BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Piano di sviluppo: la Regione non rispetta le promesse”

I consiglieri regionali bergamaschi Martina e Barboni puntano il dito contro le previsioni che la Giunta regionale riserva alla provincia bergamasca.

Più informazioni su

“Piano regionale di sviluppo: ridicole le proposte della Regione per la Bergamasca”. I consiglieri regionali bergamaschi del Partito democratico Maurizio Martina e Mario Barboni puntano il dito contro le previsioni che la Giunta regionale riserva alla provincia bergamasca. Secondo i due democratici infatti nel piano di sviluppo che verrà votato in Consiglio martedì sono comprese solo due misere paginette in cui il Pirellone dimentica gran parte delle promesse fatte nei mesi scorsi. “Il nostro giudizio è fortemente negativo – spiega Martina – il documento è molto generico, vengono citate tante cose, ma non si ha il coraggio di indicare priorità e tempi definiti. Quelle due paginette hanno un’impostazione deludente e fiacca. Rispetto all’accordo quadro presentato in pompa magna prima delle elezioni è un bel passo indietro”. Il Partito democratico presenterà tre emendamenti per suggerire al Consiglio alcune integrazioni. “Il primo punto sono le infrastrutture – continua Martina – vogliamo certezze per variante di Zogno, tangenziale Sud, tangenziale di Treviglio e strada provinciale 91. Il secondo punto ha del clamoroso: la Regione nel documento non cita mai il protocollo d’intesa per il rilancio della Valseriana. Solo una settimana fa Sacconi a Bergamo ha detto che avrebbe aspettato il passo della Regione, questa era l’occasione per dimostrare l’importanza del protocollo. Il terzo emendamento che proporremo riguarda l’aeroporto di Orio: è giusto lo sviluppo in vista dell’Expo 2015, però bisogna anche sottolineare il tema delle compatibilità ambientale. Noi abbiamo cercato di fare un minimo lavoro di analisi e ricordato alla maggioranza le promesse fatte in campagna elettorale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bradella

    Una volta tanto stiamo dalla parte dell’aeroporto. Sviluppo a manetta!!!
    Poi per la compatibilità si troverà sempre una soluzione…
    Hanno spostato delle case per fare il Delle Alpi, sposteranno persone anche per sviluppare qualcosa d’interesse collettivo
    Chiaro?

  2. Scritto da cio

    Orio al Serio
    Vogliamo il treno. Da Orio Terminal (non Orio al Serio cimitero) e che arrivi diretto a Milano (non a Bergamo e poi si cambia)
    Vogliamo i voli intercontinentali
    Vogliamo poterci sviluppare liberamente come tutti gli aeroporti dalle stesse caratteristiche ambientali come Heathrow, Dusseldorf, Linate ecc.
    Basta fanatici
    Bergamo Libera

  3. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    Silenzio! Fate lavorare in pace la regione.
    Visto che dei pendolari bergamaschi e bergafemmine non gliene potrebbe fregar di meno, almeno il Furmiga potrà dire che non è vero che non ha fatto niente per Orio al Serio. Almeno ci fa il treno…
    Lasciamo che muovano il sedere

  4. Scritto da io sto con gli ippopotami

    In vista di Expo 2015, facciamo fuori il comitato (contro) l’aeroporto di Colognola. Abolirlo!
    Almeno facciamo realmente qualcosa per combattere chi inquina.
    Diamo a Bergamo e alla bergamasca una nuova immagine.
    Siamo stanchi dell’inquinamento delle cazzate del comitato