BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via i libri “gender” dalle scuole lombarde Passa la mozione leghista

E' stata bollata come truffa culturale dal ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini eppure la Regione Lombardia ha deciso di intervenire “sulle autorità scolastiche a livello regionale e provinciale perché vengano 
ritirati dalle scuole libri e materiali che promuovono la 
cosiddetta teoria del gender”.

Più informazioni su

E’ stata bollata come truffa culturale dal ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini eppure la Regione Lombardia ha deciso di intervenire “sulle autorità scolastiche a livello regionale e provinciale perché vengano 
ritirati dalle scuole libri e materiali che promuovono la 
cosiddetta teoria del gender”. La mozione è stata approvata dal Consiglio con i voti della maggioranza. Contro, invece, le opposizioni Pd, Patto Civico e M5S, che hanno parlato di "disinformazione" appellandosi alla circolare del Miur che ha spiegato la non fondatezza della cosiddetta “teoria del gender”.

Il presidente del gruppo Forza Italia Claudio Pedrazzini dopo l’approvazione della mozione ha vulto sottolineare che "il vero rispetto per la persona si realizza pienamente soltanto quando sono chiare le differenze che la natura umana riesce a contemplare. Altrimenti in gioco c’è soltanto una forma di propaganda strumentale e di bassa lega. Sentiamo il compito di tutelare i nostri ragazzi, soprattutto i più giovani, che sono i più indifesi". Mentre Luca Del Gobbo, capogruppo del Ncd, ha spiegato che "l’allarme proviene, anche dal mondo scientifico e non va sottovalutato. A queste teorie si affianca l’accanimento nei confronti della positività della famiglia naturale, un soggetto educativo insostituibile, anche e soprattutto in ambito scolastico". Dure repliche dall’opposizione, con Lucia Castellano (Patto Civico) che parla di "una mozione ignorante e oscurantista, che propina lo spauracchio di una inesistente teoria gender per colpire di fatto le unioni civili, la parità di genere, i diritti delle persone omosessuali. Un documento irricevibile". La vicepresidente del Consiglio regionale Sara Valmaggi, del Pd, bolla la mozione della Lega "una mozione inutile, illogica e dannosa, basata su una premessa falsa. La teoria gender non esiste – ha aggiunto – esistono studi di genere che sono tutt’altra cosa. Non c’è alcuna normativa approvata in Parlamento che introduce nella scuola questa fantomatica teoria, c’è solo la promozione della parità tra i generi, la lotta alla discriminazione e agli stereotipi che anche nell’aula consiliare si sentono enunciare troppo spesso". Critici anche i Cinque Stelle che hanno votato contro la mozione. "In Consiglio regionale – ha detto la consigliera Paola Rocchi – la Lega Nord sta perdendo tempo a spese dei lombardi. Si insiste nel parlare di una teoria inesistente: è un’enorme montatura utile a fare terrorismo psicologico che confonde elementi come il rapporto tra sessi, la pianificazione familiare, l’educazione sessuale a scuole e le nuove famiglie Lgbt che meritano diritti".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da calore

    Pinocchio
    Biancaneve e i 7 nani
    Mogli e il libro della Giungla
    sono libri gender???

  2. Scritto da cua de paja

    Incuriosito da cosa possa mai essere scritto di tanto abominevole in un libro “gender”, rimango in attesa di un elenco dei libri messi all’indice così che possa procedere ad un regolare acquisto e quindi verificare di persona le nefandezze ivi scritte. Grazie.

    1. Scritto da Giorgia

      I libri gender non esistono, esistono soli libri che raccontano storie, alcune di fantasia, altre che raccontano la realtà che ci circondano. Bollare e censurare dei libri per bambini è vergognoso! Io ne ho letti molti qui trovi quelli di cui ho scritto e che ho letto con mio figlio http://www.figlimoderni.it/search/label/%23librinoncensurabili

  3. Scritto da F. Rampinelli

    E’ vero che la teoria del gender è una truffa culturale. Il problema è che proprio chi la sostiene ne nega l’esistenza, mentre i cattolici che pubblicamente l’avversano sono gli unici a parlarne. Così facendo, gli hanno rotto le uova nel paniere. Esempi concreti di libri gender? Basta cercare con google. Oppure visitare http://www.difendiamoinostrifigli.it o http://www.notizieprovita.it. Basta aver voglia di aprire gli occhi (le fette di salame cadono da sole quando è troppo tardi)

    1. Scritto da Giorgia

      Ma per piacere! Siamo seri, almeno ogni tanto! Dovrebbe aprire gli occhi chi nega che esistono altre famiglie oltre a quella tradizionale. A me che ho una famiglia tradizionale non porta via nulla riconoscere che ci siano famiglie diverse dalla mia che hanno gli stessi miei diritti. Incominciamo a difendere i nostri figli dall’ignoranza e non dai libri.

    2. Scritto da incompreso

      Sarebbe interessante provare a centrare la discussione su fatti concreti. Per esempio: se la Regione Lombardia vieta i testi “gender” nelle scuole, potrebbe essere interessante avere la lista dei testi vietati e dati sulla loro effettiva adozione nelle scuole. Dopo di che, potremo tutti provare a leggerli. Possiamo cercare su google, ma qui stiamo discutendo di un fatto preciso: la Regione vieta libri e materiali gender. Quali?

    3. Scritto da Miles Teg

      I due siti elencati sono francamente inguardabili, sembrano scritti a quattro mani da Formigoni-Giovanardi…

  4. Scritto da Luigi

    Io non so se ridere (della profonda ignoranza dei leghisti) o piangere (per la piega che sta prendendo la nostra societa’).

  5. Scritto da nino cortesi

    Si inquadra nell’accanimento per bigottismo.
    Peggio un’amanita phalloide.

  6. Scritto da pedro

    ma possibile che non riusciate a dire qual è veramente il problema? potreste dire almeno il titolo di un libro che non va bene? un autore che perora la famosa teoria gender e che deve essere censurato? quanta inutile fuffa, da parte degli stessi che, ad ogni notizia, sostengono che c’è ben altro a cui pensare….

  7. Scritto da nino cortesi

    Non esistono i libri gender.
    Proprio non ci sono.
    Ci sono i leghisti purtroppo ovvero l’ignoranza nelle istituzioni e non solo nelle istituzioni perché qualcuno li ha messi lì.

    1. Scritto da brao

      Ci sono i leghisti purtroppo ovvero l’ignoranza nelle istituzioni”
      Verrà mai un giorno in cui Nino Cortesi riuscirà ad esprimere un concetto non offensivo e non razzista? Dubito.

    2. Scritto da stufo

      Ignorante sará lei! Argomenti le sue idee invece di offendere,sempre con il consenso della redazione,chi non la pensa come lei.

      1. Scritto da basta

        no, siete voi a dover argomentare… ma non con dei vaghi slogan! dovete dire se esiste almeno un libro gender nei libri scolastici. dovete dire l titolo e l’autore. altrimenti voi parlate di niente e nino cortesi (una volta tanto) ha ragione da vendere.

          1. Scritto da Ma dai !

            Trattasi di megabufala . Sig. Alberto , immagino che lei sia persona con normali capacità di intendere e di volere, le pare possibile che una qualunque nazione del mondo introduca la depenalizzazione della pedofilia come vorrebbe far intendere l’articolo ? Mi consente di definire tale eventualità semplicemente DEMENZIALE ? Ma non ci arriva da solo ? Ma cosa legge ? Almeno fin qui !!!!

        1. Scritto da mochela

          “Ci sono i leghisti purtroppo ovvero l’ignoranza nelle istituzioni”.Nino Cortesi non ha ragione.

  8. Scritto da incompreso

    Che buffo. Immagino ci vorrà un grosso sforzo organizzativo per ritirare dalle scuole materiali e libri inesistenti. E intanto si continua il giochetto. Pura mitopoiesi.

  9. Scritto da cristiano

    Bene,molto bene.

    1. Scritto da Baloo

      Cosa ? Visto che i libri non esistono e quindi non verrà ritirato nulla ? Mi dici in quale scuola e kn quale località lombarda esistono libri “gender” ? Adesso non scappare come al solito , sai che dire le bugie è peccato ?

  10. Scritto da Miles Teg

    I leghisti non hanno saputo indicare quali sono i libri che promuovono la teoria gender perchè per farlo avrebbero dovuto essere in grado di leggerli…

  11. Scritto da luigi

    evviva finalmente sono arrivati i nuovi talebani a quando la demolizione di statue di personaggi laici,a quando il cambio di nomi di vie sempre di questi personaggi.

  12. Scritto da Daniele

    Ok, ma quali sarebbero i libri messi all’indice? Titoli, autori… case editrici… se ne sa qualcosa?

    1. Scritto da Giorgia

      Ne trovi molti a questo mio link, ovviamente trovi sia le recensioni di alcuni libri che le liste con titoli, autori ed editori. I libri gender non esistono, esistono solo libri! http://www.figlimoderni.it/search/label/%23librinoncensurabili

    2. Scritto da Vampiri

      Non esiste nessun libro “gender” nelle scuole lombarde , ovviamente lo sanno tutti . Non sono andati nel panico per la parola “gender” ma per la parola “libri” , è come l’aglio per i vampiri.