Solto Collina, il sindaco Maurizio Esti verso le dimissioni: "Subisco attacchi continui" - BergamoNews
Sebino

Solto Collina, il sindaco Maurizio Esti verso le dimissioni: “Subisco attacchi continui”

L'annuncio è del primo cittadino stesso, sui social. Nei giorni scorsi un suo post su Facebook sulla meningite aveva fatto molto discutere

Solto Collina, paese dell’Alto Sebino, sta per essere commissariato. Sono attese nei prossimi giorni le dimissioni del sindaco Maurizio Esti, che ha annunciato il passo indietro su Facebook nella tarda serata di giovedì 9 gennaio.

Salvo dietrofront dell’ultim’ora, Esti rinuncerà all’incarico all’inizio della prossima settimana.

“Sono stanco di subire attacchi continui – ha scritto il primo cittadino -, d’ora in poi voglio vivere una vita spensierata. Sicuramente molti (anche tra i colleghi) ne saranno felici. Finalmente il ‘fenomeno’ (cattivo esempio) che lascia lo stipendio e finanzia anche personalmente, se ne va. Scordatevi i fiori, i pulcini, e tante altre cose, ma purtroppo sono stanco. Mi rammarico e mi scuso con chi mi ha voluto e sostenuto”.

Uno sfogo, quello del sindaco Esti, che arriva all’indomani di una polemica scaturita da un suo post pubblicato su Facebook, un collage di foto della moglie con sopra scritto “la mia meningite”. Il collegamento ai casi di meningite – che hanno portato alla morte di due persone, a pochi chilometri da Solto Collina – è purtroppo evidente.

 

leggi anche
  • Il caso
    Il sindaco di Solto Collina ci ripensa: “Non mi dimetto più”
    Maurizio Esti Solto Collina
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it