BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Percassi: “Stadio coperto e senza nessuna barriera pronto entro il 2017”

Antonio Percassi è ottimista e allo stesso tempo cauto sulla ristrutturazione dello stadio comunale. Dopo anni di tentativi e altrettanti flop, il presidente atalantino esulterà solo quando la palla entrerà in rete. Il progetto c'è ed è stato illustrato agli azionisti della società. Il prossimo passo è la presentazione a Palafrizzoni. Prima di mostrarlo ai cittadini Percassi vuole avere certezze, strette di mano con le istituzioni e soprattutto timbri ufficiali.

Più informazioni su

Antonio Percassi è ottimista e allo stesso tempo cauto sulla ristrutturazione dello stadio comunale. Dopo anni di tentativi e altrettanti flop, il presidente atalantino esulterà solo quando la palla entrerà in rete. Il progetto c’è ed è stato illustrato agli azionisti della società. Il prossimo passo è la presentazione a Palafrizzoni. Prima di mostrarlo ai cittadini Percassi vuole avere certezze, strette di mano con le istituzioni e soprattutto timbri ufficiali. Nel frattempo ha concesso qualche anteprima ai telespettatori di TuttoAtalanta: “Vorremmo presentare il progetto entro la fine dell’anno sportivo, mi auguro sia un tempo necessario per trovare un accordo con l’amministrazione. L’idea è di fare una curva ogni anno: prima la nord, poi la Sud e per finire la tribuna d’onore. Tempi? Intorno al 2017. Per la tribuna Creberg vogliamo sistemare la parte sotto, allargando gli spazi per le sedute e poi c’è tutta la parte legata alle funzioni commerciali. Sarà uno stadio moderno, senza barriere: l’obiettivo è far crescere la tifoseria. Sarà anche coperto a 360°”.

I tifosi possono sognare, anche se ormai sono abituati a riporre nei cassetti gli entusiasmi. Per troppe volte i progetti sono rimasti sulla carta. “Sono ottimista – rassicura Percassi -, non guardo al passato. Voglio mostrare i disegni solo quando ci sono tutte le intese. Anche l’aspetto finanziario non è di poco conto, percvhé non vogliamo pesare sulla parte sportiva. Stiamo studiando formule che rendano sicura la possibilità di realizzare lo stadio tenendo a posto i conti dell’Atalanta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da erne

    Abito vicino allo stadio. Spero venga sistemato e ristrutturato come si deve migliorando il quartiere e demolendo quelle orrende curve in cemento armato. Forza Percassi!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Scritto da Sparviero

    Lo stadio va edificato fuori; ce lo insegnano i nostri nonni.
    In Italia, causa il permissivismo imperante ed il menefreghismo delle regole, non è possibile gestire uno stadio in centro città.
    E poi i residenti ne hanno piene le scatole.

    1. Scritto da Occhi da

      Hai ragione…i nostri nonni hanno fatto lo stadio fuori BG…poi il menefreghismo e il permissivismo hanno fatto il resto. Gli attuali residenti quando hanno preso casa li ..attaccati non si sono accorti dello stadio e ora ne hanno piene le palle… e la marmotta confeziona il cioccolato.

  3. Scritto da sergio

    Non è già sorto un comitato del no a prescindere? Stano, che sia la volta buona? Forza Percassi fai quello che devi fare…..

  4. Scritto da nino cortesi

    Nessuna barriera mi piace troppo.

  5. Scritto da garage

    è previsto il garage per il carroarmato e per il cacciabombardiere che usa per le feste della dea?

    1. Scritto da garage1

      Il Mig 21 non è un caccia bombardiere…. è un intercettore quindi non scrivere cavolate ..o meglio informati prima STUDIAAAA !!

      1. Scritto da garage

        a beh, se è un intercettore le cose cambiano….cosa dovrei studiare, la storia della guerra aerea? Ma mi facci il piacere, signore esperto di mig21.

        1. Scritto da Studiaaaaaaaa

          Ma mi facci ??? Orroreeeeee Studiaaaaaaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!!!!

