Martedì sulla provinciale

Dalmine: travolto in bici da una motocicletta, muore due giorni dopo all’ospedale

La vittima è Ramiro Roberto Pardo Saavedra, boliviano di 62 anni. Lascia la moglie e 3 figli

Dalmine. Ha resistito due giorni, dopo essere stato sbalzato dalla sella della sua bicicletta in seguito ad uno scontro con una motocicletta ed aver subito un intervento chirurgico durato una notte intera. Giovedì pomeriggio Ramiro Roberto Pardo Saavedra, 62 anni, di origine boliviana, è deceduto: troppo gravi i traumi riportati nell’incidente.

L’uomo viveva con la moglie e i loro tre figli a Bergamo, quartiere San Tomaso. La donna era arrivata in Italia nel 2003 e lui l’ha raggiunta nel 2006. Era un gran lavoratore: autista e giardiniere per una famiglia e dipendente di un’impresa di pulizie.

Martedì pomeriggio Pardo Saavedra stava andando dal meccanico per far riparare la sua automobile. Era in sella alla sua bici, lungo la strada Provinciale a Dalmine e pedalava verso Milano. All’altezza del civico 70 è stato travolto da una motocicletta Bmw 600, che procedeva nella sua stessa direzione: violentissimo l’impatto, il 62enne ha fatto un volo ed è atterrato sull’asfalto, privo di conoscenza. Immediati i soccorsi: l’uomo è stato trasportato d’urgenza, in codice rosso, all’ospedale Papa Giovanni. È stato operato ed è rimasto in coma un giorno, ma giovedì pomeriggio il suo cuore si è fermato.

La sua famiglia e alcuni parenti hanno atteso notizie dai sanitari all’ospedale. Molto cattolici, hanno pregato per lui sperando che le sue condizioni migliorassero. Ma Ramiro Roberto non ce l’ha fatta.

Lascia la moglie Rossemary Sandra, i figli Natalia di 22 anni, Daniela di 14 e Matteo di 9. La data dei funerali non è ancora stata fissata.

Sulla dinamica del sinistro la polizia locale di Dalmine sta ancora indagando per ricostruire esattamente quanto accaduto. Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza e le testimonianze di chi ha assistito all’incidente. Da una prima sommaria ricostruzione pare che Pardo Saavedra abbia leggermente sterzato verso in centro della carreggiata, proprio mentre sopraggiungeva la motocicletta con in sella una coppia di Boltiere, che non è riuscita ad evitare lo scontro.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI