Quantcast
Sci, 7 infortuni in poche ore: da Foppolo e Valtorta fino al Pora, soccorsi in azione - BergamoNews
Lunedì

Sci, 7 infortuni in poche ore: da Foppolo e Valtorta fino al Pora, soccorsi in azione

Tra le 11 e le 14, diversi gli interventi segnalati: il più giovane a finire in ospedale un ragazzo di 21 anni

Sette infortuni nel giro di poche ore sulle piste da sci della Bergamasca. Il primo a Foppolo, intorno alle 11,20. L’elicottero del 118 si è alzato in volo in codice giallo per trasportare in ospedale a Gravedona (Como) un ragazzo di 21 anni che sciava sulla pista Pitarocca.

Verso le 12,15 l’ambulanza si è fermata sulle piste di Valtorta, per prestare soccorso ad una 52enne, trasportata in ospedale a San Giovanni Bianco. Dieci minuti dopo le sirene sono arrivate fin sul Monte Pora, in alta Valle Seriana, dove si è fatta male una donna di 43 anni, trasportata a Piario per accertamenti.

Alle 13,40 un altra caduta dagli sci a Foppolo, sempre sulla pista Pitarocca: vittima una 46enne, soccorsa in codice giallo. Elisoccorso in azione poco dopo le 14 ancora una volta a Valtorta, dove sulla pista Tre Signori si è infortunata una ragazza di 27 anni. Le operazioni sono scattate in codice giallo. Altri due infortuni a Foppolo alle 15 e alle 15,45.

Nel frattempo, dal 1° gennaio sciatori e gestori di ski area dovranno osservare una serie di obblighi previsti dalla legislazione in materia di sicurezza delle discipline sportive invernali. Come l’obbligo di assicurazione in corso di validità, per gli amanti dello sci alpino, che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi.

Per quanto riguarda invece i gestori degli impianti sciistici (fatta eccezione per quelli riservati allo sci di fondo) devono mettere a disposizione degli utenti, all’atto dell’acquisto dello skipass, una polizza assicurativa per la responsabilità civile per danni provocati alle persone o alle cose. In caso di polizza non abbinata allo skipass, di cui quindi si è già in possesso, si raccomanda di scaricare i documenti da esibire (anche in formato digitale) per dimostrare di essere assicurati. La multa prevista per chi non è possesso dell’assicurazione, con ritiro di skipass, va da 100 a 150 euro.

La nuova legislazione prevede, tra le altre cose, il divieto di sciare in stato di ebbrezza, “in conseguenza di uso di bevande alcoliche e di sostanze tossicologiche”. Gli organi di controllo potranno sottoporre gli sciatori ad accertamenti o effettuare controlli tramite l’alcol test. I trasgressori rischiano sanzioni che vanno da 250 euro a 1.000 euro. Novità in arrivo anche per i minorenni, con l’estensione dell’obbligatorietà del casco fino ai 18 anni (fino ad ora il limite era fissato a 14 anni) per ragazzi e ragazze che praticano sci alpino, snowboard, telemark, slitta o slittino. Anche in questo caso, è prevista una multa tra i 100 e i 150 euro.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI