche? fino a marzo trend nella norma”

In Lombardia sono 115 i nuovi positivi, a fronte di 9.758 tamponi effettuati

Sono 22 i nuovi casi di Coronavirus in provincia di Bergamo (ieri 23). In Lombardia sono complessivamente 115, a fronte di 9.758 tamponi effettuati. Quattro i decessi.

Sono i dati diffusi dalla Regione nel pomeriggio di venerdì 3 luglio. Come ogni giorno il report completo riguardante la Lombardia e tutte le altre regioni è disponibile dalle 18 sul sito www.salute.gov.it/nuovocoronavirus.

I dati della Lombardia
dati Regione

Alzano, il caso delle 110 polmoniti

Durante la consueta diretta social sui canali di Lombardia Notizie, la Regione è tornata sul caso delle 110 polmoniti ‘sospette’ all’ospedale di Alzano tra novembre e gennaio. “I dati che abbiamo analizzato confrontando l’andamento dei ricoveri negli ultimi anni dimostrano oltre ogni ragionevole dubbio l’assenza di polmoniti anomale in Val Seriana e in provincia di Bergamo prima dell’inizio dell’epidemia” ha detto Alberto Zucchi, direttore del servizio di epidemiologia dell’Ats Bergamo.

“Abbiamo approfondito il tema – ha spiegato Zucchi – confrontando il numero delle polmoniti sull’intero territorio bergamasco negli ultimi tre anni. L’analisi è stata eseguita secondo criteri specifici utilizzati dagli epidemiologi, ricostruendo la quantità statistica di ricoveri per una serie di codici di patologia. In questo modo abbiamo escluso le patologie batteriche e di altra natura, restringendo il cerchio a quelle più assimilabili alle polmoniti tipiche da Covid-19”.

“Il risultato di questa indagine – ha proseguito l’epidemiologo – dimostra chiaramente che, da gennaio 2017, il trend è sempre rimasto nella norma fino all’inizio della pandemia. Gli andamenti sono corrispettivi alla fase invernale, in cui c’è una stagionalità di presentazione delle polmoniti che rientra nella normalità. I picchi sono invernali di 400 o 500 ricoveri e con attenuazione nei mesi estivi, aspetto del tutto normale. Mentre dopo l’inizio della pandemia i ricoveri sono arrivati anche a 4.000”.

“Stesso discorso – ha aggiunto il dottor Zucchi – vale per l’ospedale di Alzano, dove l’andamento è sovrapponibile a quello provinciale, con pochi casi e senza criticità fino all’inizio dell’emergenza coronavirus. Questi dati, quindi, dimostrano chiaramente che fino a febbraio 2020 nel territorio bergamasco non c’erano particolari anomalie”.

“Adesso – ha concluso – la curva sta scendendo quasi ai livelli di sicurezza. Questo decremento, però non deve far abbassare la guardia. È comprensibile che i cittadini siano stanchi, ma è bene continuare a rispettare le distanze, utilizzare le mascherine all’esterno ed evitare assembramenti”.

I dati della giornata

– i tamponi effettuati: 9.758
totale complessivo: 1.064.173

– i nuovi casi positivi: 115 (di cui 35 a seguito di test
sierologici e 34 ‘debolmente positivi’)

– i guariti/dimessi: 67.871 (+261)
totale complessivo: (65.548 guariti e 2.323 dimessi)

– in terapia intensiva: 41 (=)

– i ricoverati non in terapia intensiva: 241 (=)

– i decessi: 4
totale complessivo: 16.675

I nuovi casi per provincia:

Milano: 24, di cui 12 a Milano città

Bergamo: 22;

Brescia: 15;

Como:2;

Cremona: 10;

Lecco: 4;

Lodi: 4;

Mantova: 3;

Monza e Brianza: 4;

Pavia: 11;

Sondrio: 3;

Varese: 4.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.