BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Cagliari scrive alla Figc “Bloccate i calendari, prima si facciano i processi”

Il club sardo invia una lettera ufficiale alla Federazione. Nel mirino la posizione dell'Atalanta che vede tre suoi tesserati (o ex) coinvolti nell'ultimo filone dell'indagine di Cremona: "Eventuali sanzioni potrebbero cambiare la stagione appena conclusa". Ora la palla passa a Tavecchio.

"Non fate partire la serie A". E’ questa la richiesta che il Cagliari ha inviato alla Figc chiedendo di bloccare la stesura dei calendari in attesa dei verdetti che usciranno dai processi per il nuovo filone del calcioscommesse che, tra i 104 indagati per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio, vede protagonisti anche tre tesserati (o ex) nerazzurri: Stefano Colantuono, Guido Marilungo e Cristiano Doni.

La lettera spedita alla Figc chiede di bloccare la stesura dei calendari in attesa dei verdetti della giustizia sportiva: "Alla luce della notifica del 415bis nei confronti di alcuni tesserati della serie A per alterazione di partite il cui esito sarebbe stato manipolato – si legge nel testo – ci sono fondate e rilevanti ragioni per mettere in dubbio la regolarità del campionato". Il Cagliari chiarisce che, laddove dovesse scattare il meccanismo della responsabilità oggettiva per i club coinvolti, l’eventuale penalizzazione dovrebbe andare a toccare la stagione appena conclusa "producendo la riscrittura della classifica finale". Quella che ha visto i sardi retrocedere in serie B per soli 3 punti di distacco dall’Atalanta, appunto.

Il ragionamento è semplice e devastante al tempo stesso. Siccome il Cagliari ritiene di poter tornare in serie A via giustizia sportiva, chiede che la Figc blocchi ogni attività propedeutica alla prossima stagione "per preservare la regolarità del campionato nonchè garantire il principio di afflittività nella corrente stagione" delle pene che potessero essere comminate a chi ritenuto colpevole.

Il club bergamasco nella lettera spedita dai sardi alla Figc non viene praticamente mai nominato, ma il bersaglio è più che evidente. Ora la palla passa a Tavecchio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Riccardo

    Va bene, se proprio il Cagliari ci tiene, puniamo l’Atalanta con 3 punti di penalizzazione!

  2. Scritto da solodea

    Il Cagliari è retrocesso in serie B per disgrazie proprie originate fin dalla scelta iniziale dell’allenatore e sicuramente per demeriti propri. La pena afflittiva che eventualmente rischia l’Atalanta, qualora patteggiasse, è al massimo di 2 punti che, se applicati sulla classifica del campionato apprena finito, vedrebbero comunque l’Atalanta davanti al Cagliari, che pertanto merita la serie B. C’è invece da riflettere su “vecchio” capitano e sul “vecchio” allenatore: sono entrambi romani.

  3. Scritto da solodea

    Sentire il “braccio destro” del presidente del Cagliari, dire che “… stima Marino e l’Atalanta, ma deve difendere i diritti dei tifosi del Cagliari”, verrebbe da chiedergli se “eventuali” fatti del trascorso anno 2011 hanno leso i diritti dei tifosi del Cagliari ovvero se non si sente piuttosto un falchetto che vola sulle disgrazie altrui (non volute di certo dall’Atalanta) e che dovrebbe cercarsi un cimitero per soddisfare le proprie voglie, si vede non già soddistaffe dai soldi che prende.

  4. Scritto da Luigi

    Per quanto a malincuore, do ragione al cagliari. Prima venga punito chi deve essere punito (confidando in un giudizio corretto), e poi si torni a giocare a pallone. Altrimenti è solo una farsa.

  5. Scritto da SERIO

    Questo vittimismo non restituisce dignità. Meglio la legapro 10 anni che la A al gusto combine.
    Lo sport è una cosa seria, il tifo una malattia.

  6. Scritto da claudio

    Squallidi e’ dire poco. Parlare di campionato irregolare per una partita di 5 anni fa e’ demenziale. I sigg. sardi con l’Atalanta hanno perso 6 punti Su 6. Del resto con Il presidente che si ritrovano, scuola morattiana, non c’era da aspettarsi altro . Poi mi sembra che quella maggiormente punita. , a differenza di altri, fosse stats proprio l’Atalanta.

    1. Scritto da mah

      nulla da eccepire se non su un elemento: che l’Atlanta sia stata la più punita di altri che significa? la questione è vedere se ha fatto illeciti e le pene sono congrue. Come per ogni squadra.

      1. Scritto da boh

        Concordo ma si è sempre in 2 a manipolare una partita….L’Atalanta è stata punita per esempio per quella con il Padova…. ma il Padova come mai non ha subito la stessa sorte ?

      2. Scritto da solone

        Giusto, hai perfettamente ragione! Così come hanno pagato Lazio, Roma, Juve, ecc..è corretto paghi ancora l’Atalanta ecco…alà burtulì…

        1. Scritto da solo neh

          Lei è a conoscenza degli atti dei processi di cui parla? o di fatti che non sono noti ai giudici? burtulì a chi? calma, la giustizia non è solo quanto arriva dall’informazione