Parchi vandalizzati e pieni di rifiuti, il sindaco: "La misura è colma, educate i figli al rispetto del bene comune" - BergamoNews
Scanzorosciate

Parchi vandalizzati e pieni di rifiuti, il sindaco: “La misura è colma, educate i figli al rispetto del bene comune”

Lo sfogo social di Davide Casati: "Mi rivolgo ai giovani: prendete a cuore il vostro paese perché rischiate di rovinarlo"

“La misura è colma! Ho ricevuto poco fa la foto del “gioco inclusivo” del Parco Primavera – ideato dal Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze – gravemente danneggiato. Che si aggiunge alla rottura della carrucola di poche sere fa nel Parco Arcobaleno. Che sua volta si aggiunge all’imbrattamento di vernice di alcuni giorni fa di alcune pensiline Atb e di un nuovo tavolo sul Monte Bastia. Che, ancora, si aggiunge al costante abbandono di rifiuti nei parchi”.

A sfogarsi, su Facebook, è il sindaco di Scanzorosciate Davide Casati. “Mi rivolgo ai giovani: prendete a cuore il vostro paese perché rischiate di rovinarlo e – tra l’altro – ci rimettete ancora voi. Alla maggioranza dei ragazzi e delle ragazze che sicuramente è contrariata da questi episodi, chiedo di dare l’esempio contrastando questi gesti con azioni positive. A chi invece commette queste cose dico: vergognatevi! Ci sono tanti altri modi, senz’altro più costruttivi, per riempire il proprio tempo”.

Il primo cittadino fa sapere che verranno visionate le telecamere di videosorveglianza per cercare di risalire ai responsabili. “Ai genitori – conclude – chiedo di educare i propri figli al rispetto del bene comune”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it