Intitolata a Marzio Tremaglia la biblioteca della Regione - BergamoNews
Il riconoscimento

Intitolata a Marzio Tremaglia la biblioteca della Regione

Orgoglioso e commosso il figlio Andrea che ormai da diversi anni segue le orme del papà (e prima del nonno) in politica

Si è svolta nella mattinata di giovedì 16 maggio l’intitolazione a Marzio Tremaglia della biblioteca di Regione Lombardia.

Alla presenza degli assessori Bruno Galli, Lara Magoni e Riccardo De Corato si è svolta la cerimonia di affissione della targa: d’ora in poi la biblioteca avrà il nome dell’ex assessore regionale alla cultura (1995 al 2000) morto prematuramente a 42 anni.

Orgoglioso e commosso il figlio Andrea che segue le orme del padre (e prima del nonno) in politica: ora in corsa a sostegno della candidatura di Giacomo Stucchi per le amministrative bergamasche come capolista della squadra di Fratelli d’Italia.

“È stato un orgoglio questa mattina partecipare all’intitolazione della Biblioteca di Palazzo Lombardia alla memoria di mio padre – scrive Andrea Tremaglia sulla sua pagina Facebook – Un riconoscimento che onora il suo amore per il pensiero che si fa azione, il suo impegno per la cultura come fonte di identità e progresso. Ringrazio di cuore il governatore Fontana e la giunta tutta, in particolare gli assessori De Corato e Magoni, e l’assessore Galli per il suo intervento. Ricordare chi ci ha preceduto non deve intristire, ma ispirare. L’esempio di uomini grandi andati avanti ci ricorda che siamo piccoli, ci riporta a una sana umiltà. Grazie di cuore.”

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it