• Abbonati
Il commento

Il Parco dei Colli si amplia, anche Legambiente esulta: “Finalmente”

L'associazione ambientalista parla di evento storico e rilancia: "Necessaria una rivisitazione del sistema dei Parchi Regionali in Provincia di Bergamo anche attraverso la creazione di un Parco della Pianura bergamasca e la salvaguardia dei corridoi ecologici di collegamento tra i diversi Parchi"

La notizia dell’ampliamento del Parco dei Colli, con l’approvazione definitiva da parte di Regione Lombardia, fa felice Legambiente Bergamo. 

“Un evento storico per quel che riguarda il nostro territorio – sottolinea l’associazione ambientalista – che rilancia l’intuizione avuta negli anni ’70 dai cittadini che promossero la nascita del Parco Regionale dei Colli di Bergamo e 20 anni fa dalle associazioni ambientaliste e comitati locali che promossero il PLIS del Parco Agricolo Ecologico”.

Elena Ferrario presidente di Legambiente Bergamo commenta: “Non possiamo che essere felici che, finalmente, il Consiglio Regionale abbia approvato l’inserimento delle aree cittadine del PLIS della Madonna dei Campi nel Parco Regionale dei Colli di Bergamo. Abbiamo atteso a lungo questo passaggio e siamo grati a tutti coloro – in particolare al Parco dei Colli di Bergamo – che si sono attivati per centrare l’obiettivo. Auspichiamo ora che lo sforzo di tutela fatto per il PLIS venga continuato sulle altre aree della Cintura Verde e per i corridoi ecologici della città. La cintura verde svolge una funzione ecologica importantissima, particolarmente preziosa per la mitigazione climatica. Non nascondiamo preoccupazione per il consumo al quale si sta assistendo e auspichiamo che la nuova perimetrazione possa davvero rappresentare un vantaggio per la cittadinanza”.

“Grande soddisfazione per questo tassello che comprende anche un’area particolarissima come la Valle del Brunone, seppur staccata territorialmente dal Parco dei Colli originario – aggiunge Paola Morganti, presidente di Italia Nostra Bergamo – L’ampliamento del Parco, avvenuto grazie ad una maggiore sensibilità ambientale anche negli amministratori e sulla spinta di Associazioni come la nostra, deve tradursi in una reale tutela delle aree verdi. Ci auguriamo che si faccia un ulteriore sforzo per la Cintura Verde del Comune di Bergamo a partire dall’approvazione nel PGT di norme specifiche di tutela effettiva per tutte le aree che serviranno a comporla più ricca e ampia possibile, prima che le pressioni e i progetti in atto consumino in modo irreversibile ulteriore suolo. In questo senso, ora, le amministrazioni comunali hanno una grande responsabilità di agire coerentemente alle strategie ambientali avviate”.

Sia Legambiente Bergamo che Italia Nostra Bergamo hanno sottolineato la grande importanza di questo passo avanti per la tutela e la valorizzazione del territorio e ribadiscono la necessità di una rivisitazione del sistema dei Parchi Regionali in Provincia di Bergamo anche attraverso la creazione di un Parco della Pianura bergamasca e la salvaguardia dei corridoi ecologici di collegamento tra i diversi Parchi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI