• Abbonati
Il caso

Alessia Pifferi rivela il nome del padre di Diana, la figlia abbandonata in casa per 6 giorni

Gli avvocati che difendono la donna: "Mercoledì mattina ci ha rivelato il nome del padre. Si tratta di una informazione che non diremo a nessuno, in quanto non ha alcuna rilevanza ai fini processuali"

Alessia Pifferi ha rivelato ai suoi avvocati il nome del padre di Diana, la figlia abbandonata in casa per sei giorni e morta di stenti.

“Alessia era più tranquilla e serena – afferma l’avvocato Solange Marchignoli, che difende la donna assieme a Luca D’Auria – e mercoledì mattina mi ha rivelato il nome del padre. Si tratta di una informazione che non dirò a nessuno, in quanto non ha alcuna rilevanza ai fini processuali”.

Gli inquirenti potrebbero, se necessario, decidere di convocare il padre, anche se al momento non ci sono interessi investigativi in tal senso.
L’avvocato Marchignoli, oltre ad aver confermato che farà richiesta di incidente probatorio per le analisi del biberon e dell’altro materiale sequestrato, tra cui una boccetta di En, ha fatto richiesta di autorizzazione all’ingresso in carcere del professor Pietro Pietrini. Ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica all’Università di Pisa, si tratta di uno dei due docenti incaricati dalla difesa di redigere una consulenza neuroscientifica e psichiatrica su Alessia Pifferi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Diana
Le indagini
Morta di stenti a 18 mesi: incidente probatorio sul biberon della piccola Diana
Diana
Il dramma
La piccola Diana è morta dopo 5 giorni di agonia: venerdì il funerale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI