Dbag acquisisce il controllo della PM Plastic Materials di Almenno San Bartolomeo - BergamoNews
Della famiglia moscheni

Dbag acquisisce il controllo della PM Plastic Materials di Almenno San Bartolomeo

L'operatore di private equity tedesco ha acquisito la maggioranza dell'azienda bergamasca attiva nella produzione di tubi in materiale plastico vuoti e pre-infilati

Dbag acquisisce il controllo della PM Plastic Materials di Almenno San Bartolomeo.

Deutsche Beteiligungs AG (Dbag), operatore di private equity tedesco, ha annunciato di aver acquisito la maggioranza dell’azienda bergamasca attiva nella produzione di tubi in materiale plastico vuoti e pre-infilati, utilizzati prevalentemente per impianti elettrici.

“Il Nord Italia ha un panorama industriale diversificato e di successo ricco di tradizione, che vogliamo esplorare – ha dichiarato Torsten Grede, portavoce del consiglio di amministrazione di DBAG in occasione della firma del contratto -. A tal fine, negli ultimi anni abbiamo analizzato i modelli di business dei nostri settori chiave e costruito una rete di contatti. Attraverso l’ampliamento regionale della nostra strategia di investimento, apriremo maggiori opportunità di investimento per i nostri fondi in un mercato attraente”.

Si tratta della prima operazione di management buyout per il private equity tedesco in Italia. Il fondo Dbag Fund VII rileverà la maggioranza delle quote di partecipazione della famiglia dei proprietari. Affiancando il fondo, Dbag investirà circa 16 milioni di euro nell’azienda. “Anche i vertici aziendali acquisiranno una partecipazione significativa, assicurando continuità per la società”, recita la nota aziendale.

PM Plastic Materials (www.pmplasticmaterials.com) produce circa 320mila chilometri di tubi di plastica all’anno (il 90% dei quali è prodotto in polipropilene privo di alogeni) nei suoi due stabilimenti bergamaschi, dove verranno mantenute l’attività di produzione e l’attuale forza lavoro. Poco meno di un terzo della produzione comprende canaline precablate dotate di un’ampia gamma di cavi, principalmente per l’alimentazione elettrica ma anche per telefonia, reti e sistemi di allarme.

L’azienda, fondata nel 1907 da Pietro Moscheni e tuttora controllata dalla famiglia fondatrice, dal 1962 è diventata PM Plastic Materials e oggi impiega circa 120 dipendenti. L’azienda bergamasca ha visto una forte crescita negli ultimi anni, con vendite in aumento del 12% in media dal 2003, per raggiungere 101 milioni di euro nel 2019. Consegna i suoi prodotti in più di 50 paesi e gode di una posizione particolarmente forte in Svezia, Svizzera e Francia.

Il ceo di PM PLastic Materials, Gianluigi Rapizza, ha commentato: “Con DBAG abbiamo attratto un nuovo azionista con un orizzonte di investimento più lungo rispetto ai tradizionali fondi di private equity, che non solo apporta esperienza finanziaria e di m&a, ma anche competenze industriali speciali e ha familiarità con le imprese a conduzione familiare. Continueremo a sviluppare i nostri ambiziosi piani strategici, a investire in ricerca e sviluppo, a essere vicini e a fornire valore aggiunto ai nostri clienti e, soprattutto, a valorizzare ulteriormente le nostre risorse umane”.

leggi anche
  • L'operazione
    Italmobiliare acquisisce il controllo dell’Officina di Santa Maria Novella
  • Gomma
    Hexpol acquisisce il controllo completo del gruppo Mesgo di Gorlago
  • Shopping aziendale
    L’Italcanditi di Pedrengo acquisisce il 100% dell’Ortofrutticola del Mugello
  • Lunedì sera
    Azzano, in fiamme deposito di bancali vicino all’autostrada
  • Lunedì sera
    Scontro tra auto a Endine: feriti due giovani
  • Valle imagna
    Allarme furti e microcriminalità: pattugliamenti serali ad Almenno San Bartolomeo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it