Prestito con obbligo

Accordo tra Atalanta e Monza: Pessina si trasferirà in Brianza

In mattinata l'incontro decisivo per la chiusura: formula del prestito, il riscatto dipenderà dalla salvezza della squadra di Stroppa.

Bergamo. Ora si può dire: Matteo Pessina torna a casa. È stato raggiunto nella mattinata di lunedì 4 luglio l’accordo totale per il passaggio del trequartista classe 1996 dall’Atalanta al Monza, la squadra neopromossa in cui Pessina è cresciuto.

Nativo proprio del capoluogo brianzolo, il campione d’Europa si trasferirà con la formula del prestito, con obbligo di riscatto che scatterà solo in caso di salvezza. Le notizie che arrivano nelle ultime ore parlano di una cifra di 15 milioni di euro.

Se il club di proprietà dell’ex premier Berlusconi dovesse mantenere la categoria, solo la metà della cifra andrà incassata dai bergamaschi: l’altro 50% spetterà al Milan per una clausola inserita nell’accordo di trasferimento con la Dea siglato nel 2017.

I rossoneri avrebbero rinunciato alla loro percentuale solo ad una condizione: che Pessina raggiungesse le 100 presenze con la maglia dell’Atalanta. Il classe 1997 però è fermo a 96 e stando al calendario diffuso venerdì nemmeno ad agosto avrebbe la possibilità di giocare 4 partite prima della chiusura del mercato: Atalanta-Torino, gara della 4a giornata, si gioca proprio in concomitanza con la chiusura del mercato, la sera dell’1 settembre.

Nei prossimi giorni Pessina è atteso a Monza per le visite e la firma. Sarà probabilmente anche il nuovo capitano. In mattinata l’Atalanta ha definito anche un’altra cessione, con il primavera Giorgio Cittadini che giocherà nel Modena con la formula del prestito.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI