Il sindaco di Solto Collina ci ripensa: "Non mi dimetto più" - BergamoNews
Il caso

Il sindaco di Solto Collina ci ripensa: “Non mi dimetto più”

Il sindaco di Solto Collina, Maurizio Esti, annuncia il ritiro delle sue dimissioni da sindaco dopo averle dichiarate nella giornata di venerdì 10 gennaio.

Il metodo è lo stesso: un annuncio su Facebook. Unica licenza è il maiuscolo, che tutti ben sanno usato sui social equivale ad urlare. Così il sindaco di Solto Collina, Maurizio Esti, annuncia il ritiro delle sue dimissioni da sindaco dopo averle dichiarate nella giornata di venerdì 10 gennaio.

“Avviso alla cittadinanza: mi scuso per avere avuto un attimo di debolezza, ma sono certo che possiate comprendere anche il mio stato d’animo. Mai avrei pensato e voluto creare tanto casino, ma tutte le vostre telefonate, messaggi e dimostrazione di affetto e stima, mi hanno ricaricato e convinto a proseguire. Logicamente la rinuncia a parte del mio tempo per mia moglie (la mia malattia -puro romanticismo -( forse anche i meno mentalmente dotati così la capiscono), mio figlio e il mio lavoro, mi pesa, ma vi prometto che ora farò piazza pulita da quelle maledette m….”.

 

IL GRUPPO DI MAGGIORANZA SOSTIENE IL SINDACO ESTI
Il gruppo di maggioranza “Rinnovamento per Solto Collina” ribadisce la propria solidarietà al sindaco Maurizio Esti e, compatto, continua l’esperienza amministrativa fino a fine mandato. Il sindaco ritira le proprie dimissioni per senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e del proprio paese visto, anche, i numerosi progetti, diversamente nei prossimi anni non potrebbero essere concretizzati in caso di sue dimissioni” Rinnovamento per Solto

leggi anche
  • Sebino
    Solto Collina, il sindaco Maurizio Esti verso le dimissioni: “Subisco attacchi continui”
    Maurizio Esti Solto Collina
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it