Da 60 volontari

Cinquecento chili di plastica e rifiuti raccolti nell’Oasi Verde di Seriate

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’associazione Plastic Free e Brita

Seriate. Domenica mattina 60 cittadini volontari hanno rimosso 500 kg di plastica monouso e rifiuti abbandonati che inquinavano l’Oasi Verde di Seriate. All’evento hanno preso parte giovani e adulti di tutte le età che, muniti di guanti e sacchetti, hanno ripulito quest’area verde simbolo del territorio.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’associazione Plastic Free e Brita, azienda che ha inventato la caraffa filtrante come alternativa sostenibile all’acqua in bottiglia, con l’obiettivo di diffondere buone pratiche di sostenibilità e di sensibilizzare i cittadini sull’impatto dell’inquinamento della plastica monouso.

A questa mattinata ecologica ha preso parte anche Veronica Ruggeri, conduttrice TV e Brand Ambassador Brita, che ha realizzato e condiviso sui social un reportage in diretta dell’evento, sottolineando l’importanza delle nostre azioni quotidiane per ridurre l’inquinamento e costruire un futuro in cui l’attenzione all’ambiente sia finalmente centrale.

Brita ha la propria sede italiana a Grassobbio, un territorio con cui nel tempo si è instaurato un forte legame e si è consolidata un’interazione virtuosa. Alla luce di questa sinergia, e dalla convinzione che ciascuno di noi possa contribuire a tutelare l’ambiente, l’azienda ha fortemente voluto inserire, all’interno del progetto nazionale realizzato con Plastic Free, questo appuntamento all’Oasi Verde di Seriate, a cui ha preso parte anche il team italiano del Gruppo.

“L’attenzione alla sostenibilità ambientale è un aspetto identitario, connaturato a Brita. Giornate come questa, proprio nel nostro territorio, sono momenti fondamentali di sensibilizzazione e di condivisione che si affiancano al nostro costante impegno, come azienda, per la tutela dell’ambiente – ha affermato Lorenzo Sarvello, amministratore delegato di Brita Italia – I dati sull’inquinamento da plastica monouso ci mostrano infatti come non si possa più aspettare: tutti noi siamo chiamati a rivedere le nostre abitudini e a collaborare per costruire insieme un futuro più sostenibile”.

“Ringrazio tutti i partecipanti che con entusiasmo hanno aderito a questa iniziativa, condividendone fin da subito lo spirito di collaborazione e impegno con l’obiettivo di tutelare questa preziosa Oasi Verde. La partnership nasce proprio dalla convinzione di entrambe le realtà che per proteggere il nostro pianeta sia necessario coinvolgere tutte le generazioni e diffondere una cultura della sostenibilità” ha dichiarato Diego Sonzogni, referente di Plastic Free.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI