Grande Guerra, a Mornico Conferenza-spettacolo di Alessandro Barbero - BergamoNews
L'incontro

Grande Guerra, a Mornico Conferenza-spettacolo di Alessandro Barbero

Giovedì 24 settembre a Mornico al Serio è in programma una conferenza spettacolo dello storico Alessandro Barbero sulla Prima guerra mondiale, nell'anno in cui ricorre il centenario.

Lo storico Alessandro Barbero tiene una conferenza-spettacolo a Mornico al Serio incentrata sulla Prima guerra mondiale, nell’anno in cui ricorre il centenario. L’appuntamento è giovedì 24 settembre alle 20.45 alla cascina Castello, in via Zerra, mentre in caso di pioggia la serata avrà luogo all’auditorium sant’Andrea, in via Castello.

L’incontro, intitolato "Come scoppiano le guerre?", si focalizza sulle cause che portano alla nascita degli scontri bellici, concretamente, al di là delle cause generali, quelle che si studiano a scuola. L’attenzione si concentra sulle quattro settimane trascorse fra l’attentato di Sarajevo e la dichiarazione di guerra dell’Austria-Ungheria alla Serbia il 28 luglio 1914, ma soprattutto sui cinque o sei giorni successivi, in cui una dopo l’altra Germania, Russia, Francia e Inghilterra vennero trascinate nel conflitto, studiati ancora oggi dai politologi come il classico e agghiacciante esempio di come una guerra possa scoppiare anche se nessuna delle potenze coinvolte lo desideri veramente.

L’ingresso è libero, sino a esaurimento posti. L’iniziativa rientra tra le proposte di "Fiato ai libri", festival in Italia dedicato alla lettura, giunto alla decima edizione. Per consultare il programma completo della rassegna è possibile visualizzare il link http://fiatoailibri.altervista.org/calendario.html

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it