Quantcast
Orlando, il festival queer di Bergamo: la nona edizione - BergamoNews
Cultura e spettacolo
giovedì
28
Aprile
domenica
8
Maggio

Orlando, il festival queer di Bergamo: la nona edizione

Evento Terminato

giovedì
28
Aprile
domenica
8
Maggio
  • DOVE
  • QUANTO
  • CONDIVIDI

Bergamo. Orlando è un festival queer bergamasco dedicato a identità e diversità, organizzato da Associazione Immaginare Orlando e Laboratorio 80, che si terrà a Bergamo dal 28 aprile all’8 maggio. L’edizione 2022 del Festival nasce da una riflessione aperta su cosa significhi cambiare, sul privilegio e sulla responsabilità che ciascuno di noi ha nel contribuire a una rivoluzione culturale.

Cinema, danza, arte, teatro e incontri: il corpo, le identità e gli orientamenti sessuali nella cultura contemporanea. Il festival culturale indaga e racconta le diversità attraverso numerose proposte di qualità, che richiama in diversi luoghi della città un pubblico sempre più variegato.

Mauro Danesi, direttore artistico del festival: “In questa edizione di Orlando percepiamo chiaramente di vivere un tempo di cambiamento personale, collettivo e sociale, un tempo in cui molte convinzioni del passato sono crollate. Sentiamo tutta la fatica della trasformazione ma al contempo respiriamo la possibilità di rompere dinamiche di potere inique per costruire nuovi equilibri per maggiore libertà condivisa, superando le discriminazioni in una prospettiva intersezionale. L’atto politico di ritrovarsi al Festival, immersi in esperienze culturali di qualità, diventa anche una pratica per cercare insieme una via che destrutturi le norme: non per distruggerle, ma per mostrare che ci può essere anche altro. Una visione prismatica e policentrica in cui ogni persona possa davvero trovare il proprio spazio. Vogliamo partire dal desiderio e dalle emozioni come bussola per trovare una nuova mappa di relazioni. Vogliamo cercare nuove alleanze, strutture e contenuti, tracciare un percorso che continuerà nel 2023, anno del 10° anniversario del Festival e di Bergamo-Brescia Capitale Italiana della Cultura. Siamo nel mezzo di una metamorfosi e non vediamo l’ora di cercare insieme a voi una nuova via”.

L’Assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti: “La programmazione del Festival per il 2022 è un invito a ripensare i modelli di offerta culturale e a individuare nuovi percorsi di partecipazione. Una riflessione che coinvolge tutto il mondo culturale, necessaria in questo momento storico, per affrontare l’assenza di alcune fasce di popolazione dalla vita culturale della città e la crisi dei consumi culturali seguita alla pandemia. Con una proposta artistica in continua crescita per qualità e pubblico vengono affrontati i temi che sono il cuore del Festival: il valore delle differenze e dell’inclusione, i diritti che non sono mai per sempre conquistati, la lotta alle discriminazioni, la cultura che crea legami, benessere individuale e coesione sociale. Temi al centro anche della Capitale della Cultura 2023″.

L’Assessore alle pari opportunità Marzia Marchesi: “Il benessere di tutti noi passa dalla relazione fra soggetto e il mondo, relazione filtrata attraverso la Cultura, non solo fatta di libri letti o spettacoli visti, ma quella fatta di idee, valori condivisi, esperienze. Cultura non fossilizzata, ma luogo in cui trovare l’alterità e provare a mutare nella relazione con l’altro.​ In un tempo dominato dall’incertezza e dalla paura, Orlando sceglie la relazione come filo conduttore, la relazione fra i corpi desiderata, immaginata, riscoperta, accettata. Accettata anche nel suo continuo cambiamento, non sempre voluto, scelto, programmato. Ma con la capacità di definire come essere nel mutare della relazione, non giudicando e rigettando chi non è come noi, ma rispettosi e responsabili verso gli altri a loro volta soggetti di cambiamento”.

“Giunto alla nona edizione, il Festival Orlando si conferma un appuntamento importante nel panorama dell’offerta culturale del nostro territorio. Un festival che ha saputo crescere e innovarsi, tessere relazioni e collaborazioni con diverse realtà territoriali in una visione di crescita e sviluppo della società rispettosa dei diritti e inclusiva. E diventa ancora più significativo in questo momento storico in cui stiamo assistendo ad una delle più atroci violazioni dei diritti umani a causa della guerra in Ucraina, e di tutte le guerre oggi in corso, alle sofferenze e agli abusi subiti da rifugiati e migranti, alle persecuzioni cui sono sottoposte ancora oggi le persone LGBT in molti paesi del mondo, alle violenze e discriminazioni alle quali assistiamo nella nostra società nei confronti delle donne e delle persone LGBT. Penso che in questo contesto storico e alla luce del drammatico periodo che stiamo vivendo, sia ancora più centrale e prioritario il ruolo della cultura come responsabilità collettiva e di condivisione, capace di leggere la realtà nella sua complessità e dare nuovo impulso alla crescita della società. Il Festival ORLANDO costituisce una realtà consolidata che anche quest’anno la Provincia sostiene, convinta dell’importanza di questo Festival per una visione della società come luogo inclusivo delle differenze che garantisca a tutti pari diritti ed opportunità”. Romina Russo, Consigliera Provincia di Bergamo con delega alla cultura, pari opportunità e servizi sociali.

Si parte giovedì 28 aprile con un doppio appuntamento che indica programmaticamente la rotta che segue il festival in questa nuova edizione: alle ore 18, presso lo spazio Giacomo inaugura la mostra Cities by Night | Bergamo di Valentina Medda, alle ore 20.30 sarà proiettato in prima visione il film Genderation, con la preziosa presenza della regista Monika TreutDue lavori, molto diversi per poetica, ma accomunati da un’unica esigenza di riflessione sulla natura del pregiudizio, sull’emarginazione e in buona sostanza sull’importanza della comunità e delle relazioni umane.

Parallelamente agli spettacoli ci saranno alcuni preziosi momenti di incontro collegati ai temi e ai protagonisti degli spettacoli. Per concludere e come augurio per il futuro, la giornata di domenica 8 maggio viene dedicata a una riflessione condivisa sul rapporto, complesso ma sempre più necessario da rinnovare, tra Cultura e Comunità. Una giornata organizzata in modo collettivo e, grazie alla presenza dell’artista Elisabetta Consonni, vuole essere un augurio a trovare nuovi sistemi per “allenare la curiosità” e lavorare insieme nei mesi a venire.

Il festival ha anche pensato ad eventi per i più piccoli come film d’animazione e laboratori.

Sono due gli extrafestival dell’edizione 2022: il 23 aprile come anteprima ci si sposta a Brescia dove si intensifica la relazione con Cinema Nuovo Eden e Fondazione Brescia Musei attraverso un incontro dedicato al Cinema di Rainer Werner Fassbinder, mentre il 30 giugno al Teatro Sociale verrà presentato lo spettacolo Ara! Ara! di Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, un’iniziativa di FDE Festival Danza Estate e Orlando.

Orlando Shorts è la rassegna di cortometraggi queer selazionati da un gruppo di giovani uder 25 provenienti da diverse realtà e associazioni del territorio. Il progetto giunto alla sua terza edizone vede quest’anno una doppia modalità: i cortometraggi saranno presentati in sala durante  i giorni del festival, uno ogni sera, e online sulla pagina Vimeo del Festival Orlando gratuitamente dal 13 al 18 maggio, in occasione della Giornata internazionale contro l’omolesbobitransfobia. Sono stati selezionati cinque corti grazie a uno scambio reciproco e all’appoggio di punti e sensibilità plurali, cercando di rispecchiare un mondo queer vario e radicato nella molteplicità del quotidiano. I film selezionati sono: “Young Black Queer Eyes” (Italia, 2021), “Nattrikken” (Norvegia, 2020), Katastrofer (Danimarca, 2021), Are you still watching? (Australia, 2021), God’s daughter dances (Corea del Sud, 2020).

Festival Orlando ha il sostegno del Comune di Bergamo ed il con il patrocinio di Provincia di Bergamo, Tavolo Permanente contro l’Omolesbobitransfobia e Università degli Studi di Bergamo. Inoltre quest’edizione gode del contributo di Fondazione Cariplo, Perform Europe, Fondazione Asm, Fondazione della comunità bergamasca, Provincia di Bergamo, Fondazione A.J. Zaninoni, Arci Bergamo, Cgil Bergamo, Coop Lombardia, Confcooperative Bergamo.

Info: www.orlandofestival.it

Programma ORLANDO2022

segnala il tuo evento gratuitamente +

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI