BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riaprire le case chiuse A Bergamo raccolte solo 27 firme in un mese

Non decolla a Bergamo la raccolta firme per promuovere il referendum per modificare la legge Merlin che nel 1958 abolì le case di tolleranza e introdusse il reato di sfruttamento della prostituzione ideata dal sindaco di Mogliano Veneto

Più informazioni su

Solo 27 firme raccolte in quasi un mese. Non decolla a Bergamo la raccolta firme per legalizzare la prostituzione. A Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo, dalla fine di luglio è possibile firmare per promuovere un referendum per modificare la legge Merlin che nel 1958 abolì le case di tolleranza e introdusse il reato di sfruttamento della prostituzione.

Sono solo 27 le persone che finora si sono recate all’Ufficio Relazioni con il pubblico del Comune per compilare l’apposito modulo. “Forse è anche a causa del periodo estivo –fanno sapere gli addetti comunali- anche se, a dire il vero, i referendum che avevamo a luglio hanno avuto molto più successo. L’età dei firmatari è varia, va dai 25 ai 70 anni. Suddivisi tra residenti e non residenti”.

A proporre questa raccolta firme per il referendum è stato il sindaco di Mogliano Veneto, in provincia di Treviso, Giovanni Azzolini, che per affrontare il problema della prostituzione che affligge le strade del suo paese (e non solo) crede che sia necessario riaprire le case chiuse e trasformare il mestiere più antico del mondo in un’attività imprenditoriale.

Come? Con l’apertura di un registro delle professioniste obbligate a pagare le tasse sulle loro prestazioni. Il sindaco Azzolini però precisa: “Io non chiedo di depenalizzare o abrogare il reato per chi sfrutta il corpo altrui, quella è la parte buona della legge Merlin, una norma che è nata da principi condivisibili, ma che ha avuto effetti opposti”. Se con la raccolta firme si arrivasse al referendum e passasse questa linea, l’Italia diventerebbe il nono Paese europeo dove vendere il sesso è un lavoro.

E già c’è chi ipotizza cifre per riempire le casse degli enti pubblici, secondo alcuni regolamentare la prostituzione fatturerebbe almeno 25 miliardi di euro l’anno, con un gettito fiscale che potrebbe servire per abolire l’Imu o evitare l’aumento di un punto dell’Iva.

E’ ancora possibile firmare per il referendum fino a metà settembre, recandosi all’Ufficio Relazioni con il pubblico da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12, lunedì e giovedì dalle 14.30 alle 16.30.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Si migliorerebbe con le case aperte, certo devono funzionare i controlli sanitari e che non ci siano schiave come succede ora sulle strade. Con buon senso è logico che non si possono aprire ovunque, ma con accurate valutazioni.
    Se vostra figlia fosse una prostituta la vorreste di fianco alle provinciali e dopo il suo lavoro essere picchiata dal suo protettore?

  2. Scritto da Luca

    A Bergamo non si firma , ma si va tanto nelle case ” aperte” , ce ne sono a decine per non dire centinaia , dalle vie di periferia fino al pieno centro , ma centro che più centro non si può !! Tutti lo sanno , in tanti ci vanno , ma pochi firmano!

  3. Scritto da Renzo

    Perchè non viene fatta pubblicità su questo referendum?
    CL non gradisce?

  4. Scritto da ffrida

    Io vado a votare domani

  5. Scritto da barca

    io sono a favore

  6. Scritto da Arabella

    Io ho firmato ,nel mio comune erano solo tre le firme e si che alla rotatoria se ne fermano di più di clienti ,ho promosso l’iniziativa compresa quella promossa dai radicali sul mio profilo FB mi sembra un modo corretto arrivate dove i media non ce la fanno. Fatelo anche voi così se passa lo Stato guadagna e i papponi restano senza,poi se apriranno vicino ad abitazioni be’ …quante casalinghe lo fanno in segreto???

  7. Scritto da mercato

    In sintesi mi vien da dire che datosi che la domanda c’è, da secoli e per molto tempo ancora ci sarà visto che pare insopprimibile, giusto è regolamentare l’offerta e renderla sicura.Non c’è che dire:la legge merlin non ha fatto un buon servizio alla comunità. E lo dico da donna

  8. Scritto da poeraITALIA

    vorrei conoscere la vostra opinione
    CHIEDO SE L’aeroporto da fastidio Lo stadio da fastidio
    se il treno da fastidio il traffico infastidisce ecc ecc

    MA QUESTE CASE CHIUSE CHE VORRESTE APERTE
    CHI LE VORREBBE VICINO?? nella via oppure nel palazzo dove ci abita?? GRAZIE

    1. Scritto da Tasslehoff

      Eppure discoteche e locali di spogliarelli non mancano, idem motel dove le attività più frequenti non sono poi molti diverse.
      Come vede questa è una scusa che non ha alcun fondamento.

      1. Scritto da bergamasc

        hai dimenticato gli appartamenti privati situati all’interno di normali condomini e i centri massaggi cinesi…

  9. Scritto da nino cortesi

    In Parlamento???

  10. Scritto da Magari

    I potenziali firmatari magari hanno paura che le mogli vengano a conoscenza delle loro firme …….

    1. Scritto da Emanuele

      E perché mai? Mica voto Pdl!

      Esistono persone che si battono per quello che è giusto e non pensano solo ai propri interessi. Pensa te che sono a favore ai matrimoni gay (e pure all’adozione)…

  11. Scritto da albadorataitalia.bergamo

    purtroppo mi sa che sia stata pubblicizzata poco dai media,altrimenti sarebbero molto di piu le firme ,e pagherebbero le tasse anche loro.
    ciao pier

    1. Scritto da Tasslehoff

      Ti sbagli, non è vero che è stata pubblicizzata poco, il realtà è che non è stata pubblicizzata affatto, anzi è stata una iniziativa lodevole che è stata messa sotto silenzio di proposito dei mezzi di comunicazione.
      Guardacaso gli stessi che rispondono a poteri politici (direttamente o mediante finanziamento pubblico) il quale è palesemente asservito ai poteri ecclesiastici.
      Benvenuti nella repubblica teocratica cattolica italiana…

  12. Scritto da Arcibaldo

    Imparassero i maschi a corteggiare le donne non servirebbe questa attività…oggi tutti vogliono tutto e subito senza fatica, puntando alle donne belle. La stragrande maggioranza delle donne si lamenta perché’ i maschi hanno dimenticato l’ arte della seduzione ,i fiori, una cena a lume di candela., tempo da dedicare alla donna. Certo sicuramente non va sempre subito a buon fine ma la conquista così’ è’ ….impagabile !

    1. Scritto da ugo

      forse le donne hanno aspettative da beautifull…..uomi belli, benestanti, accondiscendenti, uomini che fanno tutto in casa, che le capiscano, che le coccolino,

    2. Scritto da Ariel

      Arcibaldo, stiamo sul pezzo “case chiuse”. Cosa c’entrano il romanticismo e l’amore?

      1. Scritto da pino

        il commento di Arcibaldo mi sembra centrato per il tema , sono consigli per una avventura con una donna senza pagarla, le e’ mai capitato Ariel ?

        1. Scritto da daniela

          Senza pagarla? E il costo dei fiori e della cena dove li colloca? Poi ha ragione Ariel, secondo me. Stiamo sul pezzo. Una cosa è la meretrice, che esiste da secoli, non c’entra la nostra attuale civiltà e tanto vale regolamentarla, altro è il piacere della conquista che vale anche per noi donne

        2. Scritto da Ariel

          No, non sono lesbica!

  13. Scritto da il polemico

    non cpaisco,fino al mese scorso,sembrava che solo ad arcore si frequentassero le “prostitute”,e tutti a fare i moralisti,ora si scopre che ci vanno in molti,ma che di loro non si parla mai o non si incrimina nessuno….èèèèèèèèè,il potere di chiamarsi sb

    1. Scritto da paolot

      Polemico, insulti la tua intelligenza con commenti di questo tipo: sb non è incriminato per le prostitute ad Arcore, è incriminato per la prostituzione di una minorenne e per aver fatto pressioni alla questura di Milano sempre per via della nipotina di Mubarak. Naturalmente tu ci credi che è la nipotina di Mubarak.

      1. Scritto da ugo

        non è questione di intellifgenza ma il polemico è una bandierina uno di quelli petulanti, è come avere 2 sacchi di cemento sulle spalle,

        1. Scritto da il polemico

          notizia da roma,un pedofilo è stato autorizzato a tornare alla propria casa,abitazione che sta sopra quella della sua vittima di 13 anni,perchè il giudice non ha ritenuto cosi grave la circostanza,se era il belrusca,avevano gia buttato la chiave….e c’è gente come te che si ferma solo al berlusca.come ho sempre detto,se non ti chiami sb,arrangiati e segui il tuo destino,con la compiacenza di ugo e di quelli come lui… saluti

      2. Scritto da il polemico

        ma se la minorenne ha sempre affermato di non essere una prostituta e di non aver fatto sesso con il berlusca…tu invece affermi il contrario perchè cosi hanno detto dei giudici senza prove…e chi sarebbe l’intelligente??tu non credo di sicuro…e poi chi sia il realtà,lo lascio ai posteri,nella famosa sfilata dim oda,davanti a tutti affermò di essere egiziana e non marocchina,quindi.bohhh

        1. Scritto da Cris

          Se ruby non e una prostituta cicciolina e vergine ! Sveglia il carosello non lo fanno piu

          1. Scritto da il polemico

            e tu invece cosa saresti??o forse ci sei andato pure tu con la ruby,allora ammetterei che hai ragione…..a te l’ardua verità…

          2. Scritto da Cris

            Che sei geloso ? E stato bello tutto pagato da berlusca

      3. Scritto da Amìs

        L’intelligenza di Polemico ormai ha preso tanti insulti che non ci fa più caso , routine.

  14. Scritto da poeraITALIA

    Leggendo alcuni commenti mi chiedo e vi chiedo se prostituirsi
    non è REATO cosa dovremmo regolarizzare???
    in ITALIA il reato è induzione alla prostituzione come al solito
    un pasticcio

    1. Scritto da pino

      i reati legati alla prostituzione ( non vietata di per se’) sono tre : adescamento, induzione e sfruttamento della stessa. La regolarizzazione riguarda l` aspettto sanitario fiscale contributivo delle operatrici, per quel che concerne il lato moralista benpensante , in una nazione in cui e’ invadente la presenza del Vaticano penso sia difficile il raggiungimento di tale regolarizzazione

      1. Scritto da Paolo

        A parte il Vaticano e la morale, lei, di moderne vedute, consiglierebbe a sua figlia di fare questo lavoro, se regolarizzata? O più “normalmente” consiglierebbe di fare la dottoressa, la sarta, la gelataia, l’operaia, la scienziata, etc…?

        1. Scritto da Tasslehoff

          Se fosse un padre saggio consiglierebbe a sua figlia di fare quello che più si sente, che le da soddisfazione e che la fa sentire appagata.
          Se questo significa fare la prostituta, piuttosto che la pornostar o l’infermiera sono fatti suoi, e nessun genitore dovrebbe avere il diritto di sindacare sulle scelte di un figlio adulto.

          1. Scritto da Paolo

            Giusto: un bacio a tutti i genitori, di una felice e realizzata figlia che fa la prostituta! E nonni di figli di…

  15. Scritto da BARBARA

    Mah, secondo me andrebbero riaperte e regolarizzato il tutto così magari si eviterebbe di vedere ragazzine, soprattutto straniere, obbligate a prostituirsi sulle varie strade.
    Sarebbero più al sicuro loro, più curate e pulite!!

    1. Scritto da Karma

      Andare in camiceria, in pizzeria o in fabbrica no, neh? Bèla la éta, issé!!!

  16. Scritto da massi

    forse agosto non è proprio il periodo ideale. ma perché non farla online su più siti tipo questo sicuramente sarebbe più accessibile.

  17. Scritto da Narno Pinotti

    Una recente inchiesta dello Spiegel ha dimostrato che in Germania la prostituzione regolamentata non ha né diminuito lo sfruttamento (che, anzi, pare aumentato grazie a contratti fittizi) né aumentato le entrate fiscali né sfoltito i ranghi dei magnaccia. Un sunto in italiano: ilpost.it/2013/06/02/legalizzare-la-prostituzione-funziona/ Forse accettiamo prostitute schiave e lavoro nero, l’importante è che il tutto sia nascosto?

    1. Scritto da dd

      mi scusi, ma mi può spiegare se ha una logica l’affermazione che la regolarizzazione della prostituzione non aumenterebbe le entrate fiscali??? mi scusi, ma se in Italia si regolamentasse e si regolarizzerebbe il “fenomeno” mi spiega perchè mai non dovrebbe esserci un aumento delle entrate fiscali che prima non sarebbero mai state riscosse?

      1. Scritto da il polemico

        gli risponderà appena avrà chiesto lumi allo spiegel……se ora non si incassa nulla,anche incassare 1 euro è gia una entrata superiore….chissà che parametri hanno usato per la loro inchiesta sti tedeschi,oppure è il narno che ha capito la notizia a modo suo

        1. Scritto da Narno Pinotti

          Il polemico non ha letto nemmeno il sunto italiano (figurarsi quello inglese o l’originale tedesco), eppure blatera: un autoritratto perfetto. Grazie.

  18. Scritto da daniela

    sono assolutamente daccordo a ripristinare le case chiuse. Più sicure per chi ci lavora e per chi le frequenta. E di questa raccolta firme non ne sapevo assolutamente nulla.

  19. Scritto da Marco

    E’ la modalità della raccolta firme che è assurda, ciò ne comporta un esito scontato…

  20. Scritto da Ma.Luisa Scoffone

    Sarei andata a firmare, eccome! Ma ho 71 anni.
    Chi ha posto il limite di età forse ritiene che oltre i 70 non si pensi, non si veda e non si ragioni.

