BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Centri commerciali aperti con deroghe immotivate

Cgil, Cisl e Uil protestano e ricordano che i centri commerciali, grazie a molte deroghe concesse dai Comuni, potranno restare aperti il 25 aprile, nonostante la legge regionale non lo prevedesse. "Siamo contrari, non ci sono motivazioni che giustificano le deroghe”.

Più informazioni su

Cgil, Cisl e Uil protestano e ricordano che i centri commerciali, grazie a molte deroghe concesse dai Comuni, potranno restare aperti il 25 aprile, nonostante la legge regionale del 2007 prevedesse, proprio per la Festa della Liberazione, il divieto di apertura al pubblico dei grossi centri. “Siamo contrari, non ci sono motivazioni che giustificano le deroghe”.

Ecco il comunicato stampa: "A colpi di deroga ci sarà qualcuno che dovrà passare il 25 aprile al lavoro in qualche centro commerciale della provincia. Ai sindacati di categoria stanno arrivando richieste di parere sulle deroghe per l’apertura che i Comuni vorrebbero concedere alle grandi catene di distribuzione, ipermercati e centri commerciali.
Oltre 10 Comuni bergamaschi hanno dato la possibilità d’aprire i punti vendita il 25 aprile. In alcuni casi la deroga alla legge è stata data senza nemmeno consultare, come previsto dalla norma, il sindacato.
La legge di riferimento è quella regionale del 28 novembre 2007, la n. 30, in vigore dal giugno dello scorso anno. In tema di orari degli esercizi commerciali la legge non consente l’apertura al pubblico in determinate giornate festive, fra cui appunto il 25 aprile. La legge parla, tuttavia, di deroghe ai divieti, che possono essere concesse da parte dei Comuni, se motivate.
“Dalle 8 aperture domenicali annue che si potevano realizzare fino a metà 2008, con la nuova legge regionale si è arrivati alla possibilità di tenere aperti i negozi 17 domeniche all’anno” fanno notare i tre segretari generali provinciali Paolo Agliardi della FILCAMS-CGIL, Alberto Citerio della FISASCAT-CISL e Maurizio Regazzoni della UILTUCS-UIL di Bergamo. “In pratica, le nuove norme hanno permesso di raddoppiare le aperture. La legge indica con precisione che le aperture sono possibili ogni prima domenica del mese più l’ultima domenica solo nei mesi di maggio, agosto e novembre. A queste giornate festive, se ne possono aggiungere altre tre ogni 12 mesi su decisione e per deroga dei singoli comuni. La Regione aveva escluso, però, l’apertura in determinati giorni festivi, come appunto il 25 aprile, salvo menzionare (in maniera contraddittoria) la possibilità di deroghe se motivate. Il sindacato è contrario, perché per la festività di sabato prossimo non c’è una motivazione sostanziale che giustifichi una deroga. Si tenga conto, inoltre, che le normative prevedono che i Comuni scelgano, entro il 30 novembre di ogni anno, le tre giornate festive di apertura dei negozi a cui hanno diritto per l’anno successivo.Il 25 aprile non era stato scelto da nessuno nella programmazione fatta per il 2009. Diciamo “no” a deroghe aggiuntive! In particolare diciamo “no” a quei Comuni che non hanno chiesto nemmeno il parere del sindacato. Tra l’altro, questo stillicidio di permessi non previsti durante festività nazionali dimostra il mancato rispetto della legge regionale da parte dei Comuni. Il legislatore aveva cercato di salvaguardare la possibilità dei lavoratori di godere delle festività civili e religiose nell’arco dell’anno. Ora il diritto viene calpestato. Come FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL ci stiamo muovendo per tutelarlo. Intanto, ricordiamo che durante le festività nazionali i lavoratori non sono comunque obbligati ad andare a lavorare” ".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pierooooooo x milly

    x milly ognuno ha i suoi problemi. anch’io lavoro nel commercio. quello che non condivido è che i sindacati parlino per partito preso, solo per lamentarsi e per farsi notare altrimenti nessuno saprebbe chi sono, e se vuoi ti presento 1- lavoratori che non hanno problemi a lavorare nei gg festivi, tanto recuperano negli altri gg 2- ci son 2 centri comm che chiedono senza imporre in alcun modo la disponibilità a lav nei festivi 3 anche mia moglie vede i figli solo la sera 4…… c’è + posto

  2. Scritto da milly

    FINALMENTE!!! A Curno lo hanno comunicato CINQUE GIORNI PRIMA!!!! VERGOGNA!!! 500 dipendenti saranno “corstretti” a rientrare dalle ferie o a scombussolare i turni già programmati da tempo.
    Dai sindacati fatevi sentire che facciamo un pò di casino.
    FINALMENTE!!!!

  3. Scritto da Leo

    Propongo di mettere Bruni il 25 Apile a servire dietro il banco degli alimentari in uno qualsiasi dei centri commerciali aperti.
    Non sarà un bel vedere, ma almeno che si renda conto del danno che ha causato ai lavoratori, molti dei quali avevano già programmato la loro giornata.

  4. Scritto da che schifo

    vedi il problema che Bruni si dichiara di sinistra e come tanti comunistelli però parlano bene e razzolano male, perchè dovrebbe stare dalla parte dei CITTADINI invece puntualmente è dalla parte dei POTERI FORTI ..vedi chiesa e imprenditori, non entriamo poi nell’ambito finanza, forze di polizia ecc..

  5. Scritto da pieroooooooooo

    per 1-2-3 ma non pensate che ai lavopratori gli vada bene lavorare il 25 e prendere qualcosa in + ??? che non gli interessi niente del 25 ???? parlate a nome di chi ??? duarante le festività natalizie voi andate nei giorni festivi a fare la spesa ??? non è che siete politicamente inquadrati, lo siete mentalmente

  6. Scritto da milly

    caro piero sai quanto prendo in più per lavorare la domenica?
    15 EURO TUTTO COMPRESO !!!! E mia figlia quando la vedo,di notte?
    Ma tu tempo durante la settimana dalle 9 alle 22 non ne hai per fare la spesa.
    Da novembre a gennaio lavoro tutti i giorni e tempo per andare afarmi un giro come i pecoroni non ne ho !!!!!