Deceduti per Covid, contributo di solidarietà del Comune di Bergamo per le spese funebri - BergamoNews
Il sostegno

Deceduti per Covid, contributo di solidarietà del Comune di Bergamo per le spese funebri

Una scelta possibile grazie al contributo dell’Associazione Homo, di S.C.B. Servizi Cimiteriali e di Bergamo Onoranze Funebri che hanno donato complessivamente 150 mila euro.

Il Comune di Bergamo ha deciso di erogare un contributo di solidarietà alle famiglie della città di Bergamo che hanno dovuto affrontare uno o più eventi luttuosi in periodo emergenziale. Una scelta possibile grazie al contributo dell’Associazione Homo, di S.C.B. Servizi Cimiteriali e di Bergamo Onoranze Funebri che hanno donato complessivamente 150 mila euro. 

L’entità del contributo è pari a 500,00 euro per ciascun evento luttuoso. Destinatarie del contributo economico sono le famiglie di qualunque composizione, residenti a Bergamo, che durante l’emergenza sanitaria hanno sostenuto spese funebri per i decessi di propri familiari residenti in vita a Bergamo ma deceduti anche fuori città, avvenuti tra il 1° marzo 2020 ed il 15 maggio 2020.

“Abbiamo voluto fortemente un fondo di sostegno alle famiglie delle vittime che potesse aiutare a sostenere le spese funebri relative ai loro cari vittime della pandemia. Siamo pronti ad accettare altre donazioni da Enti, Associazioni, Associazioni di categoria che ci consentano di ampliare i criteri di assegnazione del contributo – dichiara l’Assessore ai Servizi Cimiteriali Giacomo Angeloni –. Oggi andiamo ad intervenire su famiglie che hanno un reddito ISEE basso, di 15mila euro; qualora arrivassero nuovi fondi, saremmo certamente disponibili a modificare i termini attuali di assegnazione per poter ampliare la platea di persone da aiutare.”

“Homo è un’associazione che si occupa di promozione umana, intervenendo in aiuto di diversi bisogni che abbiano al centro la persona – racconta Angiola Minotti Consigliere Associazione Homo –. L’emergenza Coronavirus ha dolorosamente colpito la città di Bergamo e molte, troppe famiglie hanno dovuto affrontare gravi lutti, in un momento drammatico che, nella maggior parte dei casi, non ha lasciato la possibilità per un ultimo saluto né per la celebrazione dei funerali, rendendo ancora più tragico il momento del distacco.
L’Associazione Homo è stata molto colpita dal dolore vissuto da tantissimi cittadini e ha sentito l’urgenza di offrire un supporto alle famiglie che si trovano in particolari difficoltà. Così abbiamo condiviso col Comune di Bergamo l’idea di istituire un fondo destinato alla copertura di parte delle spese sostenute per i funerali. Ci rendiamo conto che il contributo potrà solo parzialmente alleviare le molteplici esigenze, ma vuole essere un gesto tangibile di solidarietà e di compartecipazione”. 

Il richiedente il contributo dovrà:
– essere residente nel Comune di Bergamo alla data in cui si è verificato l’evento luttuoso, ossia tra il 1° marzo 2020 ed il 15 maggio 2020;
– essere intestatario della fattura riportante le spese per il servizio di onoranza funebre; qualora il documento fiscale non risultasse quietanzato, l’erogazione del contributo avverrà a favore dell’impresa di onoranze funebri che ha eseguito la prestazione;

– possedere un ISEE ordinario o corrente in corso di validità (ISEE 2020) con un reddito lordo complessivo dichiarato ai fini fiscali, non superiore a 15mila euro.

Vista la difficoltà di produrre l’attestazione ISEE in questo periodo, è possibile, per coloro che non ne fossero in possesso e non fossero riusciti ad ottenere il documento on line anche attraverso il sito INPS, presentare un’autocertificazione. Gli uffici comunali provvederanno a un controllo successivo all’eventuale concessione del beneficio.

Gli interessati dovranno presentare domanda esclusivamente on line attraverso il sito del Comune di Bergamo accedendo con SPID, il Sistema Pubblico di Identità, o tramite Carta Nazionale dei Servizi CNS, e seguendo le indicazioni. Il bando sarà disponibile on line tra qualche giorno.

La domanda di contributo potrà essere presentata da terze persone purché accompagnata da valida delega.

Per supporto nella compilazione della domanda ed informazioni sarà possibile contattare il numero telefonico 035-399966, da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12. Oppure fare riferimento all’Ufficio Protocollo o Ufficio URP chiamando il centralino del Comune.

I Servizi Cimiteriali del Comune di Bergamo verificheranno l’ammissibilità delle richieste pervenute e procederanno alla valutazione delle stesse e della relativa documentazione. Il contributo verrà erogato al termine dell’istruttoria conclusasi positivamente, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle istanze, dandone comunicazione al richiedente alla mail indicata.

leggi anche
  • Coronavirus
    “Mio marito morto di Covid: dobbiamo pagare 3mila euro per il funerale non fatto”
    Madotto Remigio Seriate
  • Per fare giustizia
    Vittime del Covid, in Inghilterra nasce comitato “gemello” di Noi Denunceremo
    Tamponi Coronavirus
  • In tv
    Bergamo, la commemorazione delle vittime Covid su Rai1 è il programma più visto
    La serata del ricordo delle vittime del Covid a Bergamo
  • L'iniziativa
    Bergamo “Don’t forget”: il Patronato ricorda ogni giorno una vittima del Covid
    Patronato don’t forget
  • Dolore coronavirus
    Bergamo, il silenzio, il lutto, le bandiere a mezz’asta
    Gori lutto silenzio Coronavirus
  • La testimonianza
    “La salma di mio zio portata ad Alessandria: che strazio vedere quei camion”
    Esercito bare Coronavirus
  • La testimonianza
    “Bruno, morto in ospedale senza salutare i figli”: il dramma del virus e i consigli dell’esperta
    Coronavirus
  • Chi era
    Ernesto, il primo bergamasco morto per Coronavirus abitava a Villa di Serio
    via castagna villa di serio
  • Comune di bergamo
    Tariffa rifiuti, fondo per le famiglie: contributi alle persone in difficoltà
    Tari
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it