BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi siamo tutto”: la storia d’amore di cui si sentiva la mancanza

"Quindi il voto finale al libro da 1 a 10 è 8 perché è troppo forte il vuoto che lascia una volta terminata la lettura, un vuoto più grande di un oceano"

Più informazioni su

Da Giugno sulla home di Facebook, ma in particolar modo nella timeline di Twitter, campeggiava sovrano un libro intitolato “Everything Everything” di Nicola Yoon. In Italiano il titolo è stato tradotto con “Noi Siamo Tutto” e penso che traduzione più adatto per il contenuto del libro non possa esistere.

Ennesima storia d’amore? Ennesimo happy ending? La risposta è no.
Al centro dell’attenzione, questa volta è presente una ragazza adolescente, Madeline Whittier, che non può uscire di casa perché soffre di una malattia dove il sistema immunitario dell’individuo è compromesso, la SCID.
Ma come succede succede a tutti, prima o poi, arriva un treno che cambia la vita: quel treno arriva pure per Maddy ma sotto le sembianze di un ragazzo, Olly, che le stravolge le giornate e il cuore, soprattutto.
Maddy è sconfitta dalla voglia di vivere realmente le sue emozioni, la vita di una ragazza di diciotto anni, e dalla sua malattia, ma a volte le decisioni inaspettate portano a qualcosa di positivo.

Il libro è quasi una sorta di flusso di coscienza – con la giusta punteggiatura a differenza dello stream of consciousness di Joyce- dei pensieri della giovane protagonista. In ogni capitolo si trova una frase che fa pensare e inevitabilmente porta a rivedere la propria realtà.
Le pagine sono alternate dalla rappresentazioni di cartelle cliniche o disegni che raffigurano gli impegni settimanali, da email e dal significato di parole che Madeline assegna secondo la sua esperienza -cosa che ho trovato positiva-.

Il carattere della dolce Maddy si delinea capitolo dopo capitolo, in un forte crescendo di emozioni e pensieri fino ad esplodere e coinvolgere il lettore, lasciando un forte vuoto una volta raggiunta la fine. Per colmare questa mancanza finale ho dovuto leggere i ringraziamenti scritti dell’autrice, cosa che ho sempre lasciato in disparte.

Un libro che ha scatenato commenti positivi su ogni social, tanto da ispirare un film che verrà rilasciato nelle sale italiane il 21 Settembre.

Quindi il voto finale al libro da 1 a 10 è 8 perché è troppo forte il vuoto che lascia una volta terminata la lettura, un vuoto più grande di un oceano.

“Il mondo è troppo grande e io non ho abbastanza tempo per visitarlo”
Madeline Witthier – Noi Siamo Tutto

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.