• Abbonati
Tra partenza e ritorno

Cambiaghi, Cortinovis, Piccoli, Cissé: il prestito per crescere, con gli occhi sull’Atalanta

I quattro giovani disputeranno questa stagione lontano da Bergamo per mettere minuti nelle gambe e per dimostrare di essere al livello per avere un ruolo nella Dea

Bergamo. Nel calcio il prestito è spesso un’arma a doppio taglio sia per i giocatori che per i club. La società che presta il giocatore sa che il minutaggio potrebbe non essere quello desiderato al momento dell’accordo; il giocatore che va in prestito sa che rischia di uscire dai radar della ‘casa madre’; il club che acquisisce il giocatore, invece, sa che potrebbe trovarsi a valorizzare un prospetto di altri. Un rischio da cui non si può uscire.

L’Atalanta di prestiti ne sa qualcosa, considerando il larghissimo network di cui dispone considerando i giocatori che dalla primavera saltano al professionismo. Si parla di un network di decine di giocatori da gestire, tra i quali ogni anno emergono almeno un paio di potenziali nomi che potrebbero recitare un ruolo in prima squadra.

Quest’anno, ad esempio, i nomi sono quelli di Moustapha Cissè e di Nicolò Cambiaghi. Insieme a Caleb Okoli, Nadir Zortea e Matteo Ruggeri sono stati tra i giovani aggregati alla prima squadra per il ritiro, oltre ovviamente a Scalvini. Se però gli ultimi tre sono in lizza per un posto nella lista dei 25 per la Serie A, i primi due nelle gerarchie erano più defilati sin dall’inizio. E l’ipotesi di andare in prestito sembrava già concreta sin dall’inizio di luglio per entrambi.

Tale è diventata per Cambiaghi grazie all’Empoli, che gli ha offerto uno slot importante in una squadra di Serie A nella quale può dire la sua, sfruttando anche la ristrutturazione del reparto offensivo che ha intrapreso la società toscana quest’anno.

Una realtà nella quale il classe 2000, reduce da un’ottima annata al Pordenone, può calarsi perfettamente dentro un ruolo importante nel tridente d’attacco del tecnico Paolo Zanetti: ha già annunciato che giocherà con il 4-3-1-2 o con il 4-3-2-1, entrambi sistemi in cui il nazionale under 21 può esprimere le proprie potenzialità e al momento non sembra avere grande concorrenza in termini di pariruolo. Tanto da aver già iniziato segnando all’esordio in Coppa Italia.

Anche Moustapha Cissé è volato in Toscana, ma in Serie B, al Pisa, una delle società più ambiziose della categoria che lo scorso anno ha anche sfiorato la promozione in A. Per il classe 2003 ex bomber della primavera è la prima chiamata per giocare con continuità, in prestito, dopo l’esordio dello scorso anno nella prima squadra nerazzurra (con gol) contro il Bologna.

In questo momento, con il mercato in piena evoluzione, non è azzardato ipotizzare Cissé come un membro della formazione ideale di Maran. Mettere minuti importanti nelle gambe in Serie B può essere un trampolino di lancio verso la Serie A e, chissà, per un eventuale futuro in nerazzurro.

Non era in ritiro con la prima squadra invece Alessandro Cortinovis, che si è allenato a parte per il mese di luglio prima di accasarsi al Verona in prestito con riscatto e controriscatto. Nel 3-5-2 su cui dovrebbe insistere il neo-allenatore Gabriele Cioffi può inserirsi come interno destro o sinistro del centrocampo, dove il traffico però non manca. La possibilità di giocare i primi minuti in Serie A però è concreta, sperando poi di farsi spazio nelle gerarchie.

Dovrà sgomitare anche Roberto Piccoli, visto che l’attaccante originario di Sorisole è andato in prestito anche lui al Verona, ma già ad inizio mercato. Ora si trova in un attacco decisamente trafficato. Il suo terzo prestito nella massima serie, sempre alla ricerca dell’affermazione, seppur Bergamo per lui appaia più lontana — specialmente nel caso in cui Pinamonti dovesse approdare in nerazzurro. Anche qui, però, siamo nel campo delle ipotesi. Entrambi, intanto, hanno messo minuti nelle gambe in Coppa Italia.

L’Atalanta guarda da lontano i suoi ragazzi crescere e tentare di affermarsi, sperando di ritrovarli pronti per un ruolo in prima squadra. Il processo di “ringiovanire e rinforzare” passa anche dal settore giovanile e dai suoi prodotti.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
ademola lookman getty
Il prossimo colpo
Esplosività ed estro: tutto su Lookman, la nuova freccia per Gasperini
caleb okoli getty
Verso la conferma
Tra prestazioni importanti e occasioni da sfruttare: Okoli si prende l’Atalanta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI