BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A over 45 disoccupati e digiuni d’informatica la Cgil offre Trova@lavoro

Un corso di informatica e ricerca in rete rivolto a chi, per ora, un lavoro non ce l'ha e a tutti quei disoccupati con scarse o nulle competenze informatiche. Un'opportunità per chi intende reinserirsi nel mondo del lavoro. Tutto questo è “Trova@lavoro”, l'iniziativa della Cgil che prenderà il via Venerdì 23 Ottobre.

Più informazioni su

Un corso di informatica e ricerca in rete rivolto a chi, per ora, un lavoro non ce l’ha e a tutti quei disoccupati con scarse o nulle competenze informatiche.

Un’opportunità per chi intende reinserirsi nel mondo del lavoro.

Tutto questo è “Trova@lavoro”, l’iniziativa della Cgil che prenderà il via Venerdì 23 Ottobre.

Si tratta di 4 incontri, fino a Venerdì 13 Novembre, nel corso dei quali verranno svelate tecniche e segreti per compilare nel modo migliore possibile un curriculum digitale e i moduli “Lavora con noi”. Inoltre, i corsisti impareranno ad utilizzare la posta elettronica: scrittura, invio e ricezione di mail.

“Non è un normale corso di informatica­ – precisa a nome della Cgil  Mara Mologni -. Non è un corso per imparare ad usare il computer. È un corso per imparare tutto ciò che serve per potersi inserire, o meglio reinserire, in maniera efficace nel mondo del lavoro. Un’iniziativa che abbiamo ritenuto necessaria visto le numerose richieste di assistenza a SOL, il Servizio Orienta Lavoro della Cgil, che fornisce tutte le informazioni necessarie per muoversi con maggiore consapevolezza nel mercato del lavoro. In particolare, si tratta di un’ occasione di sostegno rivolta a chi non ha conoscenze informatiche sufficienti”.

Già perché l’iniziativa, che la Cgil ha organizzato con Proteo, Toolbox, Auser e SOL, non è destinata ai più giovani, ma a persone di età superiore ai 45 anni con scarse competenze informatiche: “Ci rivolgiamo non a persone giovanissime, ma a persone di mezza età­ – aggiunge Marco Toscano, segretario generale di Nidil Cgil di Bergamo -. Più precisamente a tutti coloro che, per qualunque motivo, sono usciti dal mondo del lavoro e ora devono rientrarci. Noi cercheremo di trasmettere le competenze e gli strumenti informatici necessari per farlo”.  

Il corso, che si svolgerà allo spazio Coworking del Lazzaretto, è completamente gratuito e prevede un massimo di 10 iscritti: “La classe è evidentemente poco numerosa, ma è una scelta voluta. In questo modo, avremo l’opportunità di seguire al meglio e dedicare il giusto tempo a ciascun corsista.”

L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Bergamo: “Il comune doveva esserci­ – dichiara Giacomo Angeloni, l’assessore all’Innovazione -. L’iniziativa ci dice che la crisi non è finita e il Comune intende sostenere i suoi cittadini, soprattutto chi perde il lavoro ad una certa età e ha maggiori difficoltà di reinserimento e orientamento.”

Luca Stroppa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MaPerPiacere

    Ho perso il lavoro e mi sono laureato diversi anni fa, ho quarantanni e il Pc lo so padroneggiare bene, ma intorno a me le persone non qualificate trovano e hanno trovato occupazione con le semplici conoscenze (raccomandazioni). Smettiamola di fantasticare sulla pelle della gente per piacere!!!!

  2. Scritto da francesca

    ma rilasciate la certificazione riconosciuta o è un indirizzo informativo
    visto che la partecipazione è Cgil

  3. Scritto da nino cortesi

    L’unico Sindacato che qualche volta è utile.

  4. Scritto da Terzi

    A che serva sapere usare le mail e internet per rispondere agli annunci, quando non c’è offerta di lavoro per queste fasce d’età?

    1. Scritto da Luciano

      Non è un discorso di passività nella ricerca di un lavoro, come attendere di poter rispondere agli annunci, ma di uso dello strumento in modo propositivo. Per esempio: preparo un CV; Lo invio via mail alle aziende; ecc… L’unica cosa che mi lascia perplesso è l’esiguo numero di persone che possono accedervi. Solo 10! A mio avviso sarebbe utile strutturare questo tipo di iniziative sul territorio, facendo più volte il corso per allargare la platea dei partecipanti.