• Abbonati
Il caso

Volo cancellato, 54 minorenni bloccati a Londra: “Ryanair ci ha rassicurato, venerdì la soluzione”

Lo sciopero di domenica 17 luglio lascia a terra il collegamento che avrebbe dovuto riportarli a Bergamo: "Giovedì il primo contatto diretto con la compagnia, che ha compreso la situazione particolare e ci ha assicurato che troverà un modo"

Una vacanza studio a Londra, che per cinquantaquattro studenti tra i 13 e i 17 anni si è all’improvviso trasformata in una complicatissima corsa ad ostacoli per cercare di rientrare a casa, a Bergamo.

Perchè il volo di domenica 17 luglio sul quale sarebbero dovuti ripartire alla volta dell’aeroporto di Orio al Serio, operato da Ryanair, è stato cancellato dalla compagnia irlandese nella serata di mercoledì 13 luglio, con un messaggio che comunicava semplicemente la decisione, a causa dello sciopero proclamato per quella giornata.

I ragazzi erano partiti il 4 luglio, entusiasti di partecipare alla spedizione organizzata dall’agenzia viaggi Messico e Nuvole di via Legionari di Polonia in collaborazione con la Masterclass Educational Programs: per molti di loro era la prima esperienza all’estero da soli, con quell’aura di fascino che circonda le vacanze studio nei college britannici.

Da mercoledì sera, però, la situazione si è complicata da un momento all’altro: una comunicazione automatica, senza alcuna informazione supplementare.

Da quel momento in poi per Laura Sangalli ed Elisabetta Ruzzini, le due titolari dell’agenzia viaggi, è iniziato un tour de force per trovare innanzitutto un punto di contatto con Ryanair: giovedì mattina si sono recate in aeroporto per provare ad avere qualche dettaglio in più sulla situazione e su come si potesse risolvere, con poca fortuna.

Da lì a poco, invece, è stata proprio la compagnia aerea irlandese a mettersi in contatto con loro, tramite la mediazione di Sacbo, la società che gestisce lo scalo di Orio al Serio: “Sono stati molto collaborativi e mi hanno detto che stanno lavorando a una soluzione – spiega Sangalli – Dopo la comunicazione automatica di mercoledì, hanno compreso che la situazione è particolare essendo coinvolti dei minorenni e si sono attivati subito. Noi eravamo consapevoli dello sciopero di domenica, però non si può mai essere certi di una cancellazione: non potevamo metterci a modificare il volo per tutti i ragazzi, anche perchè quella modifica ha un costo”.

Modifica che Laura Sangalli aveva fatto, quasi per uno scherzo del destino, la scorsa settimana per sua figlia, anche lei tra i ragazzi bloccati in Inghilterra: “Sarebbe dovuta rientrare l’11, ma mi ha chiesto di poter restare un’altra settimana – racconta – Ho deciso di accontentarla, pagando una differenza di circa 300 euro. E ora è in questa situazione”.

Giovedì mattina Ryanair aveva spiegato: “A causa degli scioperi del Controllo del Traffico Aereo Italiano (ENAV) tra le ore 16:00 e le 18:00 di domenica 17 luglio, siamo stati purtroppo costretti a cancellare alcuni voli durante questo intervallo temporale. I clienti interessati sono stati informati via e-mail/SMS ed informati dei loro diritti; tuttavia, consigliamo a tutti i clienti che devono viaggiare da/per l’Italia domenica 17 luglio di controllare lo stato del proprio volo sull’app Ryanair prima di recarsi in aeroporto. Ci scusiamo sinceramente con tutti i passeggeri interessati da questo sciopero ENAV e dalle relative cancellazioni, che sono completamente fuori dal nostro controllo ed avranno un impatto negativo sui voli di tutte le compagnie aeree, nonchè sui passeggeri che viaggiano da/per l’Italia durante lo sciopero ENAV”.

Per le due socie dell’agenzia la priorità, ovviamente, è di riportare a casa i cinquantaquattro studenti: “Non abbiamo mai avuto la pretesa di farli volare tutti insieme – continua Sangalli – Il problema principale è che abbiamo un nutrito gruppo di 21 ragazzi di 12-13 anni che possono viaggiare solo con uno dei quattro accompagnatori, con un modulo di accompagno, e devono necessariamente volare insieme. E quel modulo, rilasciato dalla questura in base alle date di viaggio, è in scadenza proprio domenica e non possiamo andare oltre. Dopo aver parlato con Ryanair, però, sono fiduciosa che si possa risolvere tutto per il meglio”.

Nel frattempo, però, dall’agenzia hanno preparato anche un piano B: “Abbiamo pensato addirittura all’autobus, ma dobbiamo attivarci subito se dovesse essere così. I tempi sono stretti, alcuni hanno già altre vacanze prenotate. Con Ryanair ci risentiamo venerdì, quando mi hanno assicurato che mi proporranno una soluzione concreta”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Ryanair nostre
Ryanair
Trovato il volo per far rientrare a Bergamo i 54 ragazzini bloccati a Londra
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI