Donizetti Opera web tv ripropone "Marino Faliero" - BergamoNews
sabato
28
Novembre

Donizetti Opera web tv ripropone “Marino Faliero”

sabato
28
Novembre
  • DOVE
  • QUANTO
  • CONDIVIDI

Sabato 28 novembre a partire dalle 20 sulla web tv del Donizetti Opera verrà riproposta la visione dello spettacolo “Marino Faliero“, azione tragica in tre atti di Giovanni Emanuele Bidera e Agostino Ruffini; musica di Gaetano Donizetti; prima esecuzione: Parigi, Théâtre Italien, 12 marzo 1835; edizione rivista sui materiali autografi a cura di Maria Chiara Bertieri – Fondazione Donizetti.

“Marino Faliero” è un’opera della piena maturità artistica di Donizetti: fu espressamente scritta nel 1835 per Parigi, quando Donizetti vi mise piede per la prima volta. Il compositore bergamasco fu chiamato a rappresentare ‒ insieme con Bellini ‒ la generazione dei giovani compositori italiani di successo nella maggior capitale teatrale europea Al Théâtre Italien, di cui Rossini era di fatto il consulente musicale, essi presentarono rispettivamente Marino Faliero e I Puritani, due opere nelle quali le componenti politiche sono fortemente presenti. A Parigi avevano trovato ospitalità parecchi profughi italiani, di fede mazziniana, e i cartelloni del Théâtre Italien rispecchiavano anche questa immagine d’Italianità: nel 1834 vi avevano debuttato il libertario Ernani di Gabussie, Il bravo del carbonaro milanese Marliani; l’anno dopo, due esuli mazziniani come Agostino Ruffini e Carlo Pepoli furono coinvolti nella stesura dei libretti l’uno di Marino Faliero, l’altro di I Puritani. Partitura ricca ed elaborata, ribelli che affrontano eroicamente il martirio, grandi pagine collettive e corali (il Popolo): non stupisce che Marino Faliero sia stata opera prediletta da Giuseppe Mazzini, che vi vide il primo passo verso un teatro musicale impegnato, in grado di proporsi come grande palestra educativa per il riscatto degli Italiani.

 

segnala il tuo evento gratuitamente +

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it