Quantcast
L'Atalanta riparte dalla coppia Congerton-D'Amico: "Per crescere anche a livello internazionale" - BergamoNews
La presentazione

L’Atalanta riparte dalla coppia Congerton-D’Amico: “Per crescere anche a livello internazionale”

Il gallese sarà responsabile dell'area sport e l'ex Verona il nuovo Direttore sportivo: "Demiral è un gran colpo e resta con noi"

Zingonia. L’Atalanta riparte da una coppia gallese-pescarese. A pochi giorni dall’avvio della preparazione per la stagione 2022/’23, la società nerazzurra ha presentato i suoi due nuovi dirigenti: Lee Congerton e Tony D’Amico.

Il primo, gallese di 48 anni, ricoprirà il ruolo direttore dell’area sport e sarà a capo del team deputato a scoprire talenti in giro per il mondo, mentre il secondo, 42enne originario di Pescara, è il nuovo direttore sportivo al posto di Giovanni Sartori, passato al Bologna.

A introdurli l’amministratore delegato Luca Percassi (“Papà ha un problema al ginocchio e si dispiace di non poterci essere”): “Si tratta di due profili, uno internazionale e uno nazionale, per continuare la nostra crescita. Sono i migliori dirigenti che la società potesse scegliere tra tutti, e sono tanti, quelli che si sono proposti in questi anni. Lee per ampliarci nel mondo, visto che il calcio negli ultimi anni è cambiato, Tony, che è giovane ma esperto, per rinforzare la squadra”.

Squadra e obiettivi, la prima risposta che si aspettano i tifosi e anche mister Gasperini. A chiarire la situazione ci prova D’Amico: “La rosa già adesso è competitiva. Ma noi puntiamo a rinforzarci. L’obiettivo è quello di rimanere una formazione coraggiosa e ambiziosa, come abbiamo dimostrato in questi anni. Cercheremo di arrivare pronti al ritiro (che partirà il 4 luglio). Il primo traguardo, come dice Antonio Percassi, è sempre quello dei quaranta punti. E poi crescere”.

Congerton, che mostra già un discreto italiano e si concede anche un simpatico “Pota” e un “Mola mia”, invece punta in alto: “Spero di tornare in Europa “. Poi inquadra il suo profilo ideale di giocatore: “Li voglio giovani, affamati e veloci, anche nella testa. Per scoprire giovani talenti e non sbagliare è importante vederli bene da vicino”.

A proposito di giocatori, D’Amico esprime una certezza su Demiral, fresco di riscatto per 20 milioni della Juve: “Resterà con noi. È il miglior colpo finora nel mercato italiano”. Poi, forse anche per tattica, esclude l’arrivo di elementi del “suo” Verona come Simeone, Ilic e Barak: “No, non ci interessano”. Invece su Cambiaso del Genoa “è uno dei tanti nomi che circolano”.

Poi altre notizie di mercato, con Percassi che conferma a breve un incontro con il Monza, in cui si dovrebbe parlare di Pessina, Gollini e Lovato. Nuno Tavares rimane un nome nella lista desideri nerazzurri ma non facile da raggiungere.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI