L'annuncio

FAE Technology sigla membership triennale col MIT di Boston

“Dopo quattro anni di collaborazione tra noi e i ricercatori del Senseable City Lab – commenta Lanza – grazie a questa membership d’ora in poi potremo avere accesso alla vasta tecnologia sviluppata nei laboratori del MIT”

FAE Technology Spa, società benefit di Gazzaniga, ha siglato una membership triennale (2022/2024) col MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston. Più precisamente, col Senseable City Lab Consortium, diretto dall’italiano Carlo Ratti.

L’annuncio è stato dato venerdì 24 giugno dall’amministratore delegato dell’azienda seriana, Gianmarco Lanza, a conclusione di un incontro ospitato nell’auditorium di Confindustria Bergamo al Kilometro Rosso. Asse portante dell’intesa: consolidare e sviluppare la collaborazione tra i team di FAE e del MIT, nelle attività di Ricerca. Primo banco di prova sarà l’hardware di City Scanner; uno strumento che, installato su taxi e camion della spazzatura di Cambridge (città dell’area metropolitana di Boston), servirà per rilevare e determinare le variazioni spazio-temporali degli indicatori ambientali: dalla qualità dell’aria alla sostenibilità degli edifici, dalla presenza di verde urbano al traffico veicolare fino all’inquinamento acustico; mettendoli a disposizione delle Pubbliche amministrazioni mettendole nelle condizioni di affrontare le maggiori problematiche ambientali.

“Dopo quattro anni di collaborazione tra noi e i ricercatori del Senseable City Lab – commenta Lanza – grazie a questa membership d’ora in poi potremo avere accesso alla vasta tecnologia sviluppata nei laboratori del MIT”. “Per la nostra azienda – prosegue l’amministratore delegato di FAE – ciò significherà un indubbio salto di qualità, che valorizzerà i significativi investimenti fatti nell’ultimo lustro nell’area Ricerca e Sviluppo: approssimativamente 5 milioni”.

In sostanza, questa l’intenzione di massima, “periodicamente due-tre ricercatori di FAE Technology, sui circa 15 addetti all’area R&S, voleranno a Boston per lavorare, per determinati periodi, gomito a gomito con i loro colleghi americani con l’obiettivo di definire progetti e stabilire un percorso di crescita congiunto tra i due team”.

“Fornire tecnologia e soluzioni in favore dei progetti di ricerca di uno dei più importanti laboratori del settore, presente nel panorama mondiale – ha chiosato Gianmarco Lanza – oltre ad essere motivo di grande orgoglio ci rende consapevoli del fatto che la vicinanza col MIT Senseable City Lab e la possibilità di interazione diretta con i diversi progetti di ricerca, sono elementi di forte motivazione per il nostro personale, sempre più coinvolto in un contesto internazionale e vocato all’innovazione”.

Generico giugno 2022
Gianmarco Lanza

Già attivo nelle città di Boston, New York, Amsterdam e Stoccolma, il progetto City Scanner risulta potenzialmente applicabile a qualsiasi contesto urbano, piccoli Comuni compresi. È anche questo uno dei messaggi lanciato questa mattina dai  protagonisti dell’evento, che ha visto i ricercatori del MIT Senseable City Lab Fábio Duarte, Simone Mora e Martina Mazzarello presentare le molteplici attuazioni dei propri progetti alle Smart City, con particolare riferimento a quelli che vedono direttamente coinvolta FAE Technology.

In particolare, Simone Mora, ricercatore del MIT Senseable City Lab originario di Casazza ha aggiunto: “Strutturare la nostra collaborazione con FAE Technology, significa poter andare ad implementare ulteriormente la piattaforma City Scanner, sviluppando tecnologie oggi applicate in molte grandi città del mondo ma che auspichiamo possa giungere presto anche in Italia, in particolare a Bergamo. In questo senso, la collaborazione tra il nostro laboratorio, realtà imprenditoriali altamente innovative come FAE Technology e amministrazioni pubbliche locali risulta infatti fondamentale perché i progetti di ricerca trovino concreta applicazione, portando così beneficio alle comunità”.

All’evento FAE Technology meet MIT, moderato da Giacomo Biraghi, Responsabile Innovazione Confindustria Bergamo, hanno presenziato anche l’Assessore all’Innovazione del Comune di Bergamo, Giacomo Angeloni, e la sua omologa del Comune di Milano, Layla Pavone, oltre al Sindaco e al Vicesindaco di Gazzaniga (il comune dove FAE Technology ha il proprio quartier generale) Mattia Merelli e Angelo Merici.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI