• Abbonati
Scene da far west

Rissa tra una famiglia di sinti, panico in strada a Chiuduno: 4 denunciati

Due auto si sono inseguite e speronate, finendo fuori strada nel distributore di benzina di via Kennedy. Nella stessa via, nel 2013, la tragedia della dottoressa Eleonora Cantamessa, uccisa dopo una rissa tra indiani

Chiuduno. Un inseguimento, due auto che si speronano ed escono di strada. E poi urla, bastoni, coltelli e forse anche una pistola. Scene da far west nella mattina di giovedì 22 settembre a Chiuduno per un regolamento di conti tra una famiglia di sinti, degenerato in strada in via Kennedy. La stessa via dove, nel 2013, si verificò la tragedia della dottoressa Eleonora Cantamessa, investita da un’auto mentre era intenta a soccorrere un ferito dopo una rissa tra indiani.

Anche in questo caso si parla di una rissa che ha visto coinvolti due veicoli e 4 persone appartenenti alla stessa famiglia: gli Horvat, già noti alle forze dell’ordine. Le due auto sono arrivate nei pressi della pompa di benzina a forte velocità, poi si sono speronate: una delle due auto è finita fuori strada centrando uno dei paletti esterni del distributore, l’altra ha schivato la stazione di servizio ed ha concluso la sua marcia a poche decine di metri.

I clienti e i titolari sono fuggiti spaventati e si sono rifugiati all’interno degli uffici dell’attività, mentre i litiganti hanno iniziato ad urlare e minacciarsi per la strada. Chi ha assistito alla scena ha visto spuntare le armi.

 

Generico settembre 2022

 

Subito è stato lanciato l’allarme al 112 e sul posto sono arrivate sei pattuglie dei carabinieri di Grumello del Monte che stanno procedendo insieme i colleghi di Calcinate, Sarnico e Trescore e il nucleo operativo radiomobile di Bergamo con la polizia locale di Chiuduno in supporto.

All’esterno del distributore è stato ritrovato un coltello, ma sembra che i quattro fossero armati anche di bastoni. Gli inquirenti hanno sequestrato le armi e raccolto le testimonianze di chi si trovava, suo malgrado, sulla scena della rissa e quelle dei quattro coinvolti, per determinarne le responsabilità. Quattro sinti residenti a Trescore e Gorlago sono stati denunciati per danneggiamento, porto d’armi e minaccia aggravata. Uno dei denunciati era stato coinvolto nella sparatoria di Trescore nell’agosto del 2017.

Sul posto anche il sindaco di Chiuduno Piermauro Nembrini.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI