BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sexy shop in pieno centro E a Valbrembo scoppia la polemica

Un sexy shop nel centro del paese. Succede a Valbrembo, in via Donizetti. Nei giorni scorsi la lista d'opposizione Polo Civico distribuito un volantino di protesta: "Non bastavano le sale slot vicino a scuole e impianti sportivi, ora anche un sexy shop...!". La Polizia Locale spiega: "L'unico limite è il decoro del materiale esposto in vetrina".

Un sexy shop nel centro del paese.

Anzi: una boutique erotica, per essere precisi.

Succede a Valbrembo, in via Gaetano Donizetti – perpendicolare di via Roma, la via che collega le parrocchie di Ossanesga e Scano al Brembo -.

Nei giorni scorsi la lista Polo Civico del consigliere di minoranza Maurizio Battaglia ha distribuito ai cittadini un volantino di protesta: "Eh sì, cari concittadini, grazie alla nostra Amministrazione, in carica da oltre 500 giorni, Valbrembo sta diventando un paese ‘progressista’. Non bastavano le sale slot vicino a scuole e impianti sportivi, ora anche un sexy shop…!".

Inutile dire che le opinioni in merito sono tra le più contrastanti: c’è chi non dà peso alla cosa – vista la discreta e poco appariscente vetrina del negozio – e chi invece ne avrebbe fatto volentieri a meno, complice la vicinanza di luoghi sensibili come scuole e altri siti di aggregazione giovanile.

"Per il momento non presenteremo alcuna mozione – ha commentato Maurizio Battaglia – Quel che contestiamo è la presenza di sale slot e sexy shop in una zona centrale del paese. Forse era meglio consentire l’apertura di queste attività in aree periferiche o industriali, dove mamme e bambini non passeggiano tutti i giorni. Ne facciamo più che altro una questione d’etica e buon senso".

Nella stessa via si trovano anche una pasticceria, un’agenzia immobiliare, un ortofrutta, un bar e un negozio di serramenti.

Ma la Polizia Locale di Valbrembo spiega che – al momento – non esistono normative precise che regolamentino l’apertura dei sexy shop. Unico limite: il decoro del materiale esposto in vetrina.

Immediata la replica del gestore del negozio "Le Tentazioni Erotic Boutique", Dario Vanotti: "Come gestore dell’attività ho presentato regolare richiesta al Comune, che ne ha accettato l’apertura nel pieno rispetto delle regole. Il nostro è un ambiente discreto, basti gettare uno sguardo alla vetrina. Una madre e un bambino che vi passano davanti, al massimo, potranno imbattersi in qualche succinto completino d’intimo. Niente di così scandaloso, mi pare".

E ancora: "Sono davvero dispiaciuto nell’osservare tanto bigottismo attorno alla vicenda, quando ci sarebbero problemi ben più seri di cui parlare".

Tant’è che anche gli altri esercenti di via Donizetti ci tengono a dire la loro. C’è chi preferisce custodire l’anonimato, come S. B., che trova "non idonea la presenza del negozio a poche centinaia di metri dalle scuole" e chi invece spende parole a favore, magari senza troppi peli sulla lingua. Come la proprietaria del "Bar Intrigo" Simona Panza: "Il negozio quì di fianco non dà alcun fastidio. E’ riservato e tutt’altro che sconcio o indecoroso. Non credo che un bambino possa scandalizzarsi passando davanti alla vetrina. E poi, parliamoci chiaro: a pochi metri di distanza, sulla via Provinciale, al calar della sera, se ne vedono di tutti i colori… altro che sexy shop!".

A buon intenditore, poche parole…

Fabio Viganò

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pantera Rosa

    Premesso che tutte le persone di buon senso concordano sul fatto che la collocazione trovata al sexy shop non è delle più felici, fa pensare il fatto che questo articolo sul sexi shop abbia raccolto in pochi giorni sei paginate di commenti, mentre quello sul Consiglio Comunale di Valbrembo del 28.01.2015 sui servizi associati con il comune di Paladina, che ha un buco di bilancio di 220.000 Euro abbia raccimolato quattro commenti in croce.

  2. Scritto da Alex

    La verità è che il gruppo che ha innescato la polemica è alla canna del gas e cercava disperatamente un pretesto per tornare a far parlare di sé. Non gli importava l’argomento, ha sfruttato l’apertura del sexy shop per esprimere posizioni bigotte di facciata per cercare di avere una sponda da una parte della cittadinanza.

  3. Scritto da elzeviro

    Ma che polemica ridicola…..

    1. Scritto da cattivo gusto

      In effetti è una polemica ridicola. I privati di Valbrembo dediti al porno si diano una calmata. Quelli che provano disagio per iniziative di tal genere si rassegnino: è un mondo materialista dedito al denaro, al sesso, ed agli istinti animaleschi primitivi, che pur sono naturali nell’uomo, ma lascia a desiderare la pubblica esibizione tipo le oscene ridicole sfilate del GAY PRIDE, dove poveri cristi esibiscono attributi e linguacce in bocca a consimili di genere. E il cattivo gusto dilaga

      1. Scritto da mumble

        ????? potrebbe aggiungere che i mussulmani uccidono la gente, gli stupratori stuprano le donne, ce chi uccide si fa due anni e poi esce e Corona libero! ma cosa c’entra con il negozio in questione?!?
        francamente la sua rispettabile opinione sul Gay Pride a nulla ci azzecca con la polemica sul sex shop a Valbrembo… dove non ci sono esibizioni oscene o ridicole.. che secondo alcuni solo i GAY sanno fare..

  4. Scritto da Stefano

    Abito sopra questo negozio e onestamente non vi trovo nessun problema..che questa questa gente si preoccupasse invece del fatto che stamattina per arrivare a curno da valbrembo ci ho messo 40minuti…

    1. Scritto da giuseppe

      Bravo! È una vergogna! È ora di finirla di buttare via mezze giornate per percorrere pochi km! Basta: ribelliamoci una buona volta! Altro che sexy shop! Qui cè gente che butta via metà della sua vita in auto! Basta!

  5. Scritto da erzebio

    evviva, evviva….basta ipocrisie…..
    finalmente un pò di novità….tanti matrimoni ne beneficeranno rinvigorendo la passione con tanti bei completini e giochini vari….

  6. Scritto da giuseppe

    Ma, secondo voi, come mai tutte queste ragazze sulle strade a vendersi? La risposta è una sola: C’È la clientela, la più disparata e insospettabile. Vi indignate per la mutanda esposta in vetrina? Che ipocriti!

  7. Scritto da De Gustibus

    Sorvolando su tutte queste vibranti proteste, mi permetto di prevedere, senza peli sulla lingua, che i vicini esercenti di pasticceria e ortofrutta godranno anche loro di un inevitabile incremento delle vendite…

    1. Scritto da SIMONA

      Oltre ai locali già elencati esiste anche un bar che trarrà giovamento.grazie

      1. Scritto da Kurz

        …brava Simona! Quasi quasi faccio un salto per visitare Valbrembo, visto che lo conoscevo solo per il noto Parco Faunistico.

  8. Scritto da ugo

    Per me ogni comune dovrebbe essere costretto per legge a far aprire 2 o. 3 secsi sciop sul suo territorio.

    1. Scritto da Pèder

      I secsi sciop cosa vendono ? armi ?

  9. Scritto da Daniele

    Quella di salvaguardare i giovani dal sesso mi sembra una posizione perfettamente coerente per una società sempre più vuota di contatti umani, affettivi e fisici.

    1. Scritto da cesare

      Se lei,signor Daniele ha problemi con il sesso, si faccia curare da qualche psichiatra. La vetrina, mi sembra, che esponga solo intimo donna, come fanno le grandi marche in via XX Settembre a Bg.
      Quindi i giovani sono salvi dall’orco del sesso, e sicuramente non è colpa certo di un sexshop che mancano i valori nei giovani.

      1. Scritto da Daniele

        Guardi Cesre che ero ironico e sono perfettamente d’accordo con le sue opinioni.

      2. Scritto da problemi

        Caro Cesare. Problemi con il sesso lo hanno solamente chi frequenta sexy shop. Le persone con un equilibrio normale sul tema, non frequentano quegli ambienti. E a Valbrembo si spera di avere gente sessualmente normale, non arrapata come si suol dire. Poi, sulla quantità, una minoranza ci può essere. Ma è meglio che vada in altri sexy shop della provincia per calmierare le proprie pulsioni.

        1. Scritto da Toto

          Ahahah… Bella questa! Ci stava pure che chi frequenta i sex shop sono solo gay depravati o pedofili.. Io invece direi che chi frequenta i sex shop sono solo i mariti traditori perche si sa che i giovani arrivano vergini al matrimonio e chi è sposato fa sesso con la moglie solo per procreare. Ma mi faccia il piacere…

        2. Scritto da Stefano

          chi definisce la normalità? lei? ce ne descriva i confini, così magari capisco da che parte stò

        3. Scritto da youoporn.com

          scusi sig. problemi, ma a valbrembo c’è internet?

        4. Scritto da giggi

          nimby!

  10. Scritto da Nuovo corso

    Povera Valbrembo. Adesso aspettiamo il Gay Pride su via Roma.
    La bandiera da tempo sventola sul pennone del palazzo comunale, al posto del nostro gonfalone.
    Diventeremo tutti allineati al nuovo corso per far piacere al Sindaco?

    1. Scritto da è proprio vero

      E mi dice cosa c’entra un sexy shop con il gay pride?
      Va bene Che Valbrembo e’ un paesello , ma quanti scandali da prime donne, cresciamo un tantino!

      1. Scritto da Crescita

        Cresciamo con i sexy shop e le slot machine. Come a Las Vegas.
        Dai Sindaco, così lasci qualcosa per incrementare il PIL di Valbrembo

  11. Scritto da papà2

    ai miei figli ho detto che si tratta di un negozio che vende biancheria intima, sono più in difficoltà a spiegare a miei figli cosa fanno quelle povere schiave del sesso che mezze nude se ne vanno in giro a due passi dal centro del paese, tutti vedono e nessuno fa niente !!!!!

  12. Scritto da Luigi

    La signora Panza ha colto il punto. Indignarsi (??) per un esercizio commerciale (che l’assessore abbia problemi con la propria sessualita’?) mentre sul provinciale la festa continua indisturbata da anni.

  13. Scritto da sempre peggio

    Che sia sera o sia giorno Valbrembo sta sprofondando in tutti i sensi. E nessuno né giunta né opposizione sembra in grado di fare una politica a favore dei cittadini.

    1. Scritto da Tran tran

      Il sistema è maggioritario. L’opposizione non ha i numeri per far qualcosa, se non comunicare quello che la maggioranza non fa o fa male.
      Tutto quello che viene fatto o non fatto è opera della maggioranza, solo della maggioranza, come ai tempi del Polo Civico.
      A questa maggioranza va dato atto di aver accettato la mozione del “Polo Civico” di invito a sciogliere la funzione associata con Paladina sulla gestione finanziaria.

  14. Scritto da incompreso

    Ma le madri di Valbrembo hanno bisogno di tanta tutela? Perché? :-D

    1. Scritto da Bacchettone incompreso

      Le madri di Valbrembo, se non provano quantomeno un minimo disagio per quanto sta accadendo, hanno bisogno sicuramente di tutela.

  15. Scritto da claudio c.

    Visti i numerosi commenti favorevoli apparsi sulla vostra pagina Facebook, mi compiaccio coi miei compaesani. Dimostrano una apertura mentale sconosciuta ai solerti benpensanti redattori del volantino. Boomerang.

    1. Scritto da Boomerang

      Boomerang de che? Qualcuno traduca questo ragionamento tipicamente progressista

      1. Scritto da Claudio c

        I cittadini di Valbrembo più realisti del re.

        1. Scritto da boomeragng

          Quali cittadini, quelli del nuovo corso amministrativo del nulla.
          Pardon, delle slot, dei porno shop, e tra un poco di che altro?
          E dove sta il boomerang?

  16. Scritto da gigi

    a tutti i bacchettoni : vetrina veramente discreta, anche le Chiese di solito sono in pieno centro, non le frequento, ma lascio liberi gli altri di entrarci. Si ricorda inoltre che per le varie attivita’ amatorie se sono fatte in liberta’ e consenso reciproco che problema c’e’ ? Non e’ cosi invece per la pedofilia che coinvolge anche spesso “colleghi” di chi adesso dal pulpito tenta di farci la morale.

    1. Scritto da Fusione

      Ma questo è fuso: che c’azzeccano le Chiese in centro con un porno shop?

      1. Scritto da tino

        Io ho compreso facilmente la provocazione di Gigi, si può essere d’accordo o meno, ma fuso lo chiamo chi non capisce

        1. Scritto da Fusione

          Appunto!

  17. Scritto da Stefano

    Ci abito sopra quindi chi meglio di me puó dire… ma chisse ne frega! I bambini vedono tette e culi ovunque al giorno d’oggi…

    1. Scritto da Qualunquista

      Qualunquista: visto che il porno dilaga, abituiamoci anche a questo. Sembra il ragionamento della Panza. Tanto ci sono le prostitute.
      E si, ci sono le prostitute, le slot, i bordelli ….

      1. Scritto da SIMONA

        sig. qualunquista che scrive commenti senza metterci la faccia e giudicando senza averne il titolo. Forse non ha la coda di paglia perche li frequenta o forse lo vorrebbe fare ma non ha il coraggio?????????????

      2. Scritto da Stefano

        Ma che c..o stai a dire?! Io dico che un sexy shop di per se non puo essere considerato un male..o meglio non lo si puo demonizzare perche se uno ci passa con un bambino non sa come reagire(premesso non c’e nulla di che se in vetrina..se uno lo pensa è perche ha malizia e i bambino non la hanno) la prostituzione invece è reato e comporta uno sfruttamento… Che minchia c’entra il tuo ragionamento sul qualunquismo!? Ma ascoltati!

  18. Scritto da Ragionamento fino

    La titolare del bar in fondo giustifica il sexy shop come il minore dei mali dato che il maggiore è sul provinciale.
    Che ragionamento sopraffino!

  19. Scritto da mastolindo

    PERSONALMENTE RITENGO BEN + GRAVE L’ARGOMENTO “SLOT MACHINE” EVIDENZIATO NELLO STESSO VOLANTINO DELLA LISTA POLO CIVICO. QUELLO SI’ E’ PREOCCUPANTE…LA LUDOPATIA NON E’ UNO SCHERZO E TANTI COMUNI HANNO SPOSATO LA CAUSA A FAVORE DELLA RIMOZIONE DELLE MACCHINETTE. MA SCUSATE, IL SINDACO STESSO NELLA SUA TABACCHERIA NON HA DI QUESTE MACCHINETTE?

    1. Scritto da Please

      Tiene famiglia pure lui. Please, non strumentalizzare il problema

      1. Scritto da single

        Il Sindaco non tiene famiglia. è single

  20. Scritto da Carlo

    I soliti bigotti casa e chiesa…ricordo a tutti che le figlie di maria…….an’sé capicccccc

    1. Scritto da Capirsi

      Non ho capito, prego spiegare

  21. Scritto da papà

    La lista civica che ha lamentato e volantinato, HA PIENAMENTE RAGIONE! Ho già dovuto spiegare alla mia bambina il negozio inventando una scusa. Se non esistono regolamentazioni in merito (come dicono i vigili), esiste il buon senso di non fare aprire certi negozi vicino alle scuole!!! Ma che razza di giunta abbiamo in Comune?

    1. Scritto da alfa

      Chissà quando ti chiederà come ha fatto a nascere…… suderai freddo !

  22. Scritto da giggi

    sembra un negozio di lingerie di via venti settembre!

    1. Scritto da Un bigotto

      Si, ma è un pornoshop per i “non bigotti”. Ovvero quelli che hanno bisogno di attrezzi per soddisfare pruriti.
      Povera Valbrembo!

      1. Scritto da giggi

        attività commerciale lecita, mi pare. non siamo in afghanistan, giusto?

      2. Scritto da Luigi

        Non so se mai lei e’ mai entrato in un sexy shop. Le consiglio di farlo, probabilmente per la strada ci sara’ gente come lei che si fara’ la risatina da ignorante, ma una volta dentro iniziera’ a divertirsi anche lei invece di sognare le bellone alla televisione!

        1. Scritto da Un bigotto

          Per l’amor di Dio, luigi, mi diverto con altri generi di cose.
          Quel tipo di divertimento cui alludi lo lascio ai poveri di spirito.
          E spero che a Valbrembo, oltre a te, ce ne siano pochi di tali concittadini, come di tali amministratori

          1. Scritto da Stefano

            I poveri di spirito…ahahahahah

          2. Scritto da Poveracci

            Anche poveri di cervello se entrando in un sexy shop si scompisciano dalle risate.
            Che tramandino ai propri figli quest cultura della risata, così avremo una generazione non bigotta e molto evoluta

  23. Scritto da stefano

    Quotone per la titolare del bar…

    1. Scritto da Intellettuale

      Capirai che intellettuale dire che la prostituzione sulle strade è peggio di un pornoshop dietro una vetrina di lingerie (finte)

      1. Scritto da simona

        INNANZITUTTO NON MI RITENGO UNA INTELLETTUALE E CERTAMENTE NON HO SCOPERTO L’ACQUA CALDA. SONO CERTA VISTO CHE ABITO SOPRA IL NEGOZIO SIA OFFENSIVO CHE ALLE 21.30 DI SERA VEDANO UNA PROSTITUTA NEL PARCHEGGIO ANTISTANTE IL NEGOZIO FARE UN P…….. A UN CLIENTE. INOLTRE STATISTICHE ALLA MANO SONO IN CONTINUO AUMENTO I BAMBINI CHE IN ASSENZA O PRESENZA DI GENITORI ACCEDANO AD INTERNET SENZA NESSUNA SORVEGLIANZA DA PARTE DI ADULTI DOVE POSSONO VEDERE COSE RISERVATE AD ADULTI.

    2. Scritto da meretrici

      Per cosa, per il fatto che le meretrici sul provinciale sono peggio?