    1. Scritto da daniela

      Credo proprio che l’età indicata nell’articolo si riferisca a chi ha già firmato, non a chi PUO’ firmare

  21. Scritto da Simona Spampatti

    E’ ovvio …la popolazione bergamasca è composta da molti catto-bacchettoni ipocriti

    1. Scritto da gigi

      cara simona “è tutta colpa della chiesa” dimostra una ristrettezza mentale da paura. forse non s’è resa conto che in italia cmq si può divorziare, abortire, convivere, i gay non devono nascondersi ecc ecc……………non pensa che forse a qualcuno non interessa l’argomento o altro o che sia contrario all’apertura delle case chiuse ? si può dissentire ? lei è andata a firmare ? si tolga le fette di salame dagli occhi, grazie

  22. Scritto da raffaele

    Credo che la questione sia stata molto poco e molto male pubblicizzata. La possiblità di firmare allo sportello comunale con orari impossibili sia un altra causa. Penso che al giorno d’oggi esistano strumenti telematici molto più efficienti, validi sia per il cittadino che per le istituzioni. Svegliamoci un po, dai!!!

  23. Scritto da Finta democrazia

    Ma che cosa volete da uno stato biscazziere: vende sigarette e dice che fanno male, autorizza aperture di esercizi con slot machine, e dice che il gioco fa male, non apre i casini e tollera le prostitute per strada con magnacci annessi.
    E po dovremmo perdere tempo ad andare a votare? Ma che facciano il cavolo che vogliono, tanto si estinguono da soli con il casino che creano- Meglio uno stato anarchico che questa finta democrazia.

    1. Scritto da makio

      Bravo ,sagge parole, Tutti fanno finta di non vedere ma il fenomeno prostituzione è allarmante sulle strade ecc., non parliamo poi a livello sanitario,quali controlli?Ora cerchiamo Tutti di firmare perchè s’è perso troppo tempo,l’apertura legalizzata porterebbe tantissimi soldi nelle casse Statali, invece di deragliare spesso all’estero questi soldi viziosi,Firmate

  24. Scritto da Franz

    Siamo in un paese dove non si riesce ad organizzare e controllare attività legali e voi pensate che interessi a qualcuno regolarizzare un’attività che svolta per strada e rigorosamente in nero ????? Chi lo vuole fare in casa lo fa e basta. Per strada il discorso è quasi sempre schiavismo. Potremmo chiedere un consiglio a Silvio che se ne intende …

    1. Scritto da Barbara

      Si, Silvio se ne intende, ma al di la della moralità sulla persona, almeno erano pulite, ben pagate e consenzienti!
      Tutte quelle di strada non sono nulla di tutto ciò…mi sa che dovremmo chiedere a qualcun’altro

  25. Scritto da Luca

    E di cosa stupirsi? Bisogna fare un referendum serio e valido, non la solita pagliacciata stile gazebo leghista visti i risultati ottenuti finora con questi metodi. Alle prossime elezioni referendum…. anche se oramai non ci crede più nessuno a questi schifosi politici e i di più non si recheranno a votare…

  26. Scritto da ex elettore

    Come se le prostitute di strada lo facessero di spontanea volontà! Il 99% è obbligata a farlo dagli sfruttatori ricattata con la violenza.

    1. Scritto da miky

      mi dispiace contraddirti, ma dovresti abbassare un po’ la tua percentuale… vi sono alcune, e non poche, che lo fanno per guadagnare in fretta denaro… e a tale scopo fanno questo “onorato” lavoro alcuni anni per garantirsi una lauta “pensione” nel loro paese dati gli alti guadagni.

      1. Scritto da ex elettore

        Non in strada pero’! Non trovi italiane in strada, ci sono rumene, albanesi, africane etc etc. Le sfruttate di strada non lo fanno per loro volere, ma perchè maltrattate o ricattate!

  27. Scritto da Picci

    27 firme sono davvero poche, ma la cosa non mi sorprende: il tema in oggetto è delicato e per pudore credo che molti cittadini non si vogliano esporre mettendo la propria firma.
    Comunque, per quel poco che conta, io sono d’accordissimo.

    1. Scritto da makio

      Politici …intellingentissimi….prego leggere e fare approdare questa bella proposta alle prossime elezioni elettorali, vista la quantità di denaro che si regala alla sola vicina Svizzera ,,anate a verificare per valutare ciechi

  28. Scritto da Stefano

    certo che se gli orari di raccolta firme sono quelli in cui normalmente uno lavora… perchè non organizzare gazebo in piazza come per tutti gli altri referendum?

  29. Scritto da max

    intanto la Gente và sulle strade. e oltre confine ,senza regolamentazione i 25 miliardi vanno in fumo…ma?

  30. Scritto da ivan

    Non bisogna raccogliere firme, bisogna fare un referendum popolare!

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Per indire il quale serve raccogliere almeno 500mila firme valide. Certo, se uno non legge nemmeno l’occhiello…