Altra aggressione

Bergamo, nuovi disordini in carcere: “Troppi detenuti e pochi agenti, uno ferito con lametta”

Il sindacato Fns Cisl torna a denunciare le difficili condizioni dei poliziotti penitenziari in via Gleno

Bergamo. Sembra non avere fine la “preoccupante escalation di eventi critici” nel carcere di via Gleno a Bergamo secondo il sindacato Fns Cisl, che torna a denunciare le difficili condizioni dei poliziotti penitenziari costretti a “farsi carico delle mancanze di un sistema carcerario che, nel suo complesso, palesa diverse criticità”.

Domenica sera, 19 giugno, sarebbe stata particolarmente difficile per i poliziotti penitenziari, chiamati a far fronte ad “una serie di disordini in almeno due sezioni dell’Istituto che hanno causato – riporta il sindacato – anche la ferita per un taglio da lametta ad un agente di Polizia Penitenziaria, ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso”.

Le ragioni dei disordini sono da accertare, “ma allo stato attuale parrebbe tutto causato da banali motivi che detenuti particolarmente facinorosi hanno cavalcato per mettere in subbuglio l’Istituto. Ad un mese dalla nostra ultima denuncia – sottolinea Toni Sole, segretario generale di Fns Cisl di Bergamo -, dobbiamo ancora fare i conti con una situazione sempre meno tollerabile. L’elevata presenza di detenuti, con punte di oltre il 152% rispetto alla capienza tollerabile, e un organico di poliziotti penitenziari drammaticamente sottodimensionato (oltre il 20% di unità in meno) sono il binomio drammatico di fattori che delineano il quadro in cui versa la struttura carceraria di Bergamo e che da anni sono oggetto di segnalazioni da parte del nostro sindacato “.

“Tutta la Fns Cisl – conclude Sole – si stringe in un ideale abbraccio al collega ferito in servizio, augurandogli una pronta e rapida guarigione. All’amministrazione Penitenziaria, invece, chiediamo siano adottati rapidi interventi affinché si possa assicurare una gestione ordinata ed in sicurezza dell’istituto di Bergamo”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Interrogatorio di Bossetti in carcere
Le reazioni
Disordini in carcere, “+152% rispetto alla capienza, Cartabia venga a Bergamo per rendersi conto”
Interrogatorio di Bossetti in carcere
Via gleno
Carcere di Bergamo, in pochi giorni muoiono due detenuti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI