In tribunale

Parco Adda Nord, legittima la protesta per l’uccisione dei procioni: archiviata denuncia contro la Lav

Una biologa si era sentita colpita dalle iniziative dell’associazione animalista

Bergamo. La Lav aveva il diritto di battersi contro l’uccisione dei procioni disposta dal Parco dell’Adda Nord e pubblicando i nomi dei decisori non ha compiuto alcun reato. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bergamo, accogliendo la richiesta della Procura della Repubblica, ha definitivamente archiviato il procedimento nato dalla denuncia nell’aprile 2020 di una biologa del Parco che si era sentita colpita dalle iniziative dell’associazione animalista che – con l’ausilio della propria sede locale – aveva affisso manifesti nella provincia e pubblicato sui propri canali informative per contrastare l’eliminazione di animali considerati di una specie “aliena invasiva”.

“È stato riconosciuto il nostro diritto di critica – affermano Donato Ceci e Grazia Parolari della LAV di Bergamo – purtroppo tutti i nostri tentativi di convincere Regione, Provincia e Parco ad attuare politiche di contenimento o eradicazione non cruente quegli animali non è a suo tempo andato a buon fine. Nonostante il danno etico ed ecologico abbiamo però evitato la beffa di una condanna giudiziaria con un’indagine che, entrando nel merito di quanto abbiamo scritto e diffuso, ha riconosciuto la legittimità delle nostre azioni per far attuare sulla base di precisi dati scientifici e tecnici, un’alternativa incruenta all’uccisione degli animali”.

La LAV, chiamata in causa nel procedimento anche con il presidente nazionale Gianluca Felicetti, ringrazia l’avvocato Massimiliano Canè del Foro di Bologna per l’assistenza prestata e continuerà a opporsi, se possibile con ancora più forza, a ogni decisione di uccisione di animali anche se disposte in nome della tutela della biodiversità e da un ente preposto alla tutela dell’ambiente.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI