BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Arriva a Bergamo l’app Too Good To Go: supermercati e locali contro gli sprechi alimentari

L’applicazione, per smartphone, permette ai ristoratori di mettere in vendita a prezzi ridotti il cibo invenduto a fine giornata

Raggiunti oltre 320.000 utenti in soli sei mesi dal lancio in Italia, Too Good To Go, l’app che combatte lo spreco alimentare, arriva anche a Bergamo.

Dall’agricoltura all’allevamento fino all’imballaggio e alla distribuzione, le attività legate alla filiera agroalimentare sono responsabili del 25% delle emissioni globali di gas serra, tra le principali cause dei cambiamenti climatici. A livello globale, ogni anno le tonnellate di cibo che finiscono nella spazzatura sono circa 1,3 miliardi, una cifra che non si misura solo in termini alimentari, ma anche ambientali: se fosse un Paese, lo spreco alimentare sarebbe il terzo al mondo (dopo Cina e Stati Uniti) per emissioni di CO2.

Per questo dal 2015 Too Good To Go si impegna a salvare il cibo e preservare l’ambiente: nata in Danimarca, la app è oggi presente in 13 Paesi d’Europa con oltre 15 milioni di utenti ed è tra le prime posizioni negli App Store e Google Play. Con oltre 22 milioni di Magic Box vendute, ad oggi ha permesso di ridurre l’85% degli sprechi e di risparmiare l’emissione di 53 milioni di kg di CO2.

Too Good To Go

In Italia, dove lo spreco alimentare ha un costo di 15 miliardi di euro l’anno,  Too Good To Go è stata accolta con grande entusiasmo, conquistando le città di Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Genova e Verona e permettendo da aprile ad oggi di salvare oltre 80.000 pasti. Nel Belpaese sono oltre 1.300 i commercianti che hanno aderito all’iniziativa e che hanno scelto di coinvolgere i propri clienti nella lotta contro lo spreco alimentare e il riscontro è stato decisamente positivo: viene acquistato in media oltre l’80% delle Magic Box rese disponibili dai commercianti, con picchi oltre il 95% a Torino e Verona, mentre a Bologna si raggiunge anche il 100%. 

Come funziona Too Good To Go

I ristoratori e i commercianti di prodotti freschi iscritti all’applicazione possono mettere ogni giorno in vendita le Magic Box, delle “bag” con una selezione a sorpresa di deliziosi prodotti e piatti freschi, rimasti invenduti a fine giornata e che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo. Ciascun commerciante ha la possibilità di indicare ogni giorno la quantità di Magic Box disponibili a seconda di quanto invenduto prevede di avere a fine giornata.

Dall’altra parte, i consumatori possono acquistare con un semplice tap sull’applicazione ottimi pasti a prezzi minimi, tra i 2 e i 6 euro, impegnandosi allo stesso tempo nella lotta agli sprechi e nella tutela dell’ambiente, considerando che ogni Magic Box acquistata permette di evitare l’emissione di 2 kg di Co2. Basta geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, che verranno visualizzati sulla mappa della città con dei pallini di tre colori: verde per quelli che hanno ampia disponibilità di Magic Box, giallo (disponibilità limitata), rosso (Magic Box esaurite o non disponibili per la giornata: nessuno spreco!).

Una volta scelto il locale preferito, l’utente potrà ordinare la propria Magic Box e pagarla tramite l’app con carta di credito, Paypal o il servizio Google Pay. Poi basterà recarsi al negozio nella fascia oraria specificata, mostrare la conferma al negoziante tramite app e ritirare la Magic Box per scoprire cosa c’è dentro. Inoltre, per limitare l’uso di imballaggi, i negozi aderenti a Too Good To Go incoraggeranno i clienti stessi a portare da casa contenitori e sacchetti propri.

“Siamo partiti in Italia sei mesi fa e stiamo riscuotendo un successo straordinario: la grande attenzione nei confronti del progetto da parte dei commercianti ma soprattutto il riscontro positivo dei consumatori che quotidianamente prenotano una Magic Box, ci dimostra come il tema della sostenibilità a tavola e degli sprechi alimentari stia davvero a cuore agli italiani”, commenta Eugenio Sapora, Country Manager Italia di Too Good To Go.

Too Good To Go

“A rendere unico Too Good To Go è l’unione di innovazione e tradizione: gli acquisti si fanno via smartphone, tramite l’app, ma il ritiro della Magic Box avviene direttamente in store, rafforzando così il rapporto commerciante-cliente, dando l’opportunità ai negozianti di farsi conoscere al di fuori dei canali tradizionali e ai consumatori di ottenere a prezzi convenienti del cibo delizioso e ancora buonissimo. In questo modo stiamo creando un bellissimo network di partner locali, nazionali e globali: quello di Too Good To Go è un vero e proprio movimento che si impegna a ridurre il surplus alimentare. La comunità cresce giorno dopo giorno e il nostro obiettivo è continuare ad espanderci nelle altre regioni italiane,  coinvolgere scuole e università e nuovi stakeholder”.

Scegliere i prodotti delle Magic Box significa quindi sostenere tutti i commercianti che si impegnano a limitare sprechi di cibo e risorse. A Bergamo sono già oltre 40 i punti vendita che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, tra cui rappresentanti della grande distribuzione come Carrefour, che ha scelto Too Good To Go per accelerare il raggiungimento dell’obiettivo di riduzione dello spreco alimentare non soltanto a livello sociale ma anche ambientale.

Ma ad aderire alla app sono soprattutto tanti locali storici e legati alla tradizione di Bergamo, a partire dal Caffè del Tasso 1476, che dal 1476 è una certezza a Bergamo: passano i secoli, non cambia la qualità ma evolve il modo di combattere gli sprechi alimentari.

Per chi è in cerca di dolcezza, da prenotare le Magic Box di La Marianna, la pasticceria di Bergamo alta dove tradizione e qualità si fondono in un mix vincente dal 1953.

L’innovazione di Too Good To Go conquista anche Balzer, la storica pasticceria che dal 1850 è punto di ritrovo per definizioni della città: collocato proprio di fronte al Teatro Donizetti, ha servito aperitivi e caffè a tante star del Novecento, come la divina Maria Callas, il maestro Gianandrea Gavazzeni, Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman.

A preparare le “bag” per una cena salva cibo anche “DaMimmo”, lo storico ristorante che dal 1956 viene portato avanti dalla famiglia Amaddeo con passione e con grande attenzione ai prodotti: non a caso, il ristorante fa parte dell’alleanza Slow Food ed è noto soprattutto per la pizza Margherita DOC DaMimmo, elaborata proprio dal fondatore 60 anni fa.

Acquistabile tramite Too Good To Go anche la pizza gustosa e sostenibile di Grano Puro, il gruppo di pizzerie artigianali che ha creato ricette esclusive sia per l’impasto “classico” multicereale che per quello integrale certificato e garantito.

L’app di Too Good To Go è disponibile su App Store e Google Play. 

To Good To Go

Nata nel 2015 in Danimarca con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare, l’applicazione To Good To Go è presente in 13 Paesi d’Europa, conta ad oggi oltre 14 milioni di utenti ed è tra le prime posizioni negli App Store e Google Play di tutta Europa. Too Good To Go permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati ed hotel di recuperare e vendere online – a prezzi ribassati – il cibo invenduto “troppo buono per essere buttato” grazie alle Magic Box, delle “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo. Gli utenti della app non devono far altro che geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, ordinare la propria Magic Box, pagarla tramite l’app e andarla a ritirare nella fascia oraria specificata per scoprire cosa c’è dentro.

Per maggiori informazioni: www.toogoodtogo.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.