Coronavirus, Siad: "Nessun contagio nelle filiali in Cina" - BergamoNews
La società bergamasca

Coronavirus, Siad: “Nessun contagio nelle filiali in Cina”

I dipendenti delle filiali in Cina sono in costante contatto con l’Headquarters in Italia al quale non sono arrivate segnalazioni di insorgenza alcun sintomo di malessere.

Siad Macchine Impianti Spa, società del gruppo Siad, dispone in Cina di una sede a Shanghai e di un’altra sede e stabilimento ad Hangzhou e Dequing.

La Direzione aziendale, che aveva già attuato la decisione di sospendere tutte le trasferte da e per la Cina, conferma di attenersi scrupolosamente alle direttive delle autorità Cinesi. I dipendenti delle filiali in Cina sono in costante contatto con l’Headquarters in Italia al quale non sono arrivate segnalazioni di insorgenza alcun sintomo di malessere.

Generico gennaio 2020

Siad Macchine Impianti Spa, fondata nel 1953 come società di ingegneria e costruzione del gruppo Siad, dalla quale ha ereditato l’attività di progettazione e costruzione di impianti e compressori alternativi già iniziata nel 1927 (il compressore Siad per acetilene, realizzato in quell’anno, è stato il primo compressore “oil-free” della storia) è oggi leader mondiale nella fornitura di tutti i suoi prodotti nei diversi settori di applicazione, in particolare: raffineria, petrolchimica, chimica, gas tecnici, metallurgia, energia e costruzioni.

Dal 1997 Siad Macchine Impianti è presente in Cina, a Shanghai, e dal 2012 anche ad Hangzhou.

leggi anche
  • Raggiunto il picco
    Coronavirus, Siad: “In calo il consumo di ossigeno negli ospedali, sale quello nelle case”
    siad
  • La novità
    Siad lancia l’App per ordinare il gas da smartphone
    Generico maggio 2020
  • Il riconoscimento
    Certificazione “Halal” per Siad, i suoi gas alimentari sono conformi alla legge islamica
    siad
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it