BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ricordare don Rubbi alla luce del magistero di Papa Francesco fotogallery

Tre incontri per ricordare la figura di don Antonio Rubbi, "ol preòst sant" di Sorisole, alla luce del magistero di Papa Francesco. Giovedì 22 ottobre alle 20.30 al cine-teatro parrocchiale don Cristiano Re, direttore dell'Ufficio della Pastorale Sociale e del Lavoro della diocesi di Bergamo, spiegherà l'enciclica "Laudato Sii" di Papa Bergoglio.

Tre incontri per ricordare la figura di don Antonio Rubbi, "ol preòst sant" di Sorisole, alla luce del magistero di Papa Francesco. Giovedì 22 ottobre alle 20.30 al cine-teatro parrocchiale don Cristiano Re, direttore dell’Ufficio della Pastorale Sociale e del Lavoro della diocesi di Bergamo, spiegherà l’enciclica "Laudato Sii" di Papa Bergoglio.

Pubblichiamo il testo del professor Luigi Roffia, direttore del Centro Studi don Rubbi.

 

La nostra comunità ha un compito di particolare responsabilità: tenere viva nel tempo la memoria del nostro Santo Parroco Don Rubbi e continuare a tramandarla alle nuove generazioni. Questo compito non è venuto meno negli anni che contiamo dalla sua morte, avvenuta nel 1785 e quindi 230 anni fa. Di questo dobbiamo essere riconoscenti alle care persone che ci hanno preceduto che non hanno tenuto per se o dimenticata la vita e la storia spirituale di Don Rubbi ma l’hanno fatta conoscere ai figli e ai nipoti raccontando la sua vita e raccomandando sempre “dite un Padre Nostro al Parroco Santo".

E’ necessario però che anche le famiglie della nostra comunità non dimentichino questo grande Parroco ma ne trasmettano il ricordo alle persone care, in famiglia ma anche fuori di essa. Nel bollettino parrocchiale dello scorso giugno è stato chiesto ai “giovani e meno giovani” di aderire alla costituzione del nuovo Gruppo di Lavoro del Centro Studi Don Rubbi. Le adesioni pervenute sono state molte. Fra esse quelle di diversi giovani che hanno dato la disponibilità a collaborare alle iniziative che il Centro Studi programmerà.

Con questi nuovi amici e con i “veterani” che hanno già fatto parte del gruppo di lavoro degli ultimi quattro anni continueremo ad offrire impegno e devozione al Rubbi. Il Centro Studi continuerà così anche nei prossimi tre anni a tenere alta la memoria del Prevost Sant.

Nei prossimi mesi il Centro Studi Don Rubbi, unitamente alla Parrocchia, organizzerà una serie di incontri di approfondimento spirituale che, da un lato vogliono fare memoria del Rubbi e dall’altro vogliono approfondire e avvicinarci al magistero e al pensiero del nostro grande Papa Francesco.

Gli argomenti dei tre incontri sono:

L’ultima Enciclica del Papa “Laudato Si”, enciclica “verde” ma soprattutto “sociale” con don Cristiano Re, direttore dell’Ufficio della pastorale del lavoro e del sociale della diocesi di Bergamo, in calendario giovedì 22 ottobre alle 20.30 al cine-teatro di Sorisole;

– La misericordia di Dio tema del prossimo Anno Santo della Misericordia, indetto dal Papa che inizierà il prossimo 8 dicembre. Incontro con don Lorenzo Testa, teologo e docente del Seminario Vescovile di Bergamo, in calendario per giovedì 26 novembre alle 20.30;

– L’accoglienza che riguarda tutti noi perché anche noi siamo in cammino: percorriamo il viaggio della vita incontrando persone e condividendo con loro la legge e la parola di Dio.

Incontro con don Lorenzo Testa, teologo e docente del Seminario Vescovile di Bergamo, in calendario per giovedì 26 novembre alle 20.30;

 

Molti sono i legami fra i temi dei tre incontri e la vita del Rubbi:

 Don Rubbi amava la natura, la rispettava, raccoglieva e preparava medicine con le erbe che raccoglieva, viveva in modo sobrio, si nutriva dei frutti della natura, disprezzava il denaro e non aveva altri idoli;

 Don Rubbi confidava nella misericordia di Dio ed era misericordioso con le persone che accorrevano a lui. Settimanalmente si recava per la sua confessione a Stabello percorrendo di notte il sentiero alle pendici del Canto Alto. Confessava nella nostra chiesa per ore ed ore i pellegrini e i fedeli che “liberava” dalle colpe per la grandezza della misericordia di Dio.

 Don Rubbi ha sempre accolto le migliaia di persone che accorrevano da lui per essere guarite nello spirito e nel corpo. Il frastuono della moltitudine lo infastidiva ma a tutti dava ascolto, consolazione e rimedio per la salute dell’anima e del corpo.

Luigi Roffia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro

    Proprio strani questi sorisolesi (miei compaesani tra laltro), da un lato Don Rubbi e dall’altro la lega nord… natura=cemento misericordia=sparagli accoglienza=affondali.
    Viva la coerenza

    1. Scritto da simone

      Non trovo incoerenza. Spiegati meglio

      1. Scritto da pota....

        devi essere l’unico a non sapere che il Sindaco di Sorisole ha deciso di imbracciare il fucile per eliminare “i decerebrati islamici”…… appena sbarcato da un volo intercontinentale?