Quantcast
Pronto il primo farmaco per neutralizzare il Coronavirus: al via i test - BergamoNews
La ricerca

Pronto il primo farmaco per neutralizzare il Coronavirus: al via i test

Messo a punto da ricercatori dell'Università olandese di Utrecht, ha molte potenzialità ma ci vorranno mesi per renderlo disponibile

Arriva un’importante novità dalla ricerca di cure per il Coronavirus. È stato messo a punto il primo farmaco per aggredirlo: si tratta di un anticorpo specializzato nel riconoscere la proteina che il virus utilizza per attaccare le cellule respiratorie umane.

La ricerca è stata pubblicata sul sito BioRxiv dal gruppo dell’Università olandese di Utrecht guidato da Chunyan Wang.

La notizia è importante, ma ci vorranno mesi per renderlo disponibile, perché dovrà essere sperimentato per avere le risposte su sicurezza ed efficacia, come hanno spiegato gli stessi ricercatori alla Bbc.

Legandosi alla proteina Spike, che si trova sulla superficie del Coronavirus, l’anticorpo le impedisce di agganciare le cellule e in questo modo rende impossibile al virus di penetrare al loro interno per replicarsi. Per questo motivo i ricercatori sono convinti che abbia importanti potenzialità importanti “per il trattamento e la prevenzione della Covid 19”.

Gli studi sono ancora in corso e l’anticorpo deve essere sottoposto a test molto rigorosi, ma i ricercatori sperano di convincere una compagnia farmaceutica a produrlo. Tutto questo, secondo gli scienziati di Utrecht, richiederebbe molto meno tempo che sviluppare un vaccino per il nuovo Coronavirus.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Terapia Intensiva
Emergenza coronavirus
Gallera: “In Lombardia i posti in terapia intensiva vicini al collasso”
Ambulanze coda ospedale papa giovanni
La riflessione
Bergamo, ognuno ha un contagiato tra i conoscenti, troppi un morto da piangere
Gasperini
Solidarietà
Donazione e appello: Gasperini e l’Atalanta per l’ospedale di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI