Riva di solto

Bogn chiuso per realizzare una ciclabile, ma il proprietario dei terreni non ci sta

Vittorio Capitanio si è rivolto ad un avvocato: "Dal Comune non mi hanno detto nulla, non c'è stato alcun incontro, ed hanno recintato il mio piazzale senza avvisarmi"

Riva di Solto. Una baia naturale, da mozzare il fiato, che attira turisti da tutta Europa. Una riserva che da qualche
tempo però attira anche molte polemiche. Il Bogn di Riva è chiuso.

Dopo un mega progetto, cassato dalla Sovrintendenza, che prevedeva una grande galleria giudicata troppo impattante, l’Amministrazione ‘ha riparato’ su una pista ciclopedonale che però passa lungo una proprietà privata.  Il proprietario, Vittorio Capitanio, non ha trovato l’accordo con il Comune e ora preannuncia guerra.

Anche perché il Bogn è chiuso per effettuare lavori che riguardano anche la sua proprietà e lui sostiene di non saperne niente. Intanto l’area resterà inaccessibile sino al 27 dicembre, l’ordinanza del Comune è del 10 giugno.

I famosi lavori attesi da tempo di cui era stato modificato il progetto, quindi, dovrebbero essere in partenza ma c’è un…ma. Il principale proprietario dei terreni dove transita il Bogn non ci sta: “È assurdo, non mi hanno detto nulla, non
c’è stato nessun incontro, ora ho passato tutto all’avvocato – dichiara Vittorio Capitanio -. Aspetto che mi dica qualcosa. Non abbiamo visto gli interventi che vogliono fare, il piazzale li davanti è il mio è l’hanno recintato senza dirmi nulla, a questo punto penso che la misura sia colma”.

“Chiudere il Bogn all’inizio di una promettente stagione turistica e dopo anni di grandi difficoltà per l’economia del territorio – attacca Norma Polini, già sindaco di Riva di Solto e esponente di minoranza dell’attuale Consiglio
comunale – è un atto irresponsabile che colpisce non solo il turismo di questo tratto di lago, ma dell’intero comprensorio iseano. Pensare poi che i lavori si protrarranno fino a fine anno ha dell’incredibile: un vero atto di autolesionismo”.

Ma intanto in questi giorni di caldo torrido molti turisti hanno pensato di spostare le transenne e godersi il fresco ugualmente. E ora si attendono sviluppi perché Capitano è sul piede di guerra: “Vedrete ora che succede, adesso basta”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI