BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sanità privata, rinnovato il contratto degli infermieri: aumento mensile di 154 euro

L'ultimo rinnovo risale a 14 anni fa: il nuovo contratto riguarda oltre 4mila lavoratori bergamaschi

Dopo 14 anni viene riconosciuto il lavoro degli operatori della sanità privata: dopo molte battute di arresto c’è la pre-intesa sul contratto, istituto che a Bergamo interessa quasi 4mila lavoratori alle dipendenze di Cliniche Humanitas (Gavazzeni e Castelli), Istituto Clinico Quarenghi; Gruppo Habilita; Casa di Cura Istituto Palazzolo e Istituti Ospedalieri Bergamaschi (policlinici San Marco e San Pietro), Villa Sant’Apollonia e Casa di Cura San Francesco Suore Cappuccine di Madre Rubatto.

Mercoledì 10 giugno, al termine di una lunghissima trattativa, Cisl Fp, Fp Cgil e Uil Fpl con Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari), hanno sottoscritto l’accordo per il rinnovo di un contratto che comporterà un aumento medio mensile pari a 154 euro.

“Eroghiamo il 51,7% delle prestazioni sanitarie regionali – esordisce Katia Dezio, della segreteria bergamasca di Cisl Fp – e siamo stati in prima linea nell’emergenza Covid-19, pagandone spesso un prezzo altissimo. Dovrebbe bastare questo dato a far capire quale affronto abbiamo subito i lavoratori in questi 14 anni. Dopo numerosi scioperi, mobilitazioni e iniziative, che hanno segnato la nostra azione nel corso di questi anni, questa intesa restituisce finalmente parte della dignità a lavoratrici e lavoratori. Adesso, abbiamo raggiunto un accordo che recepisce l’obiettivo al quale da sempre abbiamo mirato, ovvero che a uno stesso lavoro, che sia nel settore pubblico o nel settore privato, debbano corrispondere stesso salario e stessi diritti”.

Contratto sanità privata

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.