Seriate commemora il Giorno del Ricordo: online “Urla dalle Foibe” - BergamoNews
martedì
9
Febbraio
giovedì
11
Febbraio

Seriate commemora il Giorno del Ricordo: online “Urla dalle Foibe”

martedì
9
Febbraio
giovedì
11
Febbraio
  • DOVE
  • CONDIVIDI

Seriate, che per prima intitolò una via ai Martiri delle Foibe e che da anni commemora il Giorno del Ricordo, vuole “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”, come riporta la legge 30 marzo 2004, che istituisce questa giornata nazionale celebrata il 10 febbraio. La normativa Covid non permette lo svolgersi in presenza della ricorrenza, ma l’Amministrazione comunale e l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia ricordano questa tragedia con la forza e la potenza della parola, del teatro: da martedì 9 febbraio, sino a giovedì 11 febbraio, è visibile lo spettacolo teatrale “Urla dalle Foibe” di Pandemonium Teatro, trasmesso online sulla homepage del sito comunale e sulla pagina Facebook della biblioteca. Un «modo nuovo» per ricordare le Foibe, in cui i partigiani comunisti fedeli a Tito gettarono, tra il 1943 e il 1945, migliaia di italiani, e il dramma degli esuli istriano-dalmati, costretti ad abbandonare le loro case dopo la cessione di Istria, Fiume e Zara alla Jugoslavia, seguita alla sconfitta dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale.

«A Seriate abbiamo sempre commemorato il Giorno del ricordo, rammentando gli infoibati e gli esuli con una messa e un momento di riflessione in sala Consiliare con il contributo degli studenti dell’Istituto Majorana e quello del commendatore Vincenzo Barca – dichiara il sindaco Cristian Vezzoli -. Quest’anno non possiamo ritrovarci, ma questo non può essere un pretesto per dimenticare i nostri cittadini esuli o figli di esuli. Seriate ricorda questa triste pagina della storia del nostro Paese con la visione dello spettacolo offerto dall’associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, di cui ringrazio la presidente del comitato di Bergamo Maria Elena Depetroni. Seriate c’è e sempre ricorderà i morti e gli esuli giuliano dalmati».

Per la commemorazione del Giorno del Ricordo è messa in onda, sulla homepage del sito comunale e sulla pagina Facebook della biblioteca lo spettacolo teatrale “Urla dalle Foibe” di Pandemonium Teatro, con e di Lisa Ferrari, che con la sua voce riporta alla luce momenti indelebili e di profonda tristezza. “Quante pagine di storia ancora ignoriamo perché mai scritte e raccontate? E quante di queste, seppur conosciute, vengono taciute per politiche d’opportunità? Può un eccidio di migliaia di persone attraversare 70 anni di colpevole silenzio? Con questo spettacolo – spiega la compagnia teatrale – vogliamo dare voce a chi racconta quello che gli è accaduto, sia perché sopravvissuto alla terribile esperienza di essere infoibato, sia perché, figlia di uno scomparso, non si è mai rassegnata a non sapere che fine avesse fatto il padre”.

Lo spettacolo recupera due testimonianze tratte dal libro di Guido Rumici «Infoibati (1943-1945) i nomi, i luoghi, i testimoni, i documenti». Queste voci fanno emergere il desiderio di indagare sui motivi storici che hanno portato a quell’eccidio e a questa ricostruzione, supportata da immagini proiettate, è dedicata la parte centrale dello spettacolo.

Per la visione: https://www.youtube.com/watch?v=3GppZkL0oyk&feature=youtu.be

segnala il tuo evento gratuitamente +

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it