• Abbonati
Carabinieri

Risse, rumori molesti e pregiudicati: sospesa l’attività a due locali di Mozzo e Seriate

Decisione presa a seguito della segnalazione alla competente autorità da parte dei carabinieri i quali, nelle ultime settimane, sono intervenuti in più occasioni nei pressi dei due locali

Nel pomeriggio di venerdì 29 luglio i carabinieri di Bergamo hanno notificato ai titolari di un bar di Mozzo e di Seriate, due provvedimenti di sospensione ex art. 100 T.U.L.P.S, rispettivamente di 30 e 10 giorni.

Decisione presa a seguito della segnalazione alla competente autorità da parte dei carabinieri i quali, nelle ultime settimane, sono intervenuti in più occasioni nei pressi dei due locali.

Relativamente al locale di Mozzo, i Carabinieri di Curno, oltre a diversi interventi effettuati nel corso del tempo per segnalazione di risse e rumori molesti, nel corso dell’ultimo controllo, effettuato circa due settimane fa in collaborazione con la Polizia Locale, personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Bergamo e della Siae, avevano accertato la presenza di diversi pregiudicati. Inoltre, nell’occasione dell’ultimo controllo erano state elevate contravvenzioni per il mancato rispetto di normative relative alla sicurezza sul lavoro. Pertanto l’attività del bar in questione, già destinatario lo scorso settembre di un provvedimento di sospensione di 10 giorni per analoghe ragioni, è stata sospesa per un mese.

Situazione simile quella che ha visto coinvolti i carabinieri di Seriate i quali, sempre nella giornata di venerdì 29 luglio, hanno notificato un provvedimento di sospensione di 10 giorni ad un bar del centro cittadino. In questo caso, oltre a diversi controlli da parte dei citati militari, che avevano permesso di accertare la costante presenza di numerosi pregiudicati all’interno, il locale era stato teatro di un arresto, operato dai militari del Nor della Compagnia di Bergamo, per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Pertanto, le segnalazioni giunte alla competente autorità hanno fatto scaturire il provvedimento in questione, che han portato anche in questo caso al sigillo e alla sospensione dell’attività.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI