Incidente o attentato?

Esplosioni a Beirut, più di 100 vittime, il ministro: “Chi può lasci la città”

Hamad Hasan afferma che materiali pericolosi sprigionatisi nell'aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali.

Il ministro della salute libanese Hamad Hasan consiglia a chiunque possa di andare via da Beirut, devastata martedì da due potenti esplosioni che hanno causato più di 100 morti e 4.000 feriti. Hasan afferma infatti che materiali pericolosi sprigionatisi nell’aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali.

L’appello del ministro mostra con grande evidenza che la situazione nella capitale del Libano è pericolosa e non conclusa con le morti che già sono tantissime e il cui numero sale di ora in ora.

Ma cosa è successo, e perché? Incidente o attentato? Secondo la versione ufficiale riferita direttamente dal presidente del Libano, Michel Aoun, a provocare le esplosioni sarebbe stato un incendio in un deposito nel porto dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave.

Tra i quattromila feriti anche un militare italiano, il caporal maggiore Roberto Caldarulo, del battaglione Gestione Transiti (RSOM) di Bari.

L’edificio di Orient le Jour e al Nahar, due dei principali quotidiani, è stato sventrato. Anche la redazione di Daily star, quotidiano in lingua inglese. E ci sono feriti nello staff del New York Times.

Donald Trump, in una conferenza stampa – annunciando “l’aiuto al Libano” da parte della sua amministrazione – ha affermato che le esplosioni a Beirut “assomigliano a un terribile attentato”, aggiungendo poi che “dirigenti militari Usa pensano a un attacco: a una bomba di qualche tipo”.

La tragedia è avvenuta 15 anni dopo l’esplosione dell’autobomba che uccise Rafiq Hariri (la cui morte mise fine all’occupazione siriana del Libano e cambiò la storia successiva del Paese).

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Libano
Mediterraneo e dintorni
Elezioni in Libano: vince il sistema consociativo, deluse le attese di rinnovamento
Generico
Beirut
Attentato in Libano, sei militari feriti
torri gemelle
L'analisi dello storico
11 settembre 2001, quando il mondo diventò monopolare. Per colpa degli Stati Uniti
beirut esplosione
L'analisi
La tragedia di Beirut, il fallimento di uno Stato
Armi nucleari Beschi
L'appello
“Via subito le armi nucleari”: la petizione di Pax Christi inviata anche al vescovo di Bergamo
Generico agosto 2020
Libano
Generi alimentari e medicine, la raccolta Caritas per la popolazione martoriata di Beirut
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI