BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...
Eventi a Bergamo e provincia

A Mozzo incontro con l’alpinista Nives Meroi

12/02/16

, : Teatro Agorà - Via San Giovanni Battista, 6, Mozzo, BG, Italia - Inizio ore 20.45

Attenzione l'evento è già trascorso

Venerdì 12 febbraio la rassegna ““Tierra! Nuove rotte per un mondo più umano”, organizzata dai Sistemi Bibliotecari di Dalmine e di Ponte San Pietro con la direzione artistica di Eugenio Farina ospita l’alpinista Nives Meroi nella serata dal titolo “La forza di saper rinunciare”. L’appuntamento, ad ingresso libero, è al Cineteatro Agorà di Mozzo, in via San Giovanni Battista 6, alle 20.45.
Nives Meroi, prima donna in assoluto nella storia dell’alpinismo ad avere scalato dodici dei quindici Ottomila, i Giganti della montagna, racconta l’esperienza vissuta nel maggio 2009 in Nepal, quando con il marito Romano Benet, compagno di vita e di cordata, si trova sulla parete sud del Kangchenjunga (8586 m s.l.m.) a quasi 7.500 m di quota. Per Nives è la scalata del dodicesimo ottomila, ad un passo dal titolo di prima donna mai riuscita a conquistare la vetta di tutti i Giganti himalayani. Ma qualcosa non va: Romano non sta bene, decide di fermarsi e sprona Nives a raggiungere la cime da sola. L’alta quota – spiega Nives – è un ambiente innaturale per la vita, richiede rapidità di analisi delle situazioni e velocità nelle decisioni per raggiungere l’obiettivo. L’importante è avere chiaro quale è l’obiettivo. No, scendiamo insieme. Adesso”. Nives rinuncia alla vetta e scende con il marito Romano per affrontare così, ancora una volta insieme, una difficile nuova scalata: la malattia di Romano. Il coraggio e la forza di rinunciare a due passi dalla sognata cima per affrontare, in due, la sfida della vita.
Nives Meroi da oltre 20 anni arrampica con il marito, Romano Benet. Dalle vie più difficili delle Alpi fino a esplorare orizzonti sempre più lontani, dove l’aria è rarefatta. Un alpinismo, il loro, senza l’ausilio di ossigeno supplementare, portatori d’alta quota e campi fissi. Uno stile pulito, un confronto onesto con sé stessi e la montagna. Ande, Himalaya, Karakorum. Un percorso fatto di grandi successi, come la salita, nel 2003 e in soli venti giorni, di tre dei 14 Ottomila della Terra (Gasherbrum II, Gasherbrum I, Broad Peak), seconda cordata al mondo ad aver realizzato un’impresa simile e, Nives, prima donna in assoluto nella storia dell’alpinismo. Lei e Romano sarebbero comunque la prima coppia al mondo con il maggior numero di Ottomila raggiunti.
“Tierra! Nuove rotte per un mondo più umano” porterà fino al 28 maggio, nelle biblioteche, nei teatri e nelle piazze dei comuni della provincia bergamasca che fanno capo ai Sistemi Bibliotecari di Dalmine e Ponte San Pietro, incontri con giornalisti, scrittori, studiosi; spettacoli teatrali, anche dedicati ai più piccoli; serate con letture e musiche dal vivo per offrire tra profondità e leggerezza, impegno e divertimento, degli spunti di riflessione, slanci di speranza e fiducia verso un mondo capace di più umanità, pace, dialogo, solidarietà e di maggior rispetto nei confronti dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi.
La rassegna ““Tierra! Nuove rotte per un mondo più umano” è organizzata dalla biblioteca CentroSistema di Dalmine e dalla Biblioteca CentroSistema di Ponte San Pietro con l’adesione e il contributo dei comuni di Almè, Almenno San Bartolomeo, Almenno San Salvatore, Arcene, Azzano San Paolo, Boltiere, Bonate Sotto, Brembate di Sopra, Capriate san Gervasio, Caprino Bergamasco, Cologno al Serio, Corna Imagna, Curno, Dalmine, Madone, Mapello, Mozzo, Osio Sotto, Paladina, Ponte San Pietro, Presezzo, Stezzano, Suisio, Treviolo, Valbrembo, Verdellino Zingonia, Verdello, Villa d’Almè; con il sostegno di: avvocato Perla Sciretti di Milano, Antica Osteria “Giubì” di Almenno San Bartolomeo (Bg), Bed & Breakfast “Al Vecchio Molino” di Valbrembo (Bg) e la cooperativa “Il Sole e la Terra”di Curno (Bg); in collaborazione con Cooperativa Sociale Zero Venti, Centro Studi Valle Imagna, In Tempore Organi, I libri di Mauro di Dalmine (Bg) e in collaborazione e con il contributo di Associazione Almè per i ragazzi Bielorussi di Almè, Fondazione Aiutiamoli a Vivere – Comitato di Villa d’Almè, Associazione Aiutiamoli a Vivere – Comitato di Bonate Sopra.
Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 035.6224840, allo 035.610330 , inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica info@tierranuoverotte.it oppure consultare il sito internet tierranuoverotte.it.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!