  6. Scritto da anacleto

    Va bene omologare tutto al triste modello edilizio dei tuoi centri commerciali, ma abbattere la tribuna d’onore mi pare un pò eccessivo. Quella era architettura, non edilizia dozzinale, e andrebbe preservata dall’ennesima speculazione.

    1. Scritto da Dariù

      Sono quasi del tutto convinto che la tribuna Giulio Cesare sia sottoposta a vincolo storico, e che il nuovo progetto la integri nel nuovo stadio. Il problema grosso del Comunale è la viabilità, purtroppo difficilmente risolvibile, se non attraverso la sensibilità dei tifosi che potrebbero andare allo stadio con i mezzi ,con la bici o con pullman organizzati, come fanno in tante parti d’Europa. Forza Magica Atalanta!!!

      1. Scritto da Ale

        Sono d’accordo con te sul fatto che i tifosi potrebbero utilizzare i mezzi pubblici. Il problema è che le navette gratuite dell’ATB servono solo determinate zone. Io vengo dalla Val Brembana e per quella zona di provincia non è stato istituito nessun servizio aggiuntivo! E un intera vallata non sono poche persone!

        1. Scritto da bella la valle

          con una valle cosi bella tu vieni in città a vedere la dea minore?
          Stai in valbrembana che è bellissima e nessuno crea violenza.

  7. Scritto da Andrea

    La ristrutturazione dello Stadio è ormai necessaria visto che è abbastanza datato… non concordo sull’idea di una nuova struttura fuori dal centro: basta cemento in giro!!!..temo pero’ che il prezzo degli abbonamenti aumentera’ e non di poco..oltre al fatto che potrebbero sparire gli ultimi parcheggi “liberi” in centro citta’.. vedremo…

  8. Scritto da Francesco

    La ristrutturazione dello stadio attuale è un suicidio sotto tutti i punti di vista dato che si trova in centro città o quasi. La realizzazione di un nuovo impianto in zona più isolata e dotata di parcheggi come si deve sarebbe l’idea migliore. Per la capienza è inutile avere uno stadio da 25.000 / 30.000 posti quando la media spettatori (se non contro juve milan e inter) è di poco sopra i 15.000 ad andar bene. uno stadio da 20mila posti coperti basta e avanza.

  9. Scritto da BERGAMASC

    “Stiamo studiando formule che rendano sicura la possibilità di realizzare lo stadio tenendo a posto i conti dell’Atalanta”….residenti!!!! okkio alla TASI!!!! :)

  10. Scritto da Franco

    Ci manca solo che amplino lo stadio attuale così il flusso di tifosi che blocca la città ogni domenica sarà raddoppiato, ma è possibile che in tutta la provincia non si trovi un posto più idoneo o che almeno non sia a ridosso del centro città?

    1. Scritto da Antonio

      in un paese normale sarebbe già stato fatto, ma siamo nella bananan republic, il possibile diventa impossibile e viceversa

    2. Scritto da Andrea

      non è fattibile perchè ogni comune prima pensa al suo orticello, poi al bene collettivo….

      1. Scritto da BERGAMASC

        Scusa…ma l’atalanta sarebbe il bene collettivo?

        1. Scritto da RR

          Lo stadio fa parte delle strutture di una città/provincia come il teatro, il palazzetto ecc.quindi è un bene collettivo anche se non tifi Atalanta, capito? Non è difficile…

    3. Scritto da aldina

      hai ragione fuori dal centro città sarebbe la cosa migliore, per esempio vicino all’aeroporto di orio al serio, cosa ne pensi?

      1. Scritto da bob

        Che l’aeroporto è troppo serio per essere devastato da una serie di frange di delinquenti della domenica. Un posto come quello è un biglietto da visita internazionale: da passeggeri che provengono da tutta Europa. Europa, vocabolo sconosciuto ai nerazzurri cugini di Milano

        1. Scritto da baosot

          Povero interista..siete la barzelletta d Italia lo sai?!?

        2. Scritto da bob a quattro

          Delinquenti deriva da “delinquere”: abbandonare al via della giustizia, cioè non rispettare la legge. Chi meglio dell’aeroporto non rispetta limiti, vincoli e procedure? Chi devasta la salute di decine di migliaia di persone? E allora sarebbero in ottima compagnia con le “frange”, Previa evacuazione di tutti gli abitanti delle zone limitrofe, ovviamente…

      2. Scritto da Franco

        Ci sono tantissime zone nell’hinterland in cui il flusso di traffico non è costante ogni giorno e ogni ora come invece accade ovviamente in città, non è un caso che chiunque costruisca stadi di proprietà lo faccia in paesi limitrofi o ben fuori dal centro (vedi Juventus e Roma ma anche Monaco).

      3. Scritto da giulio

        Probabilmente qualcuno immagina, non legge e sopratutto blatera a sproposito. Lo stadio verrà in parte rifatto e non ampliato e quindi i detrattori a spada tratta si mettano il cuore in pace con la solita litania degli spettatori,. Ho avuto modo di vedere il modello, semplicemente bellissimo e integrato nella sua sede naturale di viale Giulio Cesare. Complimenti presidente, nella speranza che l’amministrazione non la tiri per le lunghe!!!

        1. Scritto da Luigi

          Rifatto e non ampliato. Ci credo poco. In primis l’attuale stadio e’ in deroga (come scritto da altri) quindi ha bisogno di lavori paralleli. Secondo, i servizi commerciali (che sono il motivo per cui Percassi e’ diventato presidente) dove vengono messi se non si amplia lo stadio? Per il resto sarei felice anche io di non vedere piu quel rudere in centro a bergamo!

      4. Scritto da BERGAMASC

        Io proporrei Fara Olivana con Sola, un pochino distante dal centro di Bergamo.

      5. Scritto da bob

        Io penso che l’aeroporto è una cosa troppo seria per essere inzozzato e spaccato da un’orda di incivili da frusta quali le frange di tifoserie ultrà della squadra nerazzurra

        1. Scritto da gio da pv

          Complimenti per lo scempio della lingua italiana ottenuto in così poche righe!

        2. Scritto da boom

          io propongo una zona che non turbi la civiltà .Dicono che nel Sahara vi siano spazi inimmaginabili. Non è un problema raggiungerli, loro usano il cacciabombardiere.Parliamo seriamente, lo stadio deve essere in una zona idonea a non intasare le città, In provincia di bg non credo esista una zona del genere.Meglio che l’Atalanta emigri in Tanzania, dove ci sono anche i soldi di qualche suo sostenitore.

          1. Scritto da Ale

            Visto che lo stadio ti da tanto fastidio…perchè non ci vai tu in Tanzania?????

          2. Scritto da ale dai pensaci

            perchè io in Tanzania non ci ho investito i soldi del partito. (Come taluni sostenitori della dea minore).

          3. Scritto da Capra

            Ecco la risposta sul perchè l’Italia va a rotoli…..

        3. Scritto da Roby

          Ultime dal tg:l’orda di incivili da frusta quali le frange di tifoserie ultrà della squadra nerazzurra è stata ritenuta responsabile dopo lunghe indagini degli attentati alle torri gemelle di New York, della strage di p.zza Fontana e anche della disfatta di Caporetto! Io penso che lo stadio è una cosa troppo seria per essere commentato da te..

          1. Scritto da Ale

            Hai dimenticato: tutte le guerre del mondo presenti, passate e future, le varie alluvioni di quest’estate e le siccità delle scorse, il surriscaldamento del pianeta e l’estinzione di varie specie animali. :-)

  11. Scritto da Non col vento

    Ristrutturare lo stadio a parità di spettatori (oggi in deroga) richiede l’interramento di parte della via Giulio Cesare, in caso diverso dovrà essere inclusa nella necessaria zona filtro, come da disposizioni di legge sulla sicurezza. Vediamo chi paga