• Abbonati
Decisione del giudice

Faida trapper: niente domiciliari per Simba La Rue, sarà operato per l’accoltellamento a Treviolo

Il gip di Milano Guido Salvini ha respinto la richiesta degli avvocati che difendono il 20enne

Niente domiciliari per Simba La Rue. Il gip di Milano Guido Salvini ha respinto la richiesta degli avvocati che difendono il trapper di 20 anni, arrestato con altri tre giovani nell’ambito dell’inchiesta del pubblico ministero di Milano Francesca Crupi su una presunta “faida” tra bande rivali.

Il giudice ha però confermato l’autorizzazione a trasferire il ventenne “nel più breve tempo possibile” all’ospedale San Gerardo di Monza, dove dovrà essere operato per le conseguenze dell’aggressione, nelle scorse settimane a Treviolo, in cui è stato ferito a coltellate: rischia danni permanenti alla gamba.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Simba La Rue
Le decisioni
Faida tra trapper: Simba La Rue resta in carcere, domiciliari per un 22enne di Calusco
Simba La Rue
Il caso
Faida tra trapper, prime ammissioni degli arrestati del gruppo di Simba La Rue
Generico luglio 2022
L'approfondimento
Dopo il caso Simba La Rue, viaggio nel mondo dei trapper bergamaschi: chi sono e cosa cantano ai ragazzi
Simba La Rue
Venerdì mattina
Faida fra trapper, 9 arresti: in manette Simba La Rue, accoltellato a Treviolo, e un 22enne di Calusco
Simba La Rue
Treviolo
Trapper accoltellato: la Procura apre un fascicolo contro ignoti per tentato omicidio
Simba La Rue
Treviolo
Trapper accoltellato: il ‘ring’ dei social tra avvertimenti e minacce, prima e dopo l’agguato
Simba La Rue
L'aggressione
Chi è il trapper Simba La Rue, accoltellato nella notte a Treviolo: la scia di sangue nel parcheggio
Simba La Rue
La denuncia
Il trapper Simba La Rue in cella in attesa dell’operazione, il legale: “Rischia di perdere una gamba”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI