BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Riso rosso colesterolo: un rimedio naturale per ridurre le LDL

Approfondiamo il consumo di riso rosso che, almeno negli ultimi anni, si è affermato come integratore naturale per ridurre il colesterolo

Il colesterolo alto è un disturbo che colpisce molti italiani ed è il principale responsabile di malattie cardiovascolari come infarti e ictus. Tenerlo sotto controllo è quindi fondamentale per evitare che le alterazioni possano diventare croniche e portare così pesanti disturbi all’organismo.

Il riso rosso, almeno negli ultimi anni, si è ben affermato come integratore naturale per ridurre il colesterolo, ma siamo certi che sia davvero così?

Prima di approfondire l’argomento riso rosso colesterolo, però, facciamo un passo indietro per capirne di più su questo lipide nemico dell’organismo.

Il colesterolo è davvero nemico del benessere umano?

Seppur il colesterolo sia visto come un mostro nero per il benessere, in realtà non è proprio così. Quello che non tutti sanno, infatti, è che questo lipide è in realtà è molto utile per la produzione di vitamina D, della bile e di alcuni ormoni steroidei.

La pericolosità del colesterolo comincia quando i valori delle lipoproteine a bassa densità superano un certo valore, pari a 200 mg/dl. Da questa soglia in avanti si parla quindi di ipercolesterolemia e diventa necessario correre ai ripari per ridurre i valori di grasso nel sangue.

Ed ecco che entra in gioco il riso rosso: un prodotto derivato dalla fermentazione del lievito Monascus purpureus sul riso bianco.

Il riso rosso per il colesterolo: scopriamo di più su questo integratore naturale

Il riso rosso per il colesterolo è un prodotto disponibile sul mercato sottoforma di integratore. Studi recenti hanno dimostrato che il prodotto è davvero efficace per ridurre il colesterolo LDL e i trigliceridi nel sangue grazie alla monacolina K, sostanza con un funzionamento molto simile a quello delle statine.

Tuttavia, nonostante si tratti di un prodotto facilmente reperibile anche nei supermercati, la struttura chimica dell’integratore riso rosso lo rende molto simile ad un farmaco. Esistono di fatto degli effetti collaterali dimostrati, tra cui acidità di stomaco, mal di testa, sensazione di confusione e disturbi addominali. Gli stessi ed identici effetti indesiderati che compaiono assumendo statine.

Ma quindi il riso rosso fa bene oppure no al colesterolo?

La risposta è sì: il riso rosso fa bene al colesterolo, ma non troppo all’organismo in generale.

Una recente indagine dell’EFSA, ovvero l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, ha dimostrato che l’utilizzo di riso rosso fermentato non è esattamente privo di rischi, specie se il contenuto di monacolina K supera i 10 mg giornalieri. Con questa indagine l’EFSA ha in parte smentito le prove scientifiche raccolte fino ad ora, concludendo che possono comparire effetti indesiderati anche per dosi di monacolina pari a 3 mg giornalieri.

Cosa significa questo?

In caso di ipercolesterolemia è sempre buona prassi rivolgersi al medico di base ed evitare il fai da te. Andare al supermercato ed acquistare integratori di riso rosso fermentato, senza aver alcuna opinione professionale, non è mai buona cosa.

Per questo, se hai ritirato le ultime analisi del sangue ed hanno evidenziato alterazioni nei livelli di colesterolo, quello che ti possiamo consigliare è di richiedere un parere al tuo medico, il quale ti fornirà la giusta terapia (farmacologica e/o non) da seguire sin da subito.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.