Sanità privata, in piazza per il contratto: “Dopo 14 anni, manca ancora la firma” - BergamoNews
La protesta

Sanità privata, in piazza per il contratto: “Dopo 14 anni, manca ancora la firma”

La sanità privata scende in piazza, lunedì 31 agosto manifestazione in centro a Bergamo delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. Dezio (Cisl FP): “Dev'esserci una sola Sanità, stessa paga, stessi diritti”

Continua l’agitazione del personale della sanità privata anche in provincia di Bergamo. Oltre un centinaio di lavoratori, in rappresentanza di circa 3000 dipendenti delle strutture della provincia, si è data appuntamento in piazza Vittorio Veneto per manifestare contro le “centrali” dei proprietari delle cliniche private che bloccano da 14 anni il rinnovo del contratto.

“Una situazione inaccettabile”, hanno scandito i manifestanti raccolti in piazza dalle categorie di Cgil, Cisl e Uil.

“I Datori di lavoro ci hanno sbattuto in faccia di nuovo, per l’ennesima volta, la loro arroganza e la loro strafottenza, nel modo più sleale e più bieco che potessero utilizzare; tutto questo non si può facilmente dimenticare, tantomeno perdonare. Uno schiaffo. Uno per ognuno di noi. Si sono fatti investimenti solo strutturali, solo nei muri. Mai un ritocco agli organici, alle risorse umane, alla forza lavoro. Stiamo parlando di 3.000 lavoratori che ogni giorno prestano servizio nelle cliniche della provincia – dice Katia Dezio, della segreteria Cisl FP -, spesso punti dell’eccellenza della sanità lombarda, grazie all’impegno comunque profuso dai dipendenti e grazie alle munifiche elargizioni regionali in base agli accreditamenti. Si sono creati utili, ma si sono fatti investimenti solo strutturali, solo nei muri. Mai un ritocco agli organici, alle risorse umane, alla forza lavoro”.

Dopo una lunga trattativa durata anni, sindacati e aziende avevano raggiunto un’intesa che avrebbe dovuto concretizzarsi entro fine giugno nella ratifica del nuovo contratto. Invece tutto si è fermato per l’opposizione di Aris e Aiop.
Vista questa fase di stallo, i dipendenti della Sanità privata hanno indetto uno sciopero per mercoledì 16 settembre.

“Noi siamo persone serie, con tanta dignità, e con un senso del dovere al di sopra di ogni misura. Si tratta del nostro futuro e del futuro di tutta la Sanità regionale e nazionale. Serve tutta la nostra forza – conclude Dezio – per far riconoscere a lor Signori che esiste una sola Sanità, retribuita allo stesso modo, con gli stessi diritti, oltre che agli stessi lavori e agli stessi requisiti”.

“Questa mattina oltre duecento lavoratori si sono ritrovati davanti alla Torre Civica del Sentierone a Bergamo: una presenza eccezionale vista l’impossibilità di tanti lavoratori a partecipare al presidio per garantire i servizi minimi – commenta Giuliana Rota della Segreteria FP Cgil– Ora i lavoratori sono arrivati al limite e si sono sentiti presi in giro dopo che ARIS e AIOP hanno firmato la preintesa e ritirato dopo poco la firma”

“Come abbiamo più volte ribadito, mentre le aziende continuano a far utili con le risorse che arrivano dalla Regione i lavoratori non hanno un euro di aumento dal 2007 – dichiara Roberto Rossi, Segretario Generale della Funzione Pubblica Cgil di Bergamo – Per questo motivo il 16 settembre le Organizzazioni Sindacali hanno dichiarato uno sciopero nazionale che punta a bloccare le Aziende e a rendere evidente quanto sia prezioso il lavoro di questi lavoratori anche a tutela dei cittadini-utenti che meritano il massimo della qualità per i servizi sanitari erogati”

“Chiediamo alle Aziende di farsi portavoce con le loro organizzazioni se è vero che vogliono valorizzare i propri lavoratori” conclude Rossi.

leggi anche
  • Trasporti
    Voucher per i rimborsi e registrazioni online: Sab, ecco la campagna abbonamenti
    Sab
  • Il festival
    Sacrae Scenae, il campanile d’oro al film sulla processione di Santa Rosa a Viterbo
    sacrae scenae
  • Botta di sedrina
    Petizione Lega per chiudere centro accoglienza, il parroco: “Problema va affrontato, ma senza slogan”
    Profughi cura verde
  • L'evento
    Sapori, profumo e territorio: in arrivo la 15ª edizione di Fungolandia
    Fungolandia
  • Il bilancio
    Coldiretti dopo l’ondata di maltempo: “Gravi danni ai vigneti, fino al 90%”
    danni grandine Vigano
  • La novità
    Riaprono sei uffici postali: uno a Bergamo, cinque in provincia
    Poste Italiane
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it