BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Federconsumatori denuncia divieti ignorati e impuniti in via Sant’Alessandro

Via Sant'Alessandro è zona a traffico limitato e con divieto di transito. Ma non per tutti: i soliti cittadini senza senso civico e grazie al disinteresse della Polizia Locale. Federconsumatori denuncia questa situazione e chiede l'intervento dell'amministrazione comunale.

Più informazioni su

Via Sant’Alessandro è zona a traffico limitato e con divieto di transito. Ma non per tutti: i soliti cittadini senza senso civico e grazie al disinteresse della Polizia Locale. Federconsumatori denuncia questa situazione e chiede l’intervento dell’amministrazione comunale.

Ecco la denuncia di Federconsumatori:

"Federconsumatori, dietro sollecitazione di cittadini esasperati, segnala all’opinione pubblica, al Sindaco di Bergamo, Franco Tentorio, e agli Assessori competenti la situazione di palese disprezzo delle regole di convivenza civile che si manifesta ogni giorno nella nostra città in tema di inosservanza del codice della strada su via sant’Alessandro alta.

Parliamo di una strada centrale dove sono vigenti sia il divieto di transito per ZTL dalle 7.00 alle 10.00 e dalle 16.00 alle 19.00, sia il divieto di sosta permanente con rimozione forzata per costatare due fatti:

A) l’assenza di senso civico da parte dei contravventori;

B) il disinteresse della Polizia Locale a fare rispettare le regole.

Occorre evidenziare che l’inosservanza dei divieti rende pericoloso il transito ai pedoni che numerosi, per via della presenza di abitazioni, scuole, mensa collettiva , Uffici statali, ecc.., percorrono la strada su di un piccolo marciapiede a raso. Questo accade mentre si discute se sia lecito o meno sanzionare chi “sfora” sui tempi pagati per i parcheggiare nelle strisce blu.

 

E nel pomeriggio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vito

    Urge installazione telecamere, unico antidoto. Dopo i primi episodi di vittimismo dai trasgressori ( non lo sapevo, me la toglie la multa.?.) tutto si sistema

  2. Scritto da Sennodipoi

    Io circa 15 anni fa a milano ho posteggiato in zona divieto, ho trovato dopo 45 minuti le ganasce, sono andato in taxi dai vigili, ho pagato la multa, ho aspettato il camioncino bianco del comune che aveva le chiavi delle ganasce e sono ripartito in macchina. Morale non mi ricordo la multa, forse 150.000, ma ricordo di aver perso 3 ore. La lezione è stata indimenticabile. Mai più posteggiato in divieto. A bergamo lezioni del genere mai furono prese…

  3. Scritto da marco bg

    Purtroppo a Bergamo siamo abituati a rispettare poco le regole stradali anche perché i vigili cercano spesso di essere nel posto sbagliato al momento giusto per non crearsi grattacapi. Gli esempi sono decine (p.ta S.Bartolomeo durante le messe; divieto di passaggio li di fronte in L.go Belotti; auto parcheggiate per andare al bar in via Tiraboschi, via Tremana, via Battisti, via Corridoni, via S.Bernardino, ecc. per non parlare dello stadio durante le partite)

  4. Scritto da arpaleni

    se solo i Vigili dovessero dare non dico tutte, ma almeno una parte consistente delle multe che dovrebbero dare, le casse del Comune ne avrebbero grande vantaggio.
    Ci sono zone (ad es. via San Vigilio) dove, nonostante i cartelli di divieto di sosta di 24h, NON ho MAI visto una contravvenzione !!

  5. Scritto da Barba

    Sarà così, mi chiedo però che ne pensa la Federconsumatori dei ciclisti che sfrecciano su marciapiedi, contromano, pedalano amabilmente chiacchierando in coppia lungo la strada mettendo in difficoltà gli automobilisti oltre alla loro incolumità. oppure di quei pedoni che passeggiano in mezzo alla strada fregandosene delle auto, solo perché loro sono pedoni e hanno ragione a prescindere? Mai visto un vigile a sanzionarli, anche in quel caso. Quindi non usiamo sempre due pesi e due misure!

  6. Scritto da Paola

    stessa cosa in piazza pontida, in via tasso e davanti al donizetti. altra situazione incivile, pericolosa per i pedoni e i ciclisti e mai sanzionata sono i dintorni delle scuole negli orari di entrata e uscita: auto parcheggiate in divieto con rimozione, sulle strisce pedonali, in doppia fila… e mai, MAI un vigile

  7. Scritto da Matteo

    Fosse solo lì il problema………..il punto è che in tutta questa zona (parlo da via Nullo alla rotonda Garibaldi) è frequentata al mattino dalle mamme della bergamo che conta (e non solo) che con le lore belle macchinette parcheggiano ognidove (anche appena fuori dall’uscita della via S.Antonino costringendo i malcapitati automobilisti di passaggio a manovre assurde) perchè devono andare a prendere i loro figlioli nelle scuole qui sparse (sacramentine, capitanio, S.Alessandro).