• Abbonati
L'intervista

Da studente in Città Alta a content creator di successo a Milano: i consigli di Matilde Silvestri

La sua pagina Instagram, Travel Mati, tratta di temi legati a cibo e viaggi ed è seguita da migliaia di follower: "Mi sono buttata, da qualche parte bisogna pur iniziare e solo così si capisce cosa si è in grado di fare. Per migliorarsi c’è sempre tempo"

“La parte più difficile di ogni successo è l’inizio, perché il tempo di migliorare c’è sempre”. A parlare è Matilde Silvestri, una giovane ragazza che partendo dal nulla è riuscita a crearsi una carriera con i social. La sua pagina Instagram, Travel Mati, tratta di temi legati al cibo e ai viaggi, è seguita da migliaia di follower (74k) ed è il risultato di un lavoro impegnativo e costante. La curiosità, la spigliatezza e la sicurezza in sé stessa sono elementi che l’hanno aiutata molto.

Prima di trasferirti a Milano sei cresciuta e hai studiato a Bergamo. Che cosa ti manca di questa città?

A Milano mi sono trasferita a 18 anni per studiare all’università, mentre tutta la mia adolescenza l’ho trascorsa a Bergamo. Vivevo a Dalmine, ma andavo a scuola e trascorrevo gran parte del mio tempo libero a Bergamo. Frequentavo il Liceo Sarpi, in Città Alta. La finestra della mia classe dava sulle Mura, la succursale era in piazza Vecchia. Vivendola tutti i giorni e con il pensiero della scuola, non mi rendevo conto di quanto fossi fortunata. La cosa che mi manca di più credo proprio che sia questa. Ora ogni volta che torno in Città Alta mi vengono in mente i tanti momenti trascorsi qui.

Per quale motivo adesso hai deciso di trasferirti a Milano?

In primis per studiare all’università, perché il corso che ho scelto (Comunicazione, Media e Pubblicità ndr) si trovava solo a Milano. Poi, una volta laureata, ho scelto di rimanere perché penso che ad oggi sia la città che possa offrirmi più opportunità nel mondo della comunicazione.

Riusciresti a raccontare brevemente perché, secondo te, sei riuscita a farti  amare e seguire sui social da migliaia di persone?

Nei miei video racconto delle esperienze, con l’obiettivo di dare consigli e intrattenere al tempo stesso la mia community. Attraverso i miei contenuti, cerco sempre di dare ai miei follower qualcosa di utile, che sia un consiglio su dove mangiare, uno spunto per un’attività da fare o un itinerario di viaggio. E poi, ci tengo a far trasparire la mia personalità, i miei gusti, i miei punti di vista. È normale che non piacciano a tutti, ma la mia pagina non vuole essere una guida ‘asettica’. Piuttosto un diario di bordo.

Chi sono le persone che più ti seguono?

Credo che la maggior parte delle persone che mi seguono siano giovani, studenti, lavoratori fuorisede a Milano ma non solo. Sicuramente il mio target è qualcuno che, come me, è sempre alla ricerca di posti carini, esperienze interessanti e attività originali, senza perdere di vista il budget low cost. Ho avuto modo di organizzare aperitivi con la mia community e ho conosciuto persone davvero interessanti e piene di cose da raccontare. Sono felicissima di questo scambio con le persone che mi seguono.

Ho visto che in alcuni dei tuoi video consigli spesso luoghi da visitare tra ristoranti e posti di svago, ci sono altre tematiche che vorresti seguire in futuro o che magari hai già seguito?

Quando ho dato vita a @travel.mati, ho iniziato raccontando curiosità su Milano e consigliando i miei posti preferiti dove mangiare. Pian piano ho allargato il mio raggio, portando contenuti su mostre e musei, attività da fare in giornata e gite fuori porta. A giugno ho realizzato qualche contenuto sulla Milano Design Week e lì ho capito che il mondo degli eventi mi appassiona tantissimo e si sposa benissimo con il mio format. È stato tanto apprezzato dalla mia community, sicuramente sarà una bella sfida potermi specializzare.

 

Matilde Silvestri

 

I tuoi studi ti avranno aiutato molto a realizzare i tuoi progetti. Ma questo lavoro lo fai per passione o nascondi un sogno nel cassetto completamente diverso?

Il mio cassetto dei sogni e di idee è sempre pieno. Oltre che fare la content creator – per cui metto, oltre che una grandissima passione, tante energie, impegno e duro lavoro – ad oggi offro servizi di consulenza e di social media management a tante attività. Un domani, spero di creare qualcosa di mio sempre più grande.

Visit Bergamo ha una pagina su Instagram che ultimamente pubblica spesso i tuoi video, si tratta di una nuova collaborazione?

Ho avuto l’onore di lavorare con Visit Bergamo, Bergamo Shopping e Bergamo in Centro per una campagna di comunicazione social. Insieme a loro, ho raccontato una giornata nel centro tra TukTuk, negozi e locali. È stato bellissimo e spero di aver trasmesso con i miei video tutto l’amore che ho per questa città e la voglia di farla scoprire sempre a nuove persone.

Quali sono i posti che più ti hanno colpito a Bergamo e che consigli di visitare?

Come dicevo anche prima, Città Alta ha il mio cuore. Oltre alle Mura, a Piazza Vecchia e alla Fara, consiglierei di salire fino a San Vigilio e godersi un aperitivo con vista lontano dal caos.

Hai mai pensato di realizzare un brand?

Vorrei lanciare qualcosa di mio nel settore travel. Mi piacerebbe offrire dei servizi anche al di fuori dei social.

Che cosa consigli ai ragazzi che vogliono diventare come Matilde Silvestri? 

Il mio consiglio più grande è sempre quello di iniziare. Per raffinare e migliorare c’è sempre tempo, solo iniziando e buttandosi, però, si riesce davvero a capire di cosa si può essere in grado!

E dicci, come riesci a gestire il tuo tempo?

Ho imparato giorno dopo giorno. Ho passato un anno dividendomi tra mille cose: lezioni, esami, tesi, tirocinio, lavoretti occasionali e il mio progetto sui social. Tanti compromessi e tante rinunce che solo affrontando in prima persona ho imparato a gestire. Quando @travel.mati è diventato a tutti gli effetti un lavoro, ho capito che era giunto il momento di prendere delle nuove scelte. Ho aperto la partita IVA e lasciato il mio posto in agenzia. Ogni esperienza è unica e piena di sfaccettature, per questo il mio consiglio ai ragazzi è di darsi l’opportunità di viverla, inseguendo le proprie passioni e lavorando sodo.

 

Matilde Silvestri
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI