Petizione Lega per chiudere centro accoglienza, il parroco: "Problema va affrontato, ma senza slogan" - BergamoNews
Botta di sedrina

Petizione Lega per chiudere centro accoglienza, il parroco: “Problema va affrontato, ma senza slogan”

Oltre 700 firme raccolte, don Roberto Mocchi: "Segno di insofferenza, la comunità andrebbe maggiormente coinvolta nei progetti di accoglienza"

Settecentoquattordici firme per far chiudere il centro accoglienza. Sono quelle raccolte dalla sezione della Lega di Botta di Sedrina, ai piedi della Valle Brembana. “Il problema c’è, andrebbe affrontato ma senza facili slogan o strumentalizzazioni di parte”. Così Don Roberto Mocchi, parroco della piccola frazione, commenta la petizione promossa dal Carroccio: lo stesso sacerdote, a febbraio, fu travolto dalle critiche (anche di alcuni colleghi) per aver benedetto la nuova sede del partito in paese, lasciandosi fotografare accanto a Matteo Salvini.

“Nemmeno io mi aspettavo così tante firme – ammette don Mocchi -. Che piaccia o no, sono il segno di una certa insofferenza rispetto a questa situazione. L’esperienza del centro di accoglienza è vissuta da molti come un problema: andrebbe cambiata questa percezione, magari partendo un maggiore dialogo tra autorità civili e Diocesi”.

Nel testo della petizione, gli esponenti del Carroccio parlano di cittadini “esasperati” dai comportamenti dei richiedenti asilo, secondo loro “poco controllati dai gestori” alla luce di risse e disordini vari. “È vero, i carabinieri sono intervenuti più di una volta, ma non mi pare sia mai successo nulla di grave – aggiunge il parroco -. Spesso i problemi vengono amplificati quanto si tratta di richiedenti asilo: basta una piccola scaramuccia ripresa col telefonino alla fermata dell’autobus per gonfiare il tutto”.

Sul contenuto della petizione, don Mocchi non si sbilancia troppo: “La democrazia è fatta anche di queste cose – taglia corto -. Il problema è che queste realtà sono troppo fuori dalla comunità. La gente di Botta  – è la sua convinzione – non è abbastanza coinvolta nei progetti che ruotano attorno a questi ragazzi. Bisognerebbe trovare un modo per far vivere in maniera attiva alle persone i concetti di accoglienza e carità”.

leggi anche
  • Valle brembana
    Botta di Sedrina, Lega all’attacco: “Oltre 700 firme per chiudere centro accoglienza”
    MIGRANTI
  • La protesta
    Sanità privata, in piazza per il contratto: “Dopo 14 anni, manca ancora la firma”
    Generico agosto 2020
  • Il caso
    Bus diversi per gli immigrati? Polemica contro la Lega: “Proposta razzista”
    Generico settembre 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it