Visite guidate, spettacoli e film online: la giornata della donna al tempo del Covid - BergamoNews
La panoramica

Visite guidate, spettacoli e film online: la giornata della donna al tempo del Covid

A causa della pandemia da Covid-19 non ci saranno i cortei e gli spettacoli dal vivo in presenza, ma sono diverse le iniziative organizzate nella Bergamasca per celebrare la giornata della donna

A causa della pandemia da Covid-19 non ci saranno i cortei e gli spettacoli dal vivo in presenza, ma sono diverse le iniziative organizzate nella Bergamasca per celebrare la giornata della donna. In programma ci sono film e spettacoli online, visite guidate a Bergamo (rivolte ai residenti, in ottemperanza alle disposizioni del DPCM) e installazioni artistiche realizzate con il coinvolgimento delle scuole.
Ecco la panoramica delle proposte per questa ricorrenza.

BERGAMO

Il Comune di Bergamo ha realizzato anche quest’anno, in collaborazione con altre istituzioni della città, un programma di iniziative dedicate a celebrare la giornata internazionale della donna. Un’occasione per riflettere sulla condizione femminile rispetto alla quale i dati recenti sono preoccupanti.
Il palinsesto che l’assessorato alle pari opportunità ha promosso comprende tre ambiti: la scuola, con un progetto sulla storia del riconoscimento dei diritti della donna curato da una classe del Liceo Falcone che è approdato nella costruzione di un video racconto; la città, con l’installazione sul Sentierone “La voce delle donne”, iniziativa del Comune, Provincia Isrec e Udi; le donne, con un gesto di gratitudine che mi condurrà con una delegazione all’Ospedale Papa Giovanni XXIII lunedì 8 per rendere omaggio a coloro che si sono spese in prima persona con grande sacrificio in quest’anno così difficile. Una gratitudine che si vuole esprimere, attraverso questo gesto simbolico, a tutte le donne che, in ambito sanitario, si sono adoperate per la nostra salute rischiando la valorosamente propria.
L’installazione “La voce delle donne” porta, appesi sotto i portici del Sentierone per due settimane a partire dall’8 marzo, i colori della vita che le donne sanno raccontare.
Un progetto nato per il 27 gennaio scorso dalla collaborazione tra Comune, Provincia, Isrec e Udi, che propone una carrellata di 6 pannelli con i volti e i nomi di quelle donne che per prime, quando nessuno voleva ascoltare, parlarono all’Italia di Auschwitz, della sofferenza del corpo e della sua resistenza minima capace di riaffermare la vita nonostante tutto.
Alla classe 5F del Liceo Falcone di Bergamo, invece, si deve il progetto “8 marzo. Il lungo cammino per il riconoscimento dei diritti delle donne” nato da un confronto dialettico con Simona Feci, professore associato di Diritto Medievale e Moderno alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo e la classe stessa. Un lavoro corposo di studio e approfondimento, attraverso libri e articoli, documentari, video di repertorio, e tanto altro che è approdato in un video racconto che verrà pubblicato lunedì 8 marzo sul canale YouTube del Comune, in cui gli studenti dialogano con la professoressa Feci sui temi della questione femminile, della storia femminismo, dell’educazione alla parità di genere.
Tra gli attori protagonisti del racconto dell’8 marzo, c’è il Consiglio delle Donne, organismo del Comune nato per dare voce alla presenza, alla soggettività, alla competenza, all’autorevolezza delle donne. “Il Consiglio delle Donne presenterà nel Consiglio Comunale convocato nella data dell’8 marzo il proprio piano di lavoro 2021-2022. Un programma che ha come base valoriale il concetto di “cura” da cui si sviluppano idee, proposte e progetti per la città e da proporre all’Amministrazione Comunale, con lo sguardo e il pensiero delle donne. Inoltre è in fase di progetto una “cartolina” digitale da far circolare sui social.” Così ci racconta la presidente Eleonora Zaccarelli che, insieme alla vice-presidente Maddalena Cattaneo, si è fatta promotrice dell’iniziativa di lunedì 8 marzo che le vedrà protagoniste, con l’Assessora Marzia Marchesi e la Consigliera provinciale Romina Russo, di un incontro con una rappresentanza di donne dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII per offrire un omaggio floreale a nome della città. Un gesto simbolico di vicinanza alle donne che con grande passione, dedizione e coinvolgimento, svolgono un lavoro encomiabile per la nostra società, riuscendo a conciliare i tempi vita-lavoro.

CGIL-CISL-UIL e Cinema Conca Verde lunedì 8 marzo alle 21 proporranno la proiezione online gratuita su prenotazione del film “Jackie“, di Pablo Larraín, con Natalie Portman e Peter Sarsgaard. Un racconto intenso che ha per protagonista Jacqueline Kennedy interpretata da Natalie Portman.
Il film segue il punto di vista di Jackie, raccontando la storica intervista con il giornalista Theodore, avvenuta poco dopo l’uccisione di John F. Kennedy, la meticolosa preparazione del funerale, i suoi ricordi a partire dai giorni precedenti all’assassinio.
Il regista Pablo Larraín offre il ritratto di una donna, madre di due figli, che fin dai primissimi giorni successivi a quel fatidico 22 novembre del 1963, gestisce con fermezza l’evolversi degli avvenimenti. Jackie mostra la capacità di portare allo stesso tempo il fardello del lutto, degli incontri ufficiali e con la stampa, resi necessari dalla sua posizione. Il ruolo di ex first lady le impone, nonostante il dolore, di mantenere il controllo e la lucidità su tutti gli aspetti e le immediate conseguenze della vicenda.
Tra elaborazione del lutto, ricordo e costruzione di un mito, il film svela la forza di questa donna e consente una riflessione sul valore della narrazione degli avvenimenti della storia.
Per vedere il film online bisogna prenotarsi inviando un’e-mail a sas@sas.bg.it entro le ore 12 di lunedì 8 marzo, registrarsi su www.miocinema.com scegliendo Cinema Conca Verde come sala di riferimento e cliccare sul link che verrà inviato via e-mail.
La visione sarà disponibile online dalle 21 dell’8 marzo alle 21 del 9 marzo.

L’associazione culturale Guide Turistiche Città di Bergamo propone una visita guidata in Città alta per scoprire qualche angolo meno conosciuto e per approfondire la conoscenza dei principali monumenti del nostro centro storico. Il ritrovo è alle 10.15 in Piazza Mercato delle Scarpe e la durata della visita guidata è di 2 ore circa.
La quota di partecipazione è di 8 euro (6 euro per i soci).
La prenotazione è obbligatoria inviando un’e-mail a info@bergamoguide.it o telefonando al numero 3286123502.
Le visite si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-Covid vigenti ed essendo la Lombardia in zona arancione, la visita guidata è rivolta ai residenti nel Comune di Bergamo.

Lunedì 8 marzo i residenti a Bergamo potranno partecipare a visite guidate dal titolo “Un’ora con le amiche di Bergamo alla scoperta degli angoli più belli di Città Alta”. Sara Cologni proporrà itinerari con ritrovo alle 10, alle 15 e alle 17 alla fontana Contarini in piazza Vecchia. La durata è di un’ora e la quota di partecipazione è di 10 euro.
La prenotazione è obbligatoria inviando un’e-mail a scolognibg@gmail.com oppure telefonando al numero 3383399846.
L’iniziativa viene organizzata in conformità alle norme riguardanti le visite guidate ammesse dal DPCM.
Per informazioni: www.bergamovisit.com

PROVINCIA

Per celebrare la Giornata della Donna con la bellezza del linguaggio il Comune di Curno ha organizzato il progetto “Le parole delle donne”. Lunedì 8 marzo un manifesto affisso sulla facciata del municipio e un video pubblicato sul canale Youtube del Comune proporranno le parole segnalate dalla cittadinanza per questa ricorrenza.

Il Comune di Ponte San Pietro, in collaborazione con la Compagnia “La Pulce”, propone lo spettacolo teatrale online “Donna: femminile, singolare”. Si potrà vedere lunedì 8 marzo alle 20.30 collegandosi al link: www.youtube.com/compagnialapulce

leggi anche
  • L'intervento
    La pandemia è soprattutto donna, un altro 8 marzo con il virus
  • La curiosità
    Giornata della donna: perché si celebra l’8 marzo e si regalano le mimose
